Connettiti con noi

Calcio

Genoa – Napoli: inizio e fine del gemellaggio più longevo della Serie A

Avatar

Published

on

Advertisements
Advertisements

Genoa – Napoli: inizio e fine del gemellaggio più longevo della Serie A

L’ultima giornata del campionato di calcio italiano non ha riservato grosse sorprese sul campo. Una Juventus sempre più aliena si avvia oramai alla conquista del suo ottavo scudetto consecutivo mentre il Napoli ha rafforzato la sua seconda posizione in classifica.

Una notizia che fa scalpore, però, arriva dalla stessa città campana e, per la precisione, dagli spalti dello stadio San Paolo di Fuorigrotta. Proprio qui, infatti, si è giocata la partita tra gli azzurri e il Genoa: un vero e proprio match di altri tempi visto che le tifoserie delle due squadre erano gemellate da quasi 37 anni.

Purtroppo però, poche ore dopo la fine del match, quel gemellaggio quasi quarantennale si è rotto. Il motivo della rottura è stato spiegato con un comunicato firmato dalla Curva A e dalla Curva B, i due settori più caldi del tifo partenopeo. Secondo gli ultras azzurri, infatti, i loro amici rosso-blu avrebbero mostrato una “improvvisa e persistente solidarietà verso una tifoseria che ci ha teso un vile agguato senza nemmeno farsi carico di chiedere come stessero i ragazzi gemellati coinvolti negli scontri”.

Gli ultras azzurri si riferiscono agli incidenti tra tifosi napoletani e interisti avvenuti il 26 dicembre 2018, prima del match tra l’Inter e il Napoli, in cui perse la vita l’ultras del Varese Daniele Belardinelli. Mercoledì scorso, prima della partita del turno infrasettimanale a Marassi tra Genoa ed Inter, nella curva genoana è apparso uno striscione in ricordo dello stesso Belardinelli che così recitava: “Ricordiamo un ultras scomparso. R.I.P. Dede”.

 

Termina così, almeno a livello di ultras, quello che attualmente risultava essere il gemellaggio più longevo della Serie A italiana. Era infatti un caldo pomeriggio di metà maggio dell’anno 1982, per la precisione il giorno 16, quando tutto ebbe inizio.

In quelle ore si disputava l’ultima giornata del campionato 1981/1982 e la squadra del capoluogo ligure si presentò sotto al Vesuvio con un disperato bisogno di punti per la lotta salvezza che la vedeva contrapposta ai rossoneri del Milan. Per la matematica permanenza nella massima serie A al Genoa serviva un punto.

Il Milan però, impegnato sul campo del Cesena, era riuscito a ribaltare il risultato da 2-0 a 2-3 in suo favore. I grifoni, invece, si trovavano sotto di un gol a zero: un risultato che avrebbe sancito, senza se e senza ma, la retrocessione nella serie cadetta della più antica squadra del campionato nostrano.

In questa situazione per loro abbastanza drammatica, almeno dal punto di vista calcistico, i giocatori genoani cominciarono a sentire il supporto non solo di quei tifosi genoani presenti sui gradoni del San Paolo, bensì dello stadio intero, anche del popolo napoletano. La ragione? Meglio vedere il Milan B, piuttosto che il Genoa.

A rimettere il punteggio nel verso giusto ci pensò il difensore Mario Faccenda che, pochi minuti dopo la sua entrata in campo al 79° minuto, battè il portiere azzurro sugli sviluppi di un calcio d’angolo. La partita tornò sul pari e, con questo risultato, il Genoa riuscì a salvarsi.

Da lì cominciò questo gemellaggio tra le tifoserie che diventò ancora più stretto il 10 giugno 2007 nello stadio del capoluogo ligure: il Marassi. Quel giorno, infatti, il Genoa ed il Napoli riuscirono a tornare insieme in Serie A dopo vari anni di purgatorio nelle serie cadette.

Il risultato sul campo, 0-0, bastò a promuovere entrambe le formazioni visto anche il pareggio tra Piacenza e Trestina. Al triplice fischio, le strade del capoluogo ligure videro i tifosi di Genoa e Napoli festeggiare assieme il ritorno in A, in una gremita piazza De Ferrari che si tinse di rosso-blù e azzurro.

Da quel giorno le due squadre si sono affrontate varie volte ed, in alcune occasioni, ci sono stati dei veri e propri screzi tra le due: un esempio possono essere i 6 gol rifilati dai partenopei al Grifone in un match giocato al San Paolo nel dicembre 2011. Tutto questo, però, non ha mai messo in discussione un gemellaggio che univa Nord e Sud Italia senza discriminazioni.

A far rompere questo bell’incantesimo ci hanno pensato i gruppi ultras delle due squadre. Difatti, anche se i rapporti tra le tifoserie rimarranno più che cordiali, come scritto nero su bianco dagli ultras azzurri nel loro comunicato, si è persa, forse definitivamente, quella bella sensazione che si provava ogni volta che si assisteva ad una partita del genere dove a farla da padrone erano concetti quali solidarietà e fratellanza, sia in campo che sugli spalti.

Classe 1991. Romano e laureato in storia. La mia passione per lo sport, in particolare rugby e calcio, comincia fin da piccolissimo. Il lato culturale l'ho acquisito nel corso del tempo e con un po' di fatica. Con i miei articoli cerco di unire i miei tre interessi principali: sport, storia e cultura.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × 5 =

Sito web realizzato da Why Not Web Communication | IoGiocoPulito.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma - Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 - Direttore Responsabile Antonio Padellaro | Società Editrice Io Gioco Pulito srls | Mail: redazione@iogiocopulito.it |