Euro 2016, per fortuna, non è solo violenza e scontri tra sedicenti tifosi di calcio; in Francia, infatti, emergono anche storie emozionanti come quella del cinquantaquattrenne gallese Ian ‘Jacko’ Roberts.

I Dragoni, per la prima volta presenti nella Fase Finale di un Europeo, non hanno assolutamente pagato lo scotto dell’esordio dal momento che hanno collezionato sei punti nelle tre partite del girone disputate e sono clamorosamente riusciti a passare il turno, per giunta come primi nel proprio gruppo a scapito dei ‘cugini’ inglesi.

Una vera e propria favola. Una meravigliosa storia a tinte britanniche che il grande tifoso Ian Roberts, detto ‘Jacko’, proveniente da Acrefair, vicino Wrexham, non voleva perdersi per nulla al mondo. Per questo motivo, il signor Roberts ha deciso addirittura di interrompere il percorso di cure che sta effettuando per provare a sconfiggere una malattia maledetta come il cancro. Il fan gallese ha quindi assistito dal vivo a Tolosa allo storico 3-0 dei suoi contro la Russia, gara decisiva ai fini della qualificazione per la nazionale biancorossa.

Giusto un rapido break dalla propria intensa battaglia, prima di tornare in patria ad inizio settimana per riprendere le terapie necessarie. Riguardo alla partita a cui ha assistito, Roberts ha affermato “L’atmosfera era incredibile, eccezionale.”

Difficile dubitarne visto che il roboante punteggio in favore dei gallesi porterà i ragazzi di mister Coleman, trascinati dalla stella Gareth Bale, a giocarsi gli Ottavi di Finale oggi pomeriggio nella splendida cornice di Parigi.

Il sogno del signor Roberts, padre di famiglia, comunque, non si è limitato all’emozione della partita. Nel suo hotel a Tolosa, infatti, il tifoso ha incontrato due ex stelle del calcio gallese, oggi entrambi opinionisti, come Robbie Savage e John Hartson, il quale a sua volta ha dovuto affrontare una dura battaglia contro il cancro.

Sono riuscito a fare una chiacchierata con John Hartson e lui mi ha messo anche una mano sulle spalle come se fossimo amici di vecchia data. E’ stato bellissimo. Queste le parole di un emozionato ‘Jacko’ al termine dell’incontro con Savage ed Hartson.

Ian Roberts, che di mestiere fa il falegname e canta nel coro maschile Froncysyllte, è stato inoltre catturato dalla fotocamera di Hartson mentre era intento a cantare l’inno nazionale. L’ex centravanti ha poi postato su Twitter l’immagine prima della sfida contro i russi.

Jacko’ ha detto che guardare la propria nazionale in Francia è stato veramente magnifico ed ha aggiunto “specialmente dopo tutti gli anni di sofferenza calcistica che abbiamo vissuto, con tutte le occasioni buttate per riuscire a qualificarci per la Fase Finale di una competizione.

La diagnosi del mio tumore venne fuori durante la mattinata del giorno in cui il Galles avrebbe poi sfidato Andorra (gara di qualificazione per Euro 2016 disputata lo scorso ottobre e vinta dai gallesi per 2-0 ndr). Per tutto l’inverno non sapevo se sarei riuscito a venire in Francia, poi la meravigliosa notizia avuta lo scorso mercoledì“.

I miei amici hanno comprato il biglietto anche per me. Vista la battaglia che sto affrontando e portando avanti, hanno organizzato tutto loro, hanno raccolto i soldi anche per me e mi hanno portato qui.

Ian Roberts ha poi affermato che è stata dura affrontare il viaggio ma che ha passato momenti bellissimi con i suoi amici. Una grande emozione è inoltre derivata dal fatto che suo figlio, Thomas, di quattordici anni, è riuscito a confrontarsi con grandi stelle del mondo del calcio nel passato. Non una novità, invece, per ‘Jacko’, che grazie alla sua attività come cantante non di rado si è trovato di fronte a grandi nomi del mondo del football.

Per quanto concerne il percorso medico, due settimane fa Ian Roberts ha terminato le dodici sessioni di chemioterapia previste ma la battaglia non è ancora conclusa e ‘Jacko’ si appresta ora ad affrontare una nuova fase di cure.

L’augurio è che tutto possa andare alla perfezione, magari di pari passo ad un grande cammino dei Dragoni ad Euro 2016.  

Close