La Football Association insieme alla PFA (Associazione calciatori professionisti inglesi) nel 2014 avevano iniziato ad impegnarsi per cercare di capire se i calciatori fossero a rischio di possibili disturbi al cervello, nel corso della propria vita, per i colpi di testa effettuati durante la carriera.

LA MORTE DI JEFF ASTLE PER UN PROBLEMA AL CERVELLO

Il rapporto tra disturbi al cervello e calcio ha iniziato ad emergere presso i media da quando l’ex attaccante dell’Inghilterra e del West Bromwich, Jeff Astle, morì a causa di un problema degenerativo al cervello nel 2002, all’età di 59 anni. Un medico legale riportò che il problema di salute di Astle era da addurre al lavoro dell’atleta, un chiaro riferimento alla possibilità che colpire violentemente la sfera con la testa possa aver influito sulla situazione clinica dell’ex calciatore. Alba Astle, figlia dell’ex Inghilterra e West Brom attaccante Jeff Astle, morto a 59 anni ed affetto da un precoce caso di demenza, ha detto che era “assolutamente ovvio che la sua demenza fosse legata alla sua carriera calcistica”. Ms Astle ha dichiarato alla BBC Radio: “A seguito dell’inchiesta sulla morte di mio padre, il mondo del  calcio ha provato a spazzare via il caso nascondendolo sotto un tappeto, come si fa con la polvere che non si vuole guardare e poi togliere. Nessuno vorrebbe sapere che il calcio possa essere un ‘assassino’ ma, purtroppo, lo è… o, almeno, lo può essere“. Alba Astle ha poi proseguito affermando che suo padre, all’età di 55 anni, era fisicamente molto in forma quando è andato dal medico, il quale poi ha diagnosticato la precoce insorgenza di demenza.

A partire da quel caso, diversi ex giocatori inglesi si sono trovati costretti ad affrontare situazioni simili, tra cui Jack Charlton, Martin Peters, Nobby Stiles e Ray Wilson, membri della nazionale che nel 1966 vinse i Mondiali di calcio.

GLI STUDI E GLI ESPERIMENTI:

I ricercatori dell’University College di Londra e della Cardiff University hanno esaminato il cervello di cinque ex calciatori professionisti ed un dilettante. Tutti quanti avevano giocato a calcio per una media di 26 anni e tutti e sei hanno sviluppato casi di demenza dopo aver passato i 60 anni.

Durante l’esecuzione di esami post mortem, gli scienziati hanno trovato segni di lesioni cerebrali, chiamati encefalopatia traumatica cronica (ETC), in quattro casi. L’ETC è stata collegata a perdita di memoria, depressione e demenza ed è stata riscontrata pure in altri sport.


PROBLEMI ANCHE PER LA MEMORIA:

Secondo quanto dimostrato dall’università di Stirling, viene confermata la presenza di disturbi cerebrali in coloro che hanno colpito la palla con la testa. Specificatamente per quel che concerne la memoria, nel campione analizzato si evince una perdita della stessa per una percentuale che va dal 41% al 67% nell’arco temporale di 24 ore dal momento dell’impatto. Il test è stato effettuato attraverso una macchina che riproduce la potenza del cross da calcio d’angolo. In tutti i 20 casi studiati, è stata sottolineata una riduzione di memoria con tempi di recupero dal trauma rappresentabili in una giornata intera. Le ricerche correlate al colpo di testa e problemi cerebrali ha portato, per esempio, gli Stati Uniti, a vietare il colpo di testa ai bambini al di sotto degli undici anni.

LA PAURA DI SHEARER:

“Ogni gol segnato con un colpo di testa nel corso di una partita, è stato preceduto da 1000 prove in allenamento. Questo potrebbe mettermi a rischio se tra le due cose c’è correlazione. Ho scarsa memoria e non se è perché non ascolto. Quando si gioca a calcio come professionisti si mettono in conto problemi alle ginocchia, alle caviglie ma non ho mai pensato che il calcio potesse essere legato a problemi al cervello. Ecco perché è indispensabile la ricerca. Queste le parole di Alan Shearer, bandiera del New Castle e bomber della nazionale inglese a 15 anni dalla morte di Jeff Astle per demenza procuratagli molto probabilmente dai troppi colpi di testa in carriera.

NON SOLO CALCIO: BENNET OMALU ED IL FOOTBALL AMERICANO

Bennet Omalu è un patologo forense che nel 2002 a seguito della morte di Mike Webster, centro dei Pittsburgh Steelers, football americano, esaminando il cervello dell’atleta scoprì l’ “Encefalopatia traumatica cronica”, prima della sua scoperta definita “demenza pugilistica”, ovvero quel tipo di demenza indotta dai ripetuti colpi alla testa subiti nel corso della carriera, prima associata solamente al mondo del pugilato. Con queste analisi Omalu scoprì un accumulo della proteina Tau nel cervello di Webster, proteina che influenza l’umore, le emozioni, le funzioni cognitive e spesso porta ad istinti suicidi. I suoi studi inchiodarono la NFL dapprima molto riluttante ad accettare questo tipo di ricerche.

Close