Connettiti con noi

Basket

Non solo March Madness: ecco la storia del vecchio NIT

Avatar

Published

on

Advertisements
Advertisements

Non solo March Madness: ecco la storia del vecchio NIT

Siamo nel pieno del March Madness, il torneo finale che assegna il titolo di Campione assoluto tra le Università americane nel basket. Il Division 1 Men’s Basketball Championship, questo il nome ufficiale, non è però la prima manifestazione che ha cercato di scegliere un unico campione nazionale all’interno del movimento del basket universitario. Nel 1938 infatti, un anno prima della nascita del futuro March Madness, la Metropolitan Basket Writers Association, aveva fondato a New York il NIT (National Invitation Tournament) con lo scopo di invitare a fine stagione nella Grande Mela le formazioni univeristarie che si erano maggiormente distinte durante la stagione e farle sfidare tra loro onde scegliere la migliore sul già allora blasonato parquet del Madison Square Garden.

Sei furono le squadre a confrontarsi in quella prima edizione: nel turno preliminare Temple superò Bradley 53-40 e NYU Long Island 39-37, in semifinale ancora Temple ebbe ragione di Oklahoma A&M 56-55 mentre NYU dovette cedere a Colorado 48-47. In finale finì l’equilibrio che aveva contraddistinto i turni precedenti e l’Università di Temple divenne il primo campione del NIT superando in modo molto netto 60-36 i rivali di Colorado.

Le squadre partecipanti rimasero 6 fino al 1941, quando salirono a 8, per poi crescere progressivamente fino alle 40 del 2002, nel 2007 si fissò il numero alle attuali 32. Nel frattempo era nato anche il torneo finale organizzato direttamente dalla NCAA e per anni le discussioni su quale fra le due squadre vincitrici fosse la più forte imperversarono. Nei primi anni è indubbio che il NIT avesse dei vantaggi rispetto al torneo rivale, che, invitando solo una squadra da ciascuna delle otto macroregioni degli Stati Uniti lasciava a disposizione degli organizzatori del torneo di New York team di altissimo livello, e, non essendoci o quasi all’epoca copertura mediatica nazionale per il basket universitario il fatto che il NIT si giocasse appunto a New York gli dava molta più visibilità del torneo della NCAA, e fino almeno alla metà degli anni Cinquanta si può dire che fu proprio il NIT a godere di maggior prestigio. Solo tra il 1943 e il 1945 la Croce Rossa Americana organizzò una super finale, per raccogliere fondi per sostenersi in quegli anni di guerra, tra le due squadre vincitrici e sul campo sempre prevalsero i campioni NCAA.

Col passare degli anni il Nit però iniziò a declinare a favore delle finali ufficiali, anche per una serie di norme messe in atto dal direttivo della NCAA per favorire, in alcuni casi obbligare le singole Università a partecipare alla loro competizione, e l’allargamento fino a 68 squadre, 32 di diritto per i piazzamenti nelle conference e 36 chiamate da un’apposita commissione, ridotte successivamente a 32 da un turno preliminare tra le otto considerate meno forti per arrivare a comporre il tabellone finale a 64, del torneo NCAA ha portato a un definitivo declino del NIT che oggi in praticasi trova ad assegnare il sessantanovesimo posto tra i college USA.

La manifestazione però sopravvive, nel 2005 è stata acquistata dalla NCAA stessa, che ha così posto fine alle accuse di violazioni delle normative anti trust che gli organizzatori rivali le avevano sollevato in più occasioni. I primi tre turni però ormai si disputano presso i campus delle università partecipanti, gioca in casa la migliore del ranking, e solo le Final Four hanno mantenuto la sede storica del Madison Square Garden.

Naturalmente il fatto che a partecipare al NIT siano solo squadre che non anno ottenuto inviti tra le prime 68 ha provocato crudeli battute nei confronti di ciò che resta della manifestazione, il torneo ha ricevuto vari soprannomi denigratori giocando sulle sulle lettere iniziali: “Not Invited Tournament” “National Insignificant Tournament” “Not Important Tournament” e via di questo passo. Anche i tifosi  quando vedono gli avversari in particolare difficoltà sono ormai soliti alzare il coro “NIT! NIT! NIT!” come da noi si urlerebbe “Serie B! Serie B!”

Comunque il NIT si gioca ancora, iniziato tra il 13 e il 14 marzo col primo turno, proseguito con gli ottavi di finale tra il 16 e il 19, sta vedendo in questi giorni la disputa dei quarti di finale, che porteranno le vincitrici a giocare le Final Four tra il 27 e il 29 nella sede storica del Madison Square Garden. Al momento si sono qualificate le università di Penn State e di Mississipi State.

Tra il 1969 e il 1996 si giocò anche la versione femminile del NIT, rinata poi dopo un anno di sospensione col nuovo nome di WNIT, al contrario della versione maschile però il torneo femminile resta nelle mani di organizzatori privati non essendo stato acquistato dalla NCAA.

Sono nato oltre cinquant'anni fa sulla sponda lombarda del Lago Maggiore, e la passione per lo sport è cresciuta con me dai primi anni. Sono stato praticante di varie discipline, a livello bassissimo e senza risultati, dirigente di società, e lo sport ho provato a raccontarlo, e ancora cerco di farlo, per descrivere quei momenti in cui l'adrenalina sale e non si ha tempo di badare al controstarter...

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × quattro =

Sito web realizzato da Why Not Web Communication | IoGiocoPulito.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma - Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 - Direttore Responsabile Antonio Padellaro | Società Editrice Io Gioco Pulito srls | Mail: redazione@iogiocopulito.it |