Connettiti con noi

Non solo sport

Maria Noemi: se il Tar rischia di trasformare un calvario in dramma

Simone Nastasi

Published

on

Non è ancora detto che lo sfratto alla fine avvenga. Ma nella casa di Maria Noemi, la bambina resa malata sin dalla nascita a causa di un errore medico, giorno dopo giorno sale la preoccupazione. Perché dal 1 luglio, anche sulla casa di Maria Noemi e della sua famiglia (e di altre 306) pende proprio come una spada di Damocle la decisione del TAR di confermare tutti i provvedimenti di sfratto. Che nel novembre scorso, il dipartimento Urbanistica del Comune di Roma aveva inviato a tutti gli assegnatari delle case popolari ricevute nel 2006, grazie al provvedimento firmato da due dirigenti comunali poi finiti sotto inchiesta. Ed è proprio la sentenza di condanna definitiva (arrivata nel 2016) dei due dirigenti a dare l’inizio a tutta questa storia. Nella quale, è finita suo malgrado anche la famiglia di Maria Noemi. La quale, come abbiamo già raccontato ai lettori di Io Gioco Pulito, a differenza di molti altri assegnatari, già nel 2006 i requisiti per poter ottenere l’alloggio popolare li aveva tutti. E proprio in base a una delibera del Comune (la 132 del 2003) che predisponeva una riserva di alloggi ERP (cioè di edilizia residenziale pubblica) al 25% dei casi che rientravano nella cosiddetta “emergenza abitativa” . Condizione nella quale, proprio il dipartimento delle Politiche Abitative aveva riscontrato che si trovasse la famiglia di Maria Noemi. Dovuta ad uno stato di sovraffollamento in cui viveva la famiglia che tra l’altro era stato riconosciuto come “incompatibile” con lo stato di salute della bambina.

Da qui la decisione delle Politiche Abitative di procedere con l’assegnazione dell’immobile. Fino al novembre scorso, quando lo stesso Dipartimento (cambiati i dirigenti) ha fatto recapitare anche alla famiglia di Maria Noemi il provvedimento di sfratto. Ed è iniziato un vero e proprio calvario fatto di carte bollate e ricorsi, tra richieste di incontri con la sindaca (mai avvenuti) e promesse dell’assessore al Bilancio Mazzillo che per adesso, non sono ancora state mantenute. Come ha scritto il Corriere della Sera il 1 luglio, lo stesso Mazzillo avrebbe chiesto all’avvocatura capitolina di “riconsiderare i provvedimenti di rilascio forzoso con una possibile sospensione degli sfratti”. Richiesta che però evidentemente, non sarebbe stata presa in considerazione. In mezzo l’intercessione dell’ex premier Silvio Berlusconi il quale, intervenuto con una telefonata in diretta tv nella quale era presente come ospite il padre di Maria Noemi Emmanuel, ha pubblicamente dichiarato di volersene fare carico. Promettendo al padre della bambina, anche in un incontro avvenuto nei giorni successivi a Palazzo Grazioli, che avrebbe sistemato la faccenda. Anche se per adesso, dopo due mesi da quella telefonata, la faccenda non è ancora stata sistemata. E nel frattempo è arrivata la decisione del TAR che ha confermato i provvedimenti di sfratto per le assegnazioni avvenute nel 2006. Tra le quali c’è anche appunto la famiglia di Maria Noemi. Che adesso rischia dopo mesi di calvario, di vivere un vero e proprio dramma.

Non solo sport

Fanbody: arriva in Italia il progetto che, attraverso la chirurgia estetica, aiuta le donne che non riescono più ad accettarsi dopo un tumore

Angela Failla

Published

on

FanBody è un progetto rivoluzionario, tutto al femminile, unico nel suo genere: un vero e proprio crowdfunding della chirurgia estetica, creato per aiutare tutte le donne che combattono quotidianamente con la propria immagine e che non riescono più ad accettarsi dopo un incidente o un tumore.

L’idea nasce dall’esperienza di tante donne e dalla volontà di dare vita ad un progetto con un forte contenuto etico, conferendo un nuovo valore alla bellezza, soprattutto per chi ha combattuto dure battaglie contro il cancro e ne porta ancora le cicatrici sul corpo. Il portale si avvale infatti della collaborazione dei migliori professionisti della bellezza e di aziende leader del settore con lo scopo di offrire una possibilità a tutte coloro che vogliono correggere grandi e piccoli difetti fisici.

Fanbody ha uno scopo: permettere ad ogni donna di sentirsi bene con se stessa, aiutandola ad accettarsi, anche a causa di un evento traumatico come un tumore o un incidente.

E’ una nuova idea di bellezza.

E’ la chirurgia al servizio delle donne: un progetto mai sperimentato prima in Italia, social ma dal valore etico, perché chiunque potrà aiutare ogni donna a realizzare il proprio sogno, aderendo ad una o più campagne, acquistando prodotti o attraverso una donazione. In cambio si riceveranno premi e omaggi, ma il regalo più grande sarà la possibilità di aiutare qualcuno a ritrovare il sorriso.

Protagonisti del portale, oltre a donne dalla forte personalità con alle spalle storie intense, sono i chirurghi. Primo fra tutti il dottor Luca Grassetti, esperto in diastasi addominale, da sempre dalla parte delle donne. Definito anche il “chirurgo dal cuore d’oro” perché ha permesso a centinaia di pazienti con storie di traumi e sacrifici alle spalle, di sottoporsi ad interventi di addominoplastica a costi davvero accessibili.

Accanto a lui altri grandi professionisti del settore come: il dottor Vincenzo Nunziata, esperto in chirurgia plastica ricostruttiva; la dottoressa Mariza Moio, specializzata in tecniche ricostruttive soprattutto in ambito cranio-facciale; e il dottor Gianfranco Petrolo, spesso ospite di trasmissioni televisive in qualità di esperto di chirurgia estetica della mammella e del viso.

Le donne che combattono in silenzio le loro malattie e la loro immagine adesso avranno una voce in più e potranno sentirsi davvero meno sole.

Continua a leggere

Non solo sport

Terry Gilliam e il suo Don Quixote conquistano l’Ischia Global fest

Angela Failla

Published

on

Visionario, dal talento geniale. Una lunga carriera formata da grandi intuizioni intervallate a rovinose cadute, un cinema incantato e al contempo crudele. Questo e tanto altro è Terry Gilliam: regista, sceneggiatore, attore e all’occorrenza anche disegnatore, capace di creare nei suoi film piccoli mondi sospesi tra favola e realtà senza tralasciare il suo ecclettismo figurativo e quel suo personalissimo delirio poetico. Dall’apocalittico e distopico “Brazil” (che gli è valsa la candidatura agli Oscar come miglior sceneggiatura nel 1986) al Medioevo di “Jabberwocky”, attraversando la storia con i viaggi de “I banditi del tempo” e il beffardo “Le avventure del barone di Munchausen”. E poi ancora i bassifondi di New York in “La leggenda del Re Pescatore”, in viaggio per le strade di “Paura e delirio a Las Vegas”, nell’universo fiabesco e deformato dei “Fratelli Grimm”, senza tralasciare il faustiano “Doctor Parnassus”.

Finalmente, dopo quasi 30 anni di attesa, fatti di traversie inenarrabili, Terry Gilliam ha presentato quest’anno, all’Ischia Global Festival di Pascal Vicedomini l’anteprima italiana di “The Man Who Killed Don Quixote”.

«Ci sono voluti tanti anni per fare il mio “Don Quixote”, è stato un vero e proprio viaggio nel tempo, ma anche il mio primo western. Ho sempre amato e desiderato fare un western».

Ha esordito così Terry Gilliam raccontando quello che è il suo Don Quixote, liberamente ispirato all’opera incompleta di Welles, che l’autore di Bazil ha ambientato nell’epoca moderna.

«Ho sempre avuto il lavoro di Orson Welles in testa, probabilmente perché non è riuscito a portarlo a termine. Io sono stato, forse, più determinato. Mi piaceva molto la sua idea di portare Don Chisciotte nel XX secolo. Ma il mio progetto era diverso. Quando ho cominciato a lavorare al film, nel 1989, il problema principale che mi si è presentato è stato quello di spiegare al pubblico la differenza tra diciassettesimo e ventesimo secolo. Il film dell’epoca prevedeva un personaggio contemporaneo e la storia era ambientata tra XVII e XX secolo. Il mio film è completamente diverso perché è tutto ambientato nel XXI secolo. E sono davvero molto soddisfatto del risultato ottenuto».

Un Don Chisciotte diverso da quello che siamo abituati a vedere nell’opera di Cervantes e che, grazie a Gilliam si colora di chiaroscuri e debolezze umane. «La storia di Cervantes parlava di cavalieri ma anche di quel mondo che aveva corrotto la mente di Don Chisciotte. Più che sognatore lo definirei un pazzo con una visione confusa della realtà. L’immaginazione è il mezzo più potente che abbiamo e spesso mi ci perdo dentro. Per questo ringrazio mia moglie che riesce sempre a tenermi con i piedi per terra! A volte smarrisco completamente il senso del tempo».

E se Don Chisciotte è il protagonista indiscusso del libro di Cervantes, nel film di Gilliam assume una connotazione diversa e altri personaggi vanno alla ribalta.

«Don Chisciotte, a differenza di quanto si pensi, non è l’unico protagonista della storia. Accanto a lui c’è infatti Sancho Panza e tutti noi abbiamo dentro una parte dell’uno e dell’altro. Racconto questa storia attraverso gli occhi di Toby, il personaggio di Adam Driver».

Un film che diventa anche una denuncia verso quel mondo magico che travolge e spesso corrompe le persone. «Oggi è il cinema, con i suoi film, a corrompere la mente delle persone del nostro tempo. Ho fatto questo film per vedere  l’effetto che il cinema ha sulle persone e per mostrare cosa voglia dire realizzare un film».

Un lungo lavoro, durato quasi trent’anni, pieno di insidie. Una su tutte è stata, come racconta lo stesso regista, quella di trovare i finanziamenti per raggiungere il budget che serviva a completare l’opera.

«Non è facile, oggi, produrre un film a medio budget. Le difficoltà di finanziamento per produrre “The Man Who Killed Don Quixote”, sono state enormi. Avevamo 12 milioni e mezzo di dollari ma dovevamo arrivare a 16. Per fortuna ci è venuta incontro  una ricca signora che ha creduto nel progetto. Mi sembra ridicolo che oggi non si riescano a fare film a medio budget. E’ davvero una cosa assurda».

Continua a leggere

Non solo sport

Vite Spezzate

Patrizia Angelozzi

Published

on

Genova. Stavamo per augurarci questa mattina un buon ferragosto. Invece non sarà così.
Non lo sarà con l’ennesima tragedia che in moltissimi stanno seguendo in diretta per sapere se qualcuno, vicino o lontano, è vivo o no.
L’ennesima strage senza un perché.
Abbiamo imparato a restare inebetiti di fronte a un Paese che non funziona pi
, Ustica, l’irpinia, Rigopiano, il terremoto in Molise, la terra dei fuochi con tutti i malati di cancro…e molto altro.
Un’altra tragedia immensa dalla quale, insieme agli abitanti di questa nazione speriamo che questa Italia possa imparare a recuperare e tornare a vivere dentro la legalità dei controlli, dei collaudi, delle manutenzioni e non più garante di bandi da far gestire al minimo ribasso, perché stiamo pagando con la vita, tutto il fallimento di un Paese che crolla inesorabilmente. Mentre restiamo in attesa del numero delle vittime, allo stato attuale, sono 
440 evacuati e aumenteranno, 11 palazzi svuotati, in corso sopralluoghi…tra loro,un bambino di 10 anni. Solo dieci anni. E come lui, arriveranno nomi, facce, vite spezzate per incuria.
Continua a leggere

Trending

Copyright Io Gioco Pulito srls | Mail: redazione@iogiocopulito.it | Direttore Responsabile Antonio Padellaro | Sito web realizzato da Why Not Web Communication