Connettiti con noi

Calcio

Unione Anconitana: la nuova vita in mano ai tifosi

Lorenzo De Vidovich

Published

on

L’Ancona diventa ufficialmente club di proprietà dei tifosi attraverso la Fondazione “Unione Anconitana”. In data giovedì 17 dicembre è stato firmato l’atto costitutivo è stato firmato a Milano, in uno studio notarile alla presenza di Raffaele Vietri, presidente di SosteniamolAncona, Fiorello Gramillano, e l’ormai ex presidente Andrea Marinelli. Un passaggio storico per i dorici, pronti a vivere la nuova avventura con la scelta di una fondazione eretta a patrimonio collettivo, a «massimo strumento di garanzia per una gestione corretta, sostenibile e trasparente di una società calcistica», come si legge nel comunicato ufficiale pubblicato sul sito della squadra. Un progetto di inclusione sociale che punterà «sulla valorizzazione, sulla promozione e sulla diffusione dello sport tra i giovani e sull’insegnamento dei valori etici e culturali che caratterizzano il calcio sano e lo sport leale», promuovendo iniziative di crowdfunding e raccolta fondi in sinergia con i principi dell’azionariato popolare, lo strumento di governance dal quale è cominciato tutto.

Perché quella del nuovo Ancona, è una storia dal passato turbolento. Nato sulle ceneri dell’ultimo fallimento risalente al 2010, rappresenta il percorso di una vera rinascita sportiva per la gente, per una città che forse non vive il calcio in maniera spasmodica come nelle altre città marchigiane, San Benedetto del Tronto e Ascoli Piceno. Negli ultimi decenni la passione calcistica è stata piuttosto soporifera. Poco prima del 2010, in occasione del derby Adriatico contro il Pescara, uno striscione comparve nella trafficata bretella che da Ancona porta verso Sud: «Tutti a Pescara!» Il richiamo all’esodo fu iniziativa di chi aveva ritrovato la fede persa dopo la brutta figura in Serie A nel 2004 seguita dalla prima bancarotta causata da Ermanno Pieroni.

Cinque stagioni in C e il ritorno in B nel 2008, accolto come l’occasione per ripopolare lo Stadio Del Conero, nonostante fosse imminente il secondo fallimento in meno di dieci anni. L’idea della trasferta a Pescara fu accolta in città con un drappo di risposta: «Sì, a piglià le botte!» In Ancona, non tutti avevano interesse per i biancorossi. Nel 2009 arriva la radiazione con esclusione dalla Terza Categoria, l’anno dopo si riparte dall’Eccellenza, acquisendo le prestazioni sportive dell’Unione Sportiva Piano San Lazzaro, che si trasforma in Ancona.

La rinascita passa dalle mani di SosteniamolAncona (http://www.sosteniamolancona.it/), un supporters’ trust per stare vicini alla squadra, visto che la fiducia verso le svariate presidenze era ormai ridotta ai minimi termini. Il progetto funzionò sin dalle prime battute, trovando anche il supporto del sindaco Fiorello Gramillano. Nel 2011 ai tifosi viene ceduto un simbolico 2% delle quote del club. Sul campo, tre anni di dilettanti e approdo in Lega Pro l’anno scorso, quando la musica comincia a cambiare. Poco prima il Presidente Andrea Marinelli si era adoperato per recuperare il cavaliere armato, storico simbolo del club. Un’operazione costata 40.000€. Poi, durante la scorsa stagione, l’apertura ai tifosi, comunicata a RadioTua con una frase che suonava da monito: «Lascio la squadra in mano ai tifosi, hanno voluto la società e ora se la prendono. Così l’amministrazione comunale si rapporterà con loro».

I tifosi non se lo fanno ripetere due volte, e si apre il tavolo delle trattative. Il direttivo di SosteniamolAncona sonda il terreno e accetta la proposta di Marinelli, che resta nell’orbita della squadra trasferendo però l’intera gestione ai tifosi, sulla base di due accordi: l’impegno a garantire un sostentamento economico per tre anni, e la permanenza del direttore generale Sandro Marcaccio, che invece lascerà a fine campionato, avvicinato alla scrivania della Ternana.

La seconda stagione in Lega Pro si apre sotto i migliori auspici e l’ownership pianificata ad inizio estate prende vita. Ai tifosi dell’Ancona andrà l’88% delle quote del club, concesse gratuitamente da Andrea Marinelli. «La Fondazione sarà costituita da quattro organi principali: un’assemblea generale, un consiglio di indirizzo (composto dal presidente Fiorello Gramillano e da Lorenzo Gambelli, Franco Lorenzini, Paolo Bartola, Andrea Biekar, Claudio Matteini e Lorenzo Mondini) e da un Revisore unico».

«C’avemo i moscioli, e ce piace el vì» (trad. «abbiamo le cozze e ci piace il vino»), il coro dal linguaggio tipicamente anconetano che taglia le ultime parole della frasi, racchiudeva in sé lo spirito popolare dei tifosi con sciarpa, bandiera e fumogeno, quei tifosi che in mezzo ai due fallimenti si trovarono porte in faccia dai propri concittadini per una trasferta di breve distanza. Gli stessi che avevano paura di prendere le “botte” a Pescara, oggi entrano nell’organigramma della loro squadra del cuore. Altro che moscioli e vì.

FOTO: www.stopandgoal.net

social banner

Comments

comments

7 Commenti

7 Comments

  1. Diego

    dicembre 27, 2015 at 12:22 pm

    Complimenti per aver dato spazio all’esperienza di Ancona.
    Una precisazione: la quota del 2% non era simbolica. Era una “golden share”: a prescindere dalla percentuale Sosteniamolancona aveva il diritto di nominare 2 amministratori, il diritto di discutere il budget e il diritto di veto su marchio, sede e colori sociali. Lo statuto della US Ancona 1905 con tali caratteristiche è stato preso a modello in altri Paesi e in Italia a Taranto sin dal 2012 vi è un’esperienza analoga a quella iniziale di Ancona.
    È in corso un cambiamento culturale ed è importante dare voce e risalto.
    Un cambiamento che ha anche visto settimana scorsa l’elezione nel consiglio di Lega Pro di David Miani, Presidente e MAmministratore Delegato della US Ancona 1905, ma prima ancora è stato presidente di Sosteniamolancona, l’associazione rappresentativa di tutti i tifosi Anconetani da cui tutto è partito e che controlla la Fondazione Unione Anconitana. E così si continua in un percorso non improvvisato e con solide basi. Infatti, Ancona non nasce oggi e che costituisce uno degli esempi del percorso di tifosi e gruppi di tifosi iniziato nel 2010 e volto a porre i tifosi al centro del gioco, nei meccanismi decisionali delle società sportive e delle istituzioni sportive. Percorso che ha portato alla costituzione di Supporters in Campo (www.supporters-in-campo.org), braccio italiano di Supporters Direct Europe (cui Supporters in Campo è affiliata) e tra i principali risultati del progetto finanziato dalla Commissione europea nel 2013-2014 (“Migliorare la governance del calcio tramite la partecipazione dei tifosi). L’esperienza di Sosteniamolancona (tra i soci fondatori di Supporters in Campo) è una di tali esperienze (le realtà riconosciute da Supporters in Campo sono 20).
    Diego Riva (Presidente di Supporters in Campo, colpo

  2. Francesco

    dicembre 27, 2015 at 6:29 pm

    Sig. Lorenzo, mancava solo una ultima frase per fare di questo articolo, un capolavoro del giornalismo sportivo obiettivo…bastava aggiungere un “forza Pescara” e che ci voleva?! Non ti offenderai se in linguaggio tipicamente anconetano ( ma non si definiva dialetto? )te mando affà’ …un Buon Natale.

  3. fabrizio

    dicembre 27, 2015 at 8:51 pm

    grandi! anche io con la Fondazione Taras ho aderito a simile cosa anche se il Taranto ha una storia un’anticchia più complessa degli amici dorici. che dire? che quel malandrino di Ermanno Pieroni ha fatto fessi anche noi tarantini e spero che prima o poi paghi le sue malefatte non con la galera ma coi rimorsi di coscienza sempre che sappia cosa sia. nel frattempo propongo una sorta di gemellaggio Ancona Taranto??? se accettate non avete che da invitarci! anche a noi piacciono i moccioli e i vi e noi di cozze si che ce ne intendiamo!!!ah dimenticavo, grazie per l’ospitalità che mi avete donato in 3 anni di vita tra Ancona e Senigallia! con affetto

    Fabrizio Toma

  4. Alessandro

    dicembre 28, 2015 at 1:08 pm

    Buongiorno,
    è per me motivo di sorpresa vedere come un giornale autorevole e punto di riferimento per moltissimi lettori (tra cui io) possa far comparire on line quest’articolo scritto da una persona che ,evidentemente, tutto interessa tranne che il discorso “Supporter Trust”.Mi dite cosa c’entra il discorso Ancona e Pescara con l’argomento “società in mano ai tifosi?”.Il titolo recita:”UNIONE ANCONITANA: LA NUOVA VITA IN MANO AI TIFOSI”…allora spiegatemi il senso di mettere (in risalto) botta e risposta in una trasferta tra tifosi dell’Ancona e quelli del Pescara.Se non è disinformazione questa…
    In un sistema che fa acqua da tutte le parti come quello del calcio l’iniziativa degli anconetani dovrebbe essere presa ad esempio,esaltata,messa in evidenza,sottolineata,spiegata e portata a conoscenza dei più.Potrebbe essere l’alba del calcio moderno e vederla strumentalizzata per farne un semplice sfottò tra due tifoserie è alquanto vomitevole.Allora io dico che questo signore o è un fan pescarese o è contro un certo tipo di discorso di gestione societaria.Tutto bene,ma allora perchè non scrivere un articolo su questi due ultimi argomenti?

  5. Mario

    dicembre 28, 2015 at 3:26 pm

    Articolo vergognoso è partito per parlare di una lodevole iniziativa in un mondo schifoso come quello del calcio e si è trovato a insultare e denigrare la tifoseria dorica come un ragazzino delle medie come l’ultimo ultras da tastiera. Pessima figura del giornale

  6. Franco

    dicembre 28, 2015 at 4:08 pm

    Ma non leggete gli articoli o non capite l’italiano? Mi sembra che in questo articolo si faccia di tutto tranne che denigrare la tifoseria dell’ancona.
    Viene esaltata l’iniziativa. Che problemi avete? Probabilmente solo di non avere la capacità di leggere e capire…

  7. Dany B.

    dicembre 28, 2015 at 4:12 pm

    Da tifoso dell’ancona non posso che sottoscrivere ciò che è stato scritto in questo articolo. Chi critica non conosce i fatti o semplicemete soffre la verità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcio

La partita nella piazza Rossa che decise il destino del calcio in Russia

Nicola Raucci

Published

on

Si stanno svolgendo i Mondiali di Russia 2018 nella terra che un tempo era in mano a Stalin. Ed è proprio lui che diede vitalità al calcio nella nazione oggi di Putin. Vi raccontiamo la storica partita nella Piazza Rossa.

Fiancheggiando in questo periodo il Cremlino in piazza Manežnaja, a 5 minuti dalla celebre piazza Rossa, si percorre la strada dei Mondiali: una pedana che si snoda lungo le rappresentazioni delle diverse città ospitanti. Ma proprio qui, nel cuore della Russia, il calcio, che ora viene atteso con crescente entusiasmo, ha giocato una partita decisiva.

Il futbol russo ha una storia contrastata. In epoca zarista è uno sport elitario. Snobbato dai nobili e non accessibile ai poveri, è prerogativa dei giovani borghesi. Sarà la Rivoluzione a favorirne la diffusione. Gli impianti sportivi, un tempo circoli esclusivi, vengono nazionalizzati diventando pertanto associazioni aperte a tutti. Negli anni ’20 ci si inizia ad interrogare sul valore politico dello sport nell’ideologia socialista. Il calcio è ormai popolare tra la gente comune, ma non è particolarmente apprezzato dalla classe dirigente che lo reputa diseducativo, borghese e straniero. Dopo il vano tentativo di riformarlo, il successo inarrestabile degli anni ’30 richiede una soluzione definitiva. Così è Iosif Stalin in persona a dover deciderne le sorti.

È il 6 luglio 1936, Giornata della Cultura Fisica. Introdotta nel 1931, consiste in una imponente serie di parate nelle maggiori città dell’URSS in cui le organizzazioni sportive danno prova di abilità e vigore. Una dimostrazione di forza e disciplina sovietica a livello nazionale e internazionale. La  cultura  fisica  va  ben  oltre  il  puro  esercizio, copre  questioni di  integrità e benessere  sociale,  spaziando  dalla  difesa  della  Patria  all’occupazione  lavorativa, dall’emancipazione al successo sportivo.

Sulla piazza Rossa di Mosca sfilano per rendere onore a Stalin, che osserva dall’alto del Mavzolej Lenina, i  più grandi atleti del Paese. Tra le associazioni presenti vi sono  anche  Spartak  e Dinamo. Società di calcio profondamente diverse, a partire dalle proprietà. Lo Spartak è la squadra del proletariato, finanziata dal sindacato Promkooperatsiia, mentre la Dinamo è controllata dal Commissariato del popolo per gli affari interni, il NKVD.

È il giorno in cui Stalin assisterà per la prima volta ad un incontro di calcio. L’audace idea è opera di Aleksandr Kosarev, segretario del Komsomol. Sostenitore di Nikolai Starostin, fondatore dello Spartak, è il patrono del club all’interno del Partito comunista sovietico. Lavrentij Berija, il presidente  onorario  della  Dinamo  e  capo  dei  servizi  segreti,  mosso  da  astio  personale  nei confronti dei fratelli Starostin,  si oppone. La Dinamo non  giocherà, come d’altronde le altre squadre. Troppo rischioso. Allora si opta per una soluzione alternativa: lo Spartak Mosca scenderà in campo in un match tra titolari e riserve.

Tutto è pronto. Kosarev prende posto vicino a Stalin, con un fazzoletto bianco che sventolerà al minimo cenno di noia del leader. La pavimentazione della piazza Rossa viene coperta da un gigantesco manto verde delle dimensioni di un campo da calcio, 12.000 m2  di feltro confezionato dagli operai tessili nei giorni precedenti. A bordo campo dieci mila persone. Un colpo d’occhio impressionante. Ai lati, le mura del Cremlino e la facciata del centro commerciale GUM decorata per l’occasione. Nelle curve, in lontananza, la magnificenza della Cattedrale di San Basilio e la maestosità del Museo statale di storia.

Partita di 30 minuti con due tempi da un quarto d’ora ciascuno. L’incontro è più una rappresentazione ideale della bellezza del calcio che una vera partita. Ci si gioca il futuro e non si può  rischiare di fallire.  L’intero evento viene supervisionato come un  avvincente spettacolo teatrale in una cornice unica. E Stalin apprezza, tanto da far protrarre il match per un totale di circa

43 minuti. Puro e sano agonismo, gioco entusiasmante e risultato combattuto: 4-3 per la prima squadra. Un autentico successo per il movimento calcistico in generale e per lo Spartak in modo particolare.

Pochi giorni dopo, l’11 luglio 1936, la Dinamo ottiene però la sua vendetta sconfiggendo 1-0 lo Spartak nella scontro decisivo che le garantisce il titolo della группа «А» di primavera, prima edizione del massimo campionato sovietico.

Sono le origini della storica rivalità tra le due compagini, nata nel cuore della capitale lo stesso giorno della sopravvivenza del calcio in Russia.

Comments

comments

Continua a leggere

Calcio

Julian Nagelsmann, il ragazzo che è già uomo

Ettore zanca

Published

on

Quando diranno a vostro figlio che è ancora giovane, che se ha una passione prima o poi passerà, che crescendo si guasterà o si livellerà, cercate di non farvi prendere dalla paura del futuro. I talenti possono essere smussati, ma, come dice un mio amico che canta, dobbiamo cercare di non stroncare il Fabrizio De Andrè del 2026. Gli alibi dell’inesperienza, sono le vigliaccate che gli anziani, i senatori che hanno qualsiasi scranno, a volte cacciano fuori per paura. Paura che qualcuno che si affaccia al loro mondo possa sottrargli platea. Ecco che allora si tirano fuori alibi di titoli, ruoli, esperienze, mentre magari siamo di fronte ad un diamante grezzo e ci fottiamo di paura che brilli ovunque. Il ragazzo che vedete in foto si chiama Julian Nagelsmann, a ventuno anni giocava a calcio e voleva esordire tra i professionisti. Ma purtroppo una serie di problemi alla cartilagine delle ginocchia lo costringe al ritiro.

A quel punto il ragazzo forse si sarà sentito dire in famiglia “prenditi almeno un pezzo di carta, che non si sa mai”, si iscrive ad economia, ma dopo un po’ ha l’illuminazione, iscrivendosi a scienze motorie. Comincia ad accarezzare la carriera da allenatore, trovandosi nella situazione assurda di allenare a volte gente più vecchia di lui se non coetanea. La svolta nel 2016. Lui è allenatore delle giovanili nell’Hoffenheim, squadra che naviga pericolosamente al penultimo posto in classifica. Huub Stevens, che ne è l’allenatore, si ritira per problemi di salute. Perso per perso e per risparmiare qualcosa, decidono di dare un’opportunità al ragazzino, che di anni allora ne ha ventotto. Esatto. Ventotto. Il ragazzino però dopo le risatine iniziali di anziani della squadra, si fa capire e seguire. Risultato? Dal penultimo posto si sale alla salvezza. Potrebbe bastare così.

Ma il “ragazzino”, continua, con metodi di allenamento rivoluzionari, se la gioca anche nel campionato successivo. Ora, se guardate la rosa della squadra non è che trovate divinità della sfera scese in terra, ma semplici pedatori, ma l’orologio funziona talmente bene, che, udite, la squadra si qualifica ai preliminari di champions. Una bella favola, ma a volte si prova anche a macchiarla. I giornali si lanciarono a pesce nella polemica fomentata, quando Julian dichiarò che avrebbe voluto tanto allenare il Bayern, allora di Ancelotti. Fu lui stesso a smorzare tutto alla grande dicendo “non mi permetterei mai nemmeno lontanamente di dire che posso allenare la squadra al posto suo, ma che mi piacerebbe un giorno, siamo sinceri, ha più trofei lui in bacheca che mutande io nell’armadio”. E a proposito di mutande, diciamo che Julian non se l’è fatta per nulla sotto. E adesso se lo chiamano ragazzino, può rispondere molto chiaramente “ragazzino a chi?”. E gli anziani, con le loro belle targhe appese e il loro ruolo, se non sono disposti a farsi da parte, sentono brividi molto terreni, percorrere le loro schiene.

Comments

comments

Continua a leggere

Calcio

Italia – Germania: una storia di calcio senza tempo

Luigi Pellicone

Published

on

Il 17 Giugno 1970 si giocava la Partita del Secolo tra Italia e Germania. Una sfida che nella storia ha segnato epoche diverse ma sempre con lo stesso ardore e rivalità.

Italia – Germania, la madre di tutte le partite. Da una parte, loro: freddi, determinati, metodici, disciplinati, organizzati, granitici, regolari, noiosi. Insomma, tedeschi. Non producono capolavori, ma solide certezze, sebbene si vestano in modo discutibile.

Dall’altra, noi: passionali, istrionici, creativi, fantasiosi, folli, istintivi, estrosi, eleganti. Italiani. Scintille di genio che si accendono  e producono cortocircuiti. Risultato: il sistema operativo teutonico in tilt. Si, perché loro spesso, sono  più forti. Noi, però, siamo sempre più bravi. Lo dice la storia. Ripercorriamola in quattro capitoli.

Capitolo I: La partita del secolo

Città del Messico, 17 giugno 1970. Semifinale di Coppa del Mondo. Stadio Azteca. Lì, c’è una targa. C’è scritto “qui si è giocata la partita del secolo”: lì Italia – Germania. 1-1 dopo i tempi regolamentari. Segna Boninsegna, pareggia Schnellinger al 92′.  Supplementari: Muller porta in vantaggio i tedeschi. Burgnich, che ancora oggi non sa cosa rispondere a chi gli chiede cosa facesse nell’area di rigore tedesca, pareggia al 98′. Sinistro di Riva, al 104′: 3-2 sembra fatta. Sembra, perché Rivera è troppo elegante per vestire la tuta di operaio: causa il 3-3 al 110′ “scansandosi” su un colpo di testa di Seeler. Si farà perdonare trenta secondi dopo, calciando il pallone del 4-3 nell’immediato capovolgimento di fronte. In finale, esausta, l’Italia perderà 4-1 contro un Brasile che avrebbe preso a pallonate anche i marziani.

Capitolo II: la notte di Madrid

Madrid, 11 luglio del 1982. Italia-Germania vale il titolo mondiale. L’Italia, sull’orlo di una guerra civile, si riscopre unita e Campione del Mondo. Primo tempo 0-0,  Cabrini sbaglia un rigore. Nella ripresa cross di Gentile ci arriva primo, come sempre, Paolo Rossi: 1-0. Il raddoppio è negli occhi e nella memoria di tutti gli italiani. Calcio, arte e pathos si fondono nell’esultanza di Marco Tardelli. L’Urlo. Roba da sindrome di Stendhal. Segna Altobelli: 3-0. Anche Breitner, ma chi se ne frega: 3-1. Una notte irripetibile: la voce di Nando Martellini vibra e penetra nel cuore di milioni di italiani “Campioni del Mondo”. “Campioni del Mondo”. “Campioni del Mondo”. Il Presidente della Repubblica Sandro Pertini dimentica il protocollo, esulta come un tifoso qualsiasi. Abbracciare e bacia tutti, gli resta solo la Regina di Spagna. Ci avrà pensato, poi ripensato e infine capito che non era il caso.

Intermezzo

Passano 24 anni. Siamo cresciuti fra i racconti, senza mai assaporare il gusto della vittoria. I nostri papà ci raccontano la notte di Madrid. I nonni, Italia Germania 4-3. Noi siamo la generazione mai una gioia in azzurro. Affolliamo l’angolo dei disillusi. Calci di rigore, golden gol, arbitri corrotti e biscotti scandinavi: Italia ’90, Usa ’94, Francia 1998,  Europei del 2000, Corea&Giappone 2002, Europei del 2004. Serve la Germania…

Capitolo III: Pizze a domicilio

Dortmund, 4 luglio 2006. Semifinale di Coppa del Mondo. Germania padrona di casa arrogante. Condisce la vigilia con gli stereotipi: italiani, mafia, pizze, spaghetti, mandolino e camerieri.  Il Westfalenstadion non è uno stadio. É una fortezza. Qui i tedeschi non hanno mai perso. Fino al 119′ di quella partita. Fino a che un perfetto sconosciuto, di nome Fabio e cognome Grosso, riceve un pallone da Pirlo. Da dentro l’area di rigore, calcia e chiude gli occhi: un sinistro e una preghiera. Il pallone bacia l’angolo opposto. Nessuno ha la forza di crederci. L’esultanza di Grosso è un remake dell’urlo di Tardelli. I tedeschi provano a rialzarsi, ma in contropiede, e come sennò, subiscono il colpo del KO firmato Alex Del Piero. In finale a Berlino, Cannavaro  che abbandona l’idea di presentarsi con due pizze in conferenza stampa, alzerà al cielo la quarta coppa del Mondo.

Capitolo 4: La caduta di Varsavia

L’ultimo atto si consuma all’Europeo: giovedì 28 giugno del 2012. Ancora una semifinale, questa volta dei campionati Europei. Ancora una volta Germania stra favorita. E ancora una volta accade l’impossibile. Balotelli indovina l’unica prestazione degna del suo talento negli ultimi otto anni e trascina gli azzurri in finale con una doppietta. Due gol in 30 minuti. Prima di testa, poi di destro. Ozil accorcia su rigore ma non c’è tempo. In Finale, una Italia stanca e provata, perderà 4-0 in finale con la Spagna. Una partita mai giocata.

Quinto Capitolo: I rigori ci fanno piangere

Allo Stade Matmut-Atlantique in occasione degli Europei di Francia 2016 l’Italia di Antonio Conte incontra la Germania del solito Loew ai quarti di finale. Sulla carta non c’è storia: gli azzurri sono un’Italietta, i tedeschi la solita corazzata. Reggiamo l’urto e fermiamo i tempi regolamentari e supplementari sull’ 1 a 1. Si va ai rigori: indimenticabile la minaccia di cucchiaio non fatto da Pellè e la rincorsa infinita di Zaza. Perdiamo 7 a 6 alla fine. Godono loro, questa volta.

Cinque capitoli, stessa trama: Germania e Italia non è una partita. É un poema grondante sudore, passione, poesia, forza, coraggio, sofferenza e lacrime. E spesso piangono i tedeschi.

 

Comments

comments

Continua a leggere

Trending