Connettiti con noi

Storie dell'altro mondo

Un Hacker al servizio del sistema: Karl Anthony Towns

Born in the post

Published

on

13077259_10209457633780362_203713346_n (1)

“Leggi! Studia! Informati! Scrivi!”. Per anni mi sono sentito ripetere questa litania, da professori e genitori indistintamente. Ora che in un certo senso ho l’opportunità di scrivere per davvero, devo ammettere che se li avessi ascoltati un po’ di più, probabilmente sarei riuscito a riempire le pagine bianche con meno difficoltà. Perché tutto fa brodo, una citazione, un passo di chissà quale autore del passato o un titolo di un saggio delle superiori possono veramente aiutare a fornire l’idea giusta per buttare giù qualche parola.

Non so che cosa mi trattenesse veramente dal farlo, anche se il motivo di tale mancanza credo sia presumibilmente da ricercare nella buona dose di fancazzismo adolescenziale che quotidianamente mi iniettavo.

Ho sbagliato, ho capito e ora mi comporto in maniera diversa, provando verosimilmente a succhiare nettare vitale da qualsiasi fiore mi si trovi intorno. Oggi però voglio fare uno strappo alla regola. Oggi voglio tornare il quattordicenne svogliato che alle espressioni matematiche preferiva una partitella con gli amici, per dimostrare come forse, a volte, per comprendere appieno i fatti sia meglio viverli che studiarli.

Quando penso a Karl Anthony Towns la prima parola che associo al giocatore dei Minnesota Timberwolves è rivoluzione. Un termine che si ritrova pedissequamente nei libri di storia. Un termine che ho letto e riletto, sentito e risentito, in lezioni in cui si trattava il declino dell’Ancien Régime, le innovazioni tecnologiche di fine Ottocento o la vittoria dei bolscevichi a Pietrogrado.

Eppure, nel momento in cui ho dovuto attingere ai cassetti della mia memoria di studente, mi sono trovato a combattere contro il vuoto.

Perché?

Perché per essere in grado di capire il significato di rivoluzione, bisogna essere testimoni di una rivoluzione.

Ne consegue che fosse ovviamente impossibile per me poter assistere agli avvenimenti che avrebbero portato l’abolizione della monarchia assoluta francese, mentre posso tranquillamente affermare il contrario per quanto concerne le modifiche che Towns sta apportando al gioco della pallacanestro. È quindi più facile provare ad avanzare delle ipotesi su che cosa stia realmente cambiando. Su quello che era e che da oggi, per suo merito o colpa, non è più.

Per far sì che ci possa facilmente essere una sommossa, in qualsiasi contesto, c’è bisogno di un insieme i cui elementi siano in continuo mutamento. In questo, uno stato ed una lega formata da atleti professionisti direi che si assomigliano parecchio, perché al loro interno sono composti da uomini e nessun essere come l’uomo è storicamente soggetto a variazioni.

La rivoluzione di KAT (acronimo piuttosto cool) sta avvenendo senza spargimento di sangue, anche se forse i lunghi delle altre franchigie avrebbero argomenti discordanti a riguardo. Il prodotto di Kentucky sta svolgendo a tutti gli effetti il compito di un hacker, quello di trovare una falla all’interno di una struttura più o meno complessa e articolata, vincolando così i progettisti di tal struttura a lavorare per migliorarla ed evitare spiacevoli inconvenienti.

Towns, come un giovane David Lightman, passo dopo passo ha tentato di introdursi nei sistemi operativi della NBA.

Ha così scoperto l’esistenza di ali forti in grado di tirare da tre come degli esterni, rivoluzione accorsa qualche anno addietro e capeggiata da un biondo nibelungo vivente a Dallas, ma che non hanno la mobilità per potersi permettere di accettare qualsiasi cambio difensivo e marcare avversari più bassi e rapidi di loro.

Si è imbattuto in centri che proteggono il ferro in maniera quasi impeccabile, prendono 15 rimbalzi a partita e hanno però difficoltà al tiro, specie in lunetta, dove faticano ad arrivare al 50%.

Ha trovato immensi giocatori di post basso, gente come Pau Gasol, col tiro dal mid-range, innumerevoli movimenti schiena a canestro, possibilità di chiudere col semigancio destro o mancino senza batter ciglio, ma che atleticamente mancano di verticalità ed esplosività.

Ha scovato point forward che in passato gli erano state simili. Un Kevin Garnett che aveva partenze da ala piccola, correva il campo alla velocità di una point guard e portava dei blocchi sempre al limite, che se sfruttati al meglio avrebbero dato al tiratore metri di spazio. Lui sì che era stato “The Revolution”, senza però estendere il tumulto alla linea del tiro da tre punti e nemmeno trattare o passare impeccabilmente lo Spalding.

KAT  si è impossessato di queste informazioni e le ha utilizzate a suo favore, mostrandoci tutti i limiti presenti nel software della lega e contribuendo così alla creazione di una macchina perfetta, i cui meccanismi di funzionamento possano essere in futuro non neutralizzabili da attacchi esterni.

Il premio di Rookie of the Year all’unanimità altro non è se non il riconoscimento che il reparto informatico dell’intelligence americana ha deciso di consegnargli per il lavoro svolto.

Sta costringendo gli scout delle diverse franchigie alla disperata ricerca di un giocatore come lui, di un tuttologo con l’arancia in mano che metta palla per terra come Carmelo Anthony, che abbia il ball handling di una guardia, che possa tirare da fuori e da sotto, che abbia la velocità per poter difendere su molti sebbene spesso sia mal posizionato, che abbia movimenti in post che al primo anno di carriera NBA in pochi hanno fatto vedere, che sappia  tirare i liberi e che scarichi divinamente dopo aver letto un raddoppio.

In questo Towns è differente. Non ha restrizioni. In qualsiasi altro suo pari ruolo si possono trovare dei limiti, ma in lui no. Questa è la vera rivoluzione, cioè la brevettazione di  un giocatore definitivo, oltre al quale difficilmente si riuscirebbe ad andare.

In fondo per me rivoluzione significa questo, la totale e costante ricerca della perfezione.

Karl Anthony Towns, senza il bisogno di indossare la maschera di Guy Fawkes, sembra ad un passo dall’averla finalmente trovata.

Daniele Quetti – Born in the postbannerseattle bannerduncan

bannerbryant

Comments

comments

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcio

Storia dei Mondiali: Francia 1998, la testa di Zidane e il Mistero Ronaldo

Paolo Valenti

Published

on

Il mondiale nel 1998 torna in Europa. In Francia trova spazio una manifestazione sempre più mastodontica, alla quale, per la prima volta, partecipano trentadue squadre: più paesi coinvolti significano maggiori guadagni per tutti e più sostegno per chi, come Blatter, ha spinto questa novità. Cinque squadre africane e quattro asiatiche fanno bella mostra di sé in un tabellone che prevede otto gironi le cui prime due classificate andranno ad alimentare gli scontri diretti che designeranno le due finaliste.

La nazionale transalpina già sulla carta induce i favori del pronostico, vista l’impressionante quantità di giocatori di spessore che presenta nella lista dei ventidue convocati. Da Trezeguet a Petit, da Barthez a Thuram, da Henry a Blanc, i Bleus costituiscono una compagine di valore inestimabile: guidati da Zidane e dal pubblico sembrano inesorabilmente lanciati sulla via del trionfo. Per ottenerlo devono fare i conti col Brasile di Ronaldo, giovane fenomeno reduce da due stagioni fragorose disputate con Barcellona e Inter, nelle quali ha dimostrato di essere probabilmente il miglior calciatore del mondo. Campioni in carica, i verde-oro rispettano fino in fondo il loro ruolo di antagonisti principali dei padroni di casa, cedendo il loro scettro in una finale che solo se disputata con un Ronaldo in condizioni psico-fisiche decenti avrebbe potuto avere un esito diverso.

La vera sorpresa della competizione è la Croazia che, alla sua prima apparizione alla fase finale dei mondiali, conquista un terzo posto che equivale a un successo, per raggiungere il quale raccoglie sul suo cammino lo scalpo di nazionali di tradizione come Germania e Olanda. Avvalendosi del puro talento di gente come Prosinecki, Boban, Vlaovic e Suker, gli slavi mostrano godibili trame di gioco impreziosite da estrosità individuali che disorientano critica e avversari.

E l’Italia? La rosa che Cesare Maldini porta in Francia è molto valida. Il selezionatore azzurro ripesca dal cilindro del campionato il coniglio bagnato (soprannome che gli dette l’avvocato Agnelli) Baggio, in odor di mondiali prontamente rivestitosi con gli abiti del Divin Codino dopo anni di appannamento riconducibili ai soliti infortuni e alle incomprensioni con gli allenatori. Nella stagione che precede Francia 98 torna a respirare aria di provincia a Bologna e riconquista nazionale e mondiale col patto stretto con Maldini di non pretendere la titolarità della maglia. E’ una squadra che dopo la rivoluzione sacchiana restaura il calcio all’italiana: difesa arroccata e contropiede orchestrato sulle triangolazioni verticali Di Biagio-Moriero-Vieri che, se fanno storcere il naso a esteti e amanti del calcio moderno, dimostrano comunque una loro efficacia. Per il terzo mondiale di fila, però, gli azzurri devono fare i conti con la maledizione dei calci di rigore, dopo essere andati vicinissimi ad eliminare la Francia con una delle pennellate magiche possibili solo alla classe senza tempo né fine di Roberto Baggio. E’ il destino a mettersi di mezzo, decidendo che in finale ci devono arrivare delle maglie più blu delle nostre..

I RISULTATI
Leggi tutti i risultati del Mondiale Francia 1998

LE CURIOSITA’

Il golden gol

Altrimenti chiamato dagli americani col forse più “onomatopeico” sudden death, il golden gol fu una novità regolamentare applicata in Francia per la prima volta nel corso della fase finale della coppa del mondo. Frutto dei tentativi di rendere meno guardingo l’atteggiamento delle squadre nello svolgimento dei tempi supplementari, il golden gol, in realtà, contribuì ad aumentare il timore della sconfitta e, di conseguenza, l’attitudine dei giocatori a rimanere coperti in fase difensiva per non subire un gol irrimediabile. Il fallimento di questa regola fu sancito dalla sua definitiva abolizione avvenuta nel 2004.

Parola di Tino

Il 18 giugno 1998 Faustino Asprilla, estroso attaccante della Colombia nonchè del Parma, venne escluso dalla nazionale a seguito delle dichiarazioni rilasciate dopo la sostituzione avvenuta nella partita contro la Romania. In quell’occasione, infatti, Asprilla accusò l’allenatore Gomez di fare favoritismi nei confronti di alcuni compagni che, secondo l’attaccante, avrebbero giocato peggio di lui. Che l’allusione fosse a Valderrama o altri, poco importò: Asprilla venne escluso dalla squadra e fu costretto a rientrare in patria il giorno successivo.

Serbi e croati

I dirigenti della Croazia, squadra rivelazione del torneo, fecero più che qualche rimostranza nei confronti dell’organizzazione dei mondiali quando, per la conferenza stampa seguente la partita col Giappone, si videro assegnati un’interprete serba. Ancora troppo fresche le ferite di una guerra atroce per poter sorvolare su una designazione quanto meno improvvida.

La responsabilità sociale di Jurgen Klinsmann

Poco prima della partita Germania-Iran, il capitano della nazionale asiatica Abdzaleh portò in omaggio a Jurgen Klinsmann, al suo terzo e ultimo mondiale, alcuni regali. Il motivo? Otto anni prima, a seguito di un grave terremoto che colpì il paese, l’attaccante tedesco si era fatto promotore di una raccolta di fondi a sostegno della popolazione colpita dalla disgrazia. Non fu un gesto isolato per l’asso della nazionale che, tra gli altri, elargì anche un significativo contributo economico al compagno di squadra Astutillo Malgioglio, da sempre impegnato nell’assistenza alle persone disabili.

Spirito di squadra

Il difensore del Brasile Aldair soffriva i trasferimenti in pullman. Diventò un problema, quindi, il viaggio di sessanta chilometri da Marsiglia a Tolone che i verde-oro furono costretti a sostenere per l’indisponibilità del Velodrome. I dirigenti della federazione si erano già attrezzati per consentire ad Aldair di effettuare lo spostamento con una macchina ma alla fine fu il giocatore stesso, per spirito di squadra, a decidere di sopportare il suo disagio per poter viaggiare insieme ai compagni.

LA FINALE

Il 12 luglio 1998 nel nuovo Stade de France di Saint Denis si disputa la finale tra i padroni di casa e i campioni del mondo in carica. Francia-Brasile è l’ultima partita che vogliono tutti, tifosi e organizzazione che, come ha rivelato Platini solo poco tempo fa, ricorre anche a mezzi non propri trasparenti per agevolare il transito delle due compagini verso l’ultimo atto della manifestazione senza il rischio di scontrarsi prima. Spalti gremiti a rappresentare una Francia che, se potesse, tracimerebbe sul prato per dare ulteriore supporto e convinzione a una nazionale che, per valori tecnici, non ne ha un gran bisogno. Il Brasile è campione in carica, non è e non può essere la vittima sacrificale di un impulso a vincere che ai Bleus manca dal vittorioso europeo giocato sempre in casa ai tempi di Le Roi Michel. I segnali del pre-partita, però, non sorridono alla nazionale verde-oro: nelle formazioni ufficiali consegnate in sala stampa manca dall’undici titolare il nome di Ronaldo, stella assoluta dalla quale può dipendere l’esito della partita. Si susseguono le voci più disparate che, nel contorno offuscato col quale si diffondono, parlano di un grave malore che ha colpito nel pomeriggio il ragazzo di Rio. Voci poi confermate, anche se delle reali cause che lo hanno provocato nessuno sa nulla. Resta il fatto che alla fine Ronaldo esce regolarmente dagli spogliatoi insieme ai compagni per prender parte a una partita che probabilmente non può permettersi di mancare per esigenze commerciali più che sportive.

Già, perché l’attaccante che scende in campo a Saint Denis non è nemmeno il fratello di latte del Fenomeno che tutti sono abituati ad ammirare per potenza, controllo di palla e capacità di mandare al tappeto i difensori avversari. La partita, in questi termini, di fatto non ha storia: i transalpini prendono il largo già nel primo tempo, quando Zidane si concede il lusso di una doppietta (due colpi di testa) che incorona un mondiale esaltante per lui e la sua gente. Nemmeno l’espulsione di Desailly al 70° riesce a rimettere il Brasile in scia alla partita. Anzi, nel finale Petit riesce a rendere il risultato ancora più netto, portando tutta la Francia a festeggiare sulle avenues dei Campi Elisi.

I PROTAGONISTI

Zinedine Zidane – Della Francia campione del mondo 1998, il giocatore di maggior talento era sicuramente Zinedine Zidane. Marsigliese di origini berbere, Zidane costituì la punta di diamante di una generazione di fenomeni che la Francia non aveva mai visto nemmeno ai tempi di Platini, Giresse e Tigana. Dotato di una classe non inferiore a quella del suo illustre predecessore con la maglia numero dieci, Zidane era un melange perfetto di abilità tecnica e forza fisica che rendeva quasi sempre vano il tentativo di centrocampisti e difensori avversari di sottrargli il pallone, che Zizou andava spesso a cercare nei meandri del centrocampo per poi farsi carico di portarlo avanti con progressioni individuali o giocate ad innescare i compagni. Si, perché Zidane era indifferentemente in grado di arrivare in porta con dribbling e veroniche avvitate su se stesso piuttosto che lanciando i protagonisti dell’azione offensiva verso il passo finale, non disdegnando di battere i portieri anche attraverso il gioco aereo, nel quale faceva valere la sua non indifferente mole, come dimostrarono proprio i due gol segnati al Brasile nella finale di Saint-Denis.

Il successo con la nazionale gli consentì di vincere il Pallone d’Oro e il Fifa World Player 1998, a suggello di un anno solare per lui indimenticabile. La sua carriera non finì con quel mondiale: vinse coi Bleus, pur non brillando, anche l’Europeo del 2000 contro l’Italia e fece incetta di trofei con due top club come la Juventus e, soprattutto, il Real Madrid. Una delle sue poche pecche risiedeva nelle pieghe di un carattere a volte ombroso che, se mal disposto, gli faceva perdere la testa. Indicativo, in questo senso, il suo addio al calcio nella finale dei mondiali 2006, ancora una volta contro l’Italia, quando, provocato da Materazzi, reagì platealmente e venne espulso. Uscendo dal campo potè accarezzare solo con lo sguardo quella coppa alzata al cielo otto anni prima che, probabilmente, avrebbe potuto tenere ancora tra le mani se non avesse lasciato in inferiorità numerica, e senza un rigorista letale, i propri compagni. Terminata la carriera in mezzo al campo, ancora oggi dimostra di essere nato per dare il meglio al calcio: da allenatore delle Merengues, con la vittoria della Champions League 2018, è diventato il primo, e finora unico, allenatore ad aver vinto il trofeo tre volte di fila.

Luigi Di Biagio – Nella nazionale di Cesare Maldini, Luigi Di Biagio svolgeva il ruolo di play basso davanti alla difesa col preciso compito di accelerare la fase di transizione tra azione difensiva e offensiva. Formatosi nelle giovanili della Lazio, Di Biagio arrivò stabilmente in Serie A con il Foggia di Zeman, tecnico che ne forgiò le caratteristiche di incontrista capace di ribaltare velocemente l’azione. Col tecnico boemo affinò anche la capacità di inserirsi con profitto in zona gol: un bagaglio tecnico che gli permise di farsi notare anche nell’ambiente della nazionale e di partecipare così alla spedizione di Francia 98, dove rappresentava lo snodo tattico cruciale del gioco voluto da Maldini senior. Recuperato il pallone, Di Biagio tagliava il campo con lunghi lanci in diagonale a raggiungere l’esterno destro Moriero il quale, a sua volta, di prima o dopo un’azione in profondità, cercava l’intervento potente di Bobo Vieri in area di rigore avversaria.

Vigoroso e votato al gioco di squadra, Di Biagio non si tirò indietro quando si trattò di andare a calciare l’ultimo rigore nella partita dei quarti di finale contro i padroni di casa francesi. Lo tirò come era solito fare, con un calcio violentissimo che, in genere, ovunque fosse indirizzato nello specchio della porta non avrebbe dato scampo al portiere. Quel giorno, però, non andò così: bastarono pochi centimetri di troppo al pallone perchè andasse a infrangersi nel pieno della traversa e rimbalzasse verso il campo. Di Biagio cadde all’indietro quasi che si fosse sentito colpito al petto da quel rinculo che sentenziava l’ennesima sconfitta dell’Italia ai mondiali ai calci di rigore. Caduto al fronte, con onore.

Comments

comments

Continua a leggere

Calcio

Russia 2018: Vince la Svizzera, esulta il Kosovo

Ettore zanca

Published

on

La partita Serbia – Svizzera non sarebbe stata facile per loro tre.
Loro sono Behrami, Shaqiri e Granit Xhaka. Giocano nella nazionale svizzera ma hanno radici kosovare. Behrami e Shaqiri hanno avuto la storia meno cruenta dei tre. Se così si può dire. Entrambi fuggiti in Svizzera con le famiglie ai primi venti di guerra nella ex Jugoslavia nel 1991. Shaqiri pur legato molto alla Svizzera, è stato molto tentato di abbandonare la nazionale per giocare in quella kosovara, poi rinunciò per gratitudine a chi diede ospitalità alla sua famiglia.

La storia di Granit Xhaka è molto più affondata nella sua carne e in quella dei suoi familiari.
Le milizie serbe capitanate da Slobodan MIlosevic infatti, arrestarono il padre di Granit, accusato di essere un attivista delle cause kosovare. Condannato a sei anni, fu rilasciato dopo 3 anni e mezzo in cui fu torturato e percosso. Una volta fuori e prima che la situazione precipitasse, decise di scappare a Basilea. Dove nacquero Granit e suo fratello Taulant.

La curiosità è che mentre Granit difende i colori della Svizzera, suo fratello gioca per la nazionale albanese. Agli europei di due anni fa, la madre era allo stadio con una maglietta divisa in due parti per non fare torto a nessuno dei due. Granit dice di suo padre che è il suo idolo indiscusso, che però non gli ha mai raccontato tutto della prigionia, forse per risparmiargli il dolore.

Ieri sera la Svizzera ha vinto. Il gol della vittoria lo ha segnato Shaqiri, uno dei tre kosovari. Per completare la favola, occorreva che a pareggiare fosse l’uomo con la storia più affondata nella carne. Beh, indovinate un po’ chi ha fatto il gol del pareggio. Un gran bel gol tra l’altro.

Comments

comments

Continua a leggere

Calcio

Il senso di Lukaku per la vita

Ettore zanca

Published

on

In mezzo ad un mondo che si urla di tutto, le immagini edificanti sono ormai delle oasi da tenersi strette. Dopo la fine della partita vinta dal Belgio contro Panama, c’è stata una delle più belle immagini del mondiale, finora. E sono immagini che rimandano alla storia personale di uno dei due. Nella foto che vedete, ci sono il panamense Fidel Escobar e il belga Romelu Lukaku, in divisa rossa. Durante la partita se le sono date di santa ragione per arrivare prima sul pallone. Lukaku ha segnato una doppietta. Alla fine entrambi, comunque hanno pregato, una preghiera di ringraziamento, evidentemente, che al di là delle religioni di ognuno, Lukaku è cattolico, Escobar cristiano evangelico, fa rendere entrambi paghi per quello che hanno avuto. E non è poco. Ancora più raro è vederlo su un campo da calcio.

La storia personale di Lukaku poi, è di quelle da fame nera. Nato ad Anversa, quindi Belga di cittadinanza e non naturalizzato, ha cominciato a sgomitare la vita prima degli avversari. Se c’è un momento in cui si realizza di essere poveri, Romelu lo ricorda nitidamente, aveva sei anni e tornava a casa da scuola e vide dipinta sui volti della famiglia la disperazione. Erano senza nulla. I topi erano i suoi coinquilini, mangiavano pane con latte allungato con acqua.
Si faceva la doccia dentro una pentola e non aveva elettricità. Promise a se stesso che tutto sarebbe cambiato per lui e per la famiglia.

A undici anni sembrava già uno di diciotto, i genitori degli altri ragazzini stentavano a credere che avesse quell’età. A dodici anni andò dal tecnico dell’Anderlecht under 19, gli chiese di farlo giocare, quello gli rise in faccia, e Romelu disse: “facciamo così, tu mi fai giocare e io ti prometto di fare 25 gol in un anno, se perdo mi sbatti in panchina o mi cacci, se vinco, pulisci il pulmino della squadra e cucini i pancakes per tutti. A fine stagione mangiammo dei buonissimi pancakes”.

Da allora è stato il sostegno per tutta la famiglia. E conosce bene la fame, per questo lotta come un disperato per tutto il campo. E ha un mantra, che tanti dovrebbero ricordare: “non bisogna mai scherzare con chi ha lottato tra miseria e povertà sconfiggendo la fame”. 
No, c’è poco da scherzare, Romelu, con chi fa a gomitate prima di tutto col fato e lo abbatte. Poi preghiamo insieme, poi. A partita finita. E non importa chi ha vinto.

Comments

comments

Continua a leggere

Trending