Connettiti con noi

Non solo sport

Lido di Spina: quando in spiaggia si andava in seggiovia

Francesco Beltrami

Published

on

Lido di Spina è il più a Sud fra i Lidi di Comacchio. Vanta non più di 400 residenti, ma si anima tutte le estati per la stagione balneare. Nella zona più meridionale, l’ultimo lembo del territorio comunale di Comacchio, sorge dagli anni Sessanta un campeggio, molto frequentato ma col problema di essere un chilometro lontano dal mare. E in quegli anni di grande sviluppo e in cui la creatività italiana ha raggiunto i suoi vertici, ai titolari del camping non era mancata un’idea per alleviare ai clienti il disagio di una camminata di un chilometro sotto il sole carichi di borse e coi bambini per mano. Si pensò infatti di costruire una seggiovia che collegasse l’area del campeggio alla spiaggia! Erano tempi in cui ottenere le autorizzazioni necessarie era molto più semplice di oggi e nemmeno c’erano troppi vincoli ambientali, dunque nel 1967 fu contattata un azienda specializzata, la Nascivera di Rovereto che progettò l’impianto e ne curò la realizzazione in tempo per l’estate del 1968, quando fu inaugurata alla presenza delle autorità cittadine e del parroco.

Sono venuto a conoscenza delle sua esistenza pochi giorni fa durante una vacanza proprio a Lido di Spina: mia moglie mi ha segnalato che nel piccolo supermarket locale veniva proiettato un vecchio video superotto con delle strane immagini di bagnanti in seggiovia, per ingannare l’attesa dei clienti alla casse. Approfondire è stato per me praticamente obbligatorio, fino a recuperare tutte le caratteristiche tecniche dell’impianto che sorgeva a 75 centimetri sul livello del mare, per una lunghezza di 1006 metri sostenuto da 10 piloni di sostegno e 2 di ritenuta, e si componeva di 127 seggiolini biposto che viaggiavano a una distanza di 15,75 metri l’uno dall’altro a una velocità di 1,5 metri al secondo impiegando circa 12 minuti a compiere il suo percorso.

In paese qualcuno racconta che l’idea della seggiovia fu nientemeno che da un giovane Raul Gardini, che sarebbe stato comproprietario sia del campeggio che della Nascivera, e avrebbe provveduto ai fondi necessari, ma Franco Tollardo, l’ingegnere che progettò la funivia, in un suo post sul forum tecnico funiform.org smentisce categoricamente questa ricostruzione, dicendosi sicuro che il finanziere ravennate non ebbe mai alcun ruolo in questa vicenda.

Oggi della seggiovia del campeggio di Lido di Spina non resta nulla. Durò lo spazio di sette estati, dal 1968 al 1974, poi fu chiusa e successivamente smantellata perché troppo costosa da mantenere per i gestori e troppo esposta alla corrosione per via della salsedine marina. Fu sostituita da un autobus. Gli occhi più esperti possono riuscire a distinguere la base di un pilone e poco altro. La stazione di arrivo a mare, ora demolita, pare che per alcuni anni abbia funzionato come bar della spiaggia. Sempre su funiforum.org Franco Tollardo spiega che la seggiovia era prevalentemente utilizzata da chi soggiornava al campeggio senza pagare alcun biglietto, e racconta meglio la sua nascita e la fine repentina:

“L’idea era straordinaria per funzionalità ed originalità: purtroppo non esisteva la tecnologia per proteggerla dalla corrosione marina, per cui dopo solo sei anni la gestione fu costretta a smantellarla per non incorrere in costi insostenibili di manutenzione”

e ancora:

“Non tutto si può zincare. La corrosione marina non attacca solo le parti esterne, ne’ solo quelle metalliche/meccaniche, ma distrugge anche legno, plastica, gomma…..ed anche materiali inossidabili (avete mai visto un cuscinetto esposto al salmastro per lungo tempo?)

Specialmente in un impianto fermo e sottoposto a intemperie atmosferiche per almeno sei mesi all’anno!”

Della seggiovia di Lido di Spina dunque ci rimangono solo delle foto e un filmato, testimonianze di una stagione di idee e di persone coraggiose  che non avevano timore di sperimentare anche senza la certezza di ottenere un ritorno economico.

Non solo sport

Terry Gilliam e il suo Don Quixote conquistano l’Ischia Global fest

Angela Failla

Published

on

Visionario, dal talento geniale. Una lunga carriera formata da grandi intuizioni intervallate a rovinose cadute, un cinema incantato e al contempo crudele. Questo e tanto altro è Terry Gilliam: regista, sceneggiatore, attore e all’occorrenza anche disegnatore, capace di creare nei suoi film piccoli mondi sospesi tra favola e realtà senza tralasciare il suo ecclettismo figurativo e quel suo personalissimo delirio poetico. Dall’apocalittico e distopico “Brazil” (che gli è valsa la candidatura agli Oscar come miglior sceneggiatura nel 1986) al Medioevo di “Jabberwocky”, attraversando la storia con i viaggi de “I banditi del tempo” e il beffardo “Le avventure del barone di Munchausen”. E poi ancora i bassifondi di New York in “La leggenda del Re Pescatore”, in viaggio per le strade di “Paura e delirio a Las Vegas”, nell’universo fiabesco e deformato dei “Fratelli Grimm”, senza tralasciare il faustiano “Doctor Parnassus”.

Finalmente, dopo quasi 30 anni di attesa, fatti di traversie inenarrabili, Terry Gilliam ha presentato quest’anno, all’Ischia Global Festival di Pascal Vicedomini l’anteprima italiana di “The Man Who Killed Don Quixote”.

«Ci sono voluti tanti anni per fare il mio “Don Quixote”, è stato un vero e proprio viaggio nel tempo, ma anche il mio primo western. Ho sempre amato e desiderato fare un western».

Ha esordito così Terry Gilliam raccontando quello che è il suo Don Quixote, liberamente ispirato all’opera incompleta di Welles, che l’autore di Bazil ha ambientato nell’epoca moderna.

«Ho sempre avuto il lavoro di Orson Welles in testa, probabilmente perché non è riuscito a portarlo a termine. Io sono stato, forse, più determinato. Mi piaceva molto la sua idea di portare Don Chisciotte nel XX secolo. Ma il mio progetto era diverso. Quando ho cominciato a lavorare al film, nel 1989, il problema principale che mi si è presentato è stato quello di spiegare al pubblico la differenza tra diciassettesimo e ventesimo secolo. Il film dell’epoca prevedeva un personaggio contemporaneo e la storia era ambientata tra XVII e XX secolo. Il mio film è completamente diverso perché è tutto ambientato nel XXI secolo. E sono davvero molto soddisfatto del risultato ottenuto».

Un Don Chisciotte diverso da quello che siamo abituati a vedere nell’opera di Cervantes e che, grazie a Gilliam si colora di chiaroscuri e debolezze umane. «La storia di Cervantes parlava di cavalieri ma anche di quel mondo che aveva corrotto la mente di Don Chisciotte. Più che sognatore lo definirei un pazzo con una visione confusa della realtà. L’immaginazione è il mezzo più potente che abbiamo e spesso mi ci perdo dentro. Per questo ringrazio mia moglie che riesce sempre a tenermi con i piedi per terra! A volte smarrisco completamente il senso del tempo».

E se Don Chisciotte è il protagonista indiscusso del libro di Cervantes, nel film di Gilliam assume una connotazione diversa e altri personaggi vanno alla ribalta.

«Don Chisciotte, a differenza di quanto si pensi, non è l’unico protagonista della storia. Accanto a lui c’è infatti Sancho Panza e tutti noi abbiamo dentro una parte dell’uno e dell’altro. Racconto questa storia attraverso gli occhi di Toby, il personaggio di Adam Driver».

Un film che diventa anche una denuncia verso quel mondo magico che travolge e spesso corrompe le persone. «Oggi è il cinema, con i suoi film, a corrompere la mente delle persone del nostro tempo. Ho fatto questo film per vedere  l’effetto che il cinema ha sulle persone e per mostrare cosa voglia dire realizzare un film».

Un lungo lavoro, durato quasi trent’anni, pieno di insidie. Una su tutte è stata, come racconta lo stesso regista, quella di trovare i finanziamenti per raggiungere il budget che serviva a completare l’opera.

«Non è facile, oggi, produrre un film a medio budget. Le difficoltà di finanziamento per produrre “The Man Who Killed Don Quixote”, sono state enormi. Avevamo 12 milioni e mezzo di dollari ma dovevamo arrivare a 16. Per fortuna ci è venuta incontro  una ricca signora che ha creduto nel progetto. Mi sembra ridicolo che oggi non si riescano a fare film a medio budget. E’ davvero una cosa assurda».

Continua a leggere

Non solo sport

Vite Spezzate

Patrizia Angelozzi

Published

on

Genova. Stavamo per augurarci questa mattina un buon ferragosto. Invece non sarà così.
Non lo sarà con l’ennesima tragedia che in moltissimi stanno seguendo in diretta per sapere se qualcuno, vicino o lontano, è vivo o no.
L’ennesima strage senza un perché.
Abbiamo imparato a restare inebetiti di fronte a un Paese che non funziona pi
, Ustica, l’irpinia, Rigopiano, il terremoto in Molise, la terra dei fuochi con tutti i malati di cancro…e molto altro.
Un’altra tragedia immensa dalla quale, insieme agli abitanti di questa nazione speriamo che questa Italia possa imparare a recuperare e tornare a vivere dentro la legalità dei controlli, dei collaudi, delle manutenzioni e non più garante di bandi da far gestire al minimo ribasso, perché stiamo pagando con la vita, tutto il fallimento di un Paese che crolla inesorabilmente. Mentre restiamo in attesa del numero delle vittime, allo stato attuale, sono 
440 evacuati e aumenteranno, 11 palazzi svuotati, in corso sopralluoghi…tra loro,un bambino di 10 anni. Solo dieci anni. E come lui, arriveranno nomi, facce, vite spezzate per incuria.
Continua a leggere

Non solo sport

La Casa del Futuro è qui. Ve la mostriamo in anteprima

Marco Fiocchi

Published

on

Dopo il progetto, i rendering, la grafica 3D, i modellini, finalmente entriamo fisicamente nella Casa del Futuro.

I lavori della Solar House del Team Sapienza presso il Centro Cefme-CTP di Pomezia sono terminati con successo. Siamo andati a visitarla dal vivo, prima che venga smontata e rimontata a Dubai, per  partecipare al Solar Decathlon ME 2018.

Gli studenti del Team, guidati dall’inossidabile Prof. Marco Casini, provati dal grande lavoro fin qui eseguito, possono essere fieri.

Più di 80 metri quadrati ricchi di comfort e soluzioni tecnologiche che rendono Restart4Smart, il miglior prototipo di casa intelligente del futuro.

In grado di adattarsi alle condizioni climatiche, sfruttando al massimo l’energia solare ed offrendo una dotazione impiantistica e domotica di ultimissima generazione.

Come potete vedere, la casa non è però un’astronave. Conserva tradizione (in primis, per ovvi motivi, quella araba) e canoni a cui siamo abituati. Esposizione, illuminazione e profondità, rispettando gli spazi e le misurazioni europee in ogni ambiente.

Dalle finestre alle camere da letto, dal living ai cortili. Parete verde e fontana a muro d’acqua. Tutto in un’armonia di design e lusso, considerando i materiali innovativi ed i sistemi di home automation, che ognuno di noi imparerà a conoscere ed usare un domani.

Riconoscimento facciale e dell’impronta, localizzazione e monitoraggio degli abitanti della casa, virtual house keeper, sensori di avvicinamento, Hololens, avanzato sistema di recupero e riciclaggio delle acque (Redi) ma soprattutto i PCM (phase change materials), le nanotecnologie isolanti come nei pannelli Aeropan, i tessuti per le tende I-Mesh che permettono un vero e proprio “impacchettamento” a protezione del sole senza rifiutare la sua preziosa luce naturale. E ovviamente l’incredibile copertura di pannelli solari che garantisce una totale, se non superiore, auto-efficienza. Tanto per citare solo alcuni dei gioielli che fanno di questa Solar House un diamante del panorama energetico e tecnologico.

In questa ultima settimana di luglio la Casa sarà sottoposta a diversi test di funzionamento e sarà allo stesso tempo aperta ai visitatori. Proseguiranno invece sino ad Ottobre i lavori di programmazione e messa a punto del sistema domotico con Microsoft, Softjam e Ilevia.


Dal 30 Luglio all’8 Settembre saremo impegnati nella fase di smontaggio ed imballaggio della casa nei container. Pronti per la “spedizione”. Con il supporto del partner Kuehne-Nagel la Solar House partirà dal porto di Napoli il 21 Settembre per arrivare al porto di Dubai circa 20 giorni dopo. Nell’Emirato, ci sarà il contributo di LC&Partners per tutte le operazioni di riassemblaggio dell’abitazione, che sarà sempre nelle competenti mani degli studenti e dei dirigenti del Team.

Il 16 Settembre è prevista l’ultima consegna documentale agli organizzatori, compreso il terzo video ufficiale che sarà proiettato a Dubai e sarà oggetto di valutazione della giuria internazionale.

La fase di montaggio della Solar House a Dubai avrà luogo dal 29 Ottobre al 13 Novembre. La competizione si svolgerà dal 14 Novembre (cerimonia di apertura) al 28 Novembre (cerimonia di chiusura e premiazione). Sono attesi oltre 500.000 visitatori. Il villaggio resterà aperto al pubblico sino al 1° Dicembre.

Nel corso della competizione sempre a Dubai si svolgeranno i due importanti eventi Big Five e Dubai Design Week con attività congiunte al Solar Decathlon.

Chiudiamo con un’informazione sul diario del Team Sapienza. Che sarà presente con un proprio stand di 16 mq al Maker Faire di Roma dal 12 al 14 Ottobre presso la Fiera di Roma, dove verranno esposti il progetto, i video, i componenti della casa, mixed e virtual reality, ecc, subito prima della partenza per Dubai.

https://www.instagram.com/stories/highlights/17962044205046916/

[foogallery id=”26029″]

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Trending

Copyright Io Gioco Pulito srls | Mail: redazione@iogiocopulito.it | Direttore Responsabile Antonio Padellaro | Sito web realizzato da Why Not Web Communication