Connettiti con noi

Azzardo e piaghe sociali

Ludopatia: Chiesa e mani bucate, non sempre una storia di miracoli

Emanuele Sabatino

Published

on

Advertisements
Advertisements
Negli ultimi giorni è tornato in auge il problema ludopatia grazie o meglio a causa di due storie che hanno visto come protagonisti esponenti del mondo ecclesiastico.
.
In ordine cronologico il primo a risollevare il problema è stato Don Giuseppe Modena, che di istanza a Verona avrebbe usato circa 900 mila euro prese dalle offerte per giocare alle slot machine. A “beccarlo” sono stati i fedeli della parrocchia che lo vedevano sempre più spesso giocare a quelle “macchine infernali”.
.
Sui social si è subito scatenata l’ironia con frasi del tipo: “Nella chiesa le mani bucate sono un brutto vizio”, oppure: “Aspettava il miracolo delle tre fragole in fila” o altri ancora “Da ludopatia a luDIOpatia” fino al cinico: “Questo prete merita un encomio, è l’unico che ridà i soldi indietro allo Stato Italiano”.
.

Pubblicità

.
Neanche a farlo apposta  dall’altra parte del mondo, a sud di Los Angeles, due suore dell’istituto St.James di Torrance, Mary Margaret Kreuper e Lana Chang, in circa 10 anni avrebbero sottratto mezzo milione di dollari dalle tasse scolastiche per giocarselo a Las Vegas. Le due protagoniste, la Kreuper è stata preside dell’istituto per 29 anni, sono entrambe andate in pensione lo scorso anno. I soldi rubati sono stati accertati durante un controllo di routine ad opera dell’arcidiocesi di Los Angeles.
.
Al di là, dei due casi che fanno magari sorridere bisogna riflettere sulla ludopatia e di come sia una serpe velenosa che può colpire veramente tutti: i disperati, gli ignoranti, gli eruditi e come visto anche persone che per tutta la vita hanno studiato e scelto di tenere, in teoria, un comportamento integerrimo.
.
La ludopatia viene vista sempre come un gioco, uno scherzo, un qualcosa che non desta preoccupazione ma bisognerebbe anzi bisogna assolutamente fare qualcosa di più a livello di prevenzione in primis ma soprattutto di aiuto e supporto psicologico a queste persone. La ludopatia non uccide ma logora, tanto, chi ne è afflitto ma soprattutto chi gli sta intorno.

Nato a Roma nel 1990, anno dei Mondiali Italiani, nella culla dovetti subire le urla dei miei genitori per le reti di Schillaci in quelle famose "notti magiche". Giornalista iscritto all'albo, laureando in legge, opinionista televisivo, ho anche un trascorso da cestista. Appassionato di sport a 360º, da sempre la mia più grande passione è la scrittura, ragione per cui ho intrapreso questo mestiere così affascinante. Sono "ossessionato" dalla ricerca della verità, lo studio dei dettagli, l'inchiesta.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove − 15 =

Sito web realizzato da Why Not Web Communication | IoGiocoPulito.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma - Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 - Direttore Responsabile Antonio Padellaro | Società Editrice Io Gioco Pulito srls | Mail: redazione@iogiocopulito.it |