Connettiti con noi

Calcio

Un-Fair Play Finanziario: i documenti di Football Leaks inguaiano Infantino

Emanuele Sabatino

Published

on

Advertisements
Advertisements

Un-Fair Play Finanziario: i documenti di Football Leaks inguaino Infantino

Le squadre più ricche del pianeta con i proprietari del Medio Oriente, Paris Saint Germain e Manchester City hanno utilizzato decine di milioni di euro provenienti da accordi di sponsorizzazioni più che sospetti secondo i documenti provenienti da Football Leaks e scrutati da Reuters. Protagonista del malaffare uno degli uomini più potenti del calcio, Gianni Infantino, che ha sempre  sostenuto il suo progetto di giustizia ed equilibrio nel calcio. In pubblico l’attuale Presidente della FIFA promuoveva le regole per ridurre l’indebitamento delle squadra e impedire ai club super ricchi di dominare grazie alla loro potenza economica, cercando di  creare uno sport più equilibrato.

Le indiscrezioni di Football Leaks

In privato, invece, il “buon” Gianni al predicare bene di cui sopra nella realtà razzolava molto molto male. Da un esame di migliaia di documenti in relazione agli affari dei club, come ha rilevato il Der Spiegel e gli altri giornali del gruppo EIC (European Investigative Collaborations) studiando i documenti di Football Leaks, è emerso che Infantino è stato coinvolto in prima persona in una negoziazione sottobanco con il board giudicante del Fair Play Finanziario e della UEFA per ammorbidire le posizioni di PSG e Manchester City a proposito dei conti e del bilancio, evitando alle due super-potenze sanzioni gravi e l’esclusione dalle competizione internazionali.

Il meccanismo

Sempre dalle carte emerge che il “trucchetto” per permettere alle  squadre oggetto d’inchiesta di spendere e spandere a piacimento risale al 2014, quando venne permesso alle due squadre di accettare sponsorizzazioni gonfiate palesemente e totalmente oltre la soglia di valore stimata dagli esperti indipendenti assunti dalla UEFA. Questa se vogliamo è solo la conferma dei dubbi di milioni di appassionati e tifosi di calcio, dove anche i meno attenti hanno notato che c’era qualcosa che non andava con gli affari, Neymar e Mbappe’ su tutti, delle due squadre.

La cosa che fino ad oggi non si sapeva è che il “capo supremo” del calcio mondiale potesse essere non solo a conoscenza di tutto questo ma promotore e burattinaio del tutto in prima persona, sempre secondo quanto emerso dalle ricerche sui documenti di Football Leaks.

 

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto + uno =