Connettiti con noi

Sport & Integrazione

This is cricket, lo sport che insegna rispetto e lealtà ai ragazzi attraverso l’inglese

Elisa Mariella

Published

on

Si sa, quando si parla di ”invenzioni sportive” il primo popolo che viene alla memoria è quello orientale: l’atletica leggera ad esempio, trova le sue origini nell’antica Grecia. Quando parliamo di cricket però, dobbiamo ritornare nel nostro continente e per la precisione in Inghilterra. Gli inglesi hanno inventato due sport: uno, il calcio, con regole più semplici e più conosciuto, l’altro, il cricket appunto, più complesso e giocato soprattutto d’estate. Giochi simili all’attuale cricket erano praticati nell’Inghilterra del sud-est già a partire dal 1300, portati nelle terre britanniche dai pastori fiamminghi. Il termine potrebbe derivare dalla parola fiamminga krick, bastone, a testimonianza degli scambi culturali ed economici tra il sud est dell’Inghilterra e le Fiandre. Il cricket è, per i britannici, “il gioco”: praticato nei cortili dei caseggiati, sui prati verdi dei parchi pubblici, nelle aree ricreative delle scuole e in qualsiasi spazio aperto. Uno sport per cui servono davvero poche cose. Una mazza più o meno piatta, una palla di cuoio rossa e alcuni bastoncini. Il resto, ce lo mette il giocatore. Abilità , ingegno, forza, tempismo, sono alla base di questa disciplina dal triplice aspetto: tecnico, ludico e formativo. L’insieme metodico degli esercizi, se praticati correttamente, sono utili a ritemprare corpo e spirito, divertendosi in allegria ma soprattutto rimanendo leali in campo.

In Italia il cricket sbarca attorno agli anni ’80 del secolo scorso, con la nascita della Federazione Italiana Cricket che a oggi conta circa una ventina di squadre di serie A e B, fra cui la S.S. Lazio Cricket di Roma. Nel 1986 il primo campionato con i colori biancocelesti vede la neonata squadra romana vincere subito il primo torneo six-a-side: giocatore dell’anno è Manlio De Amicis, classe 1973, rappresentante dello spirito mediterraneo che ha arricchito questo gioco nella sua parentesi italiana. Proprio la grande passione di Manlio per questo sport lo spinge ad avvicinarsi ai più piccoli, con un progetto interessante che ancora oggi – più di ieri – lo impegna e gli da’ molte soddisfazioni. “Impariamo l’inglese giocando a cricket” è la sfida iniziata qualche anno fa dal lanciatore-battitore, che gira l’Italia per portare questo sport nelle scuole. Con una particolarità, che lui stesso ci racconta.

Come e perché nasce il progetto “Impariamo l’inglese giocando a cricket?”

Il progetto è nato in collaborazione con la scuola elementare Manzoni di Roma nel 1998, per il semplice fatto che mia moglie insegna inglese proprio in questo istituto. Siamo partiti con 24 ore per classe, in particolare per le quarte e le quinte, per un totale di sei mesi. Poi per una questione di costi e per via di alcune leggi non si sono più potuti fare i progetti a pagamento all’interno degli istituti. A questo punto è nato, per volontà della Federazione Cricket italiana, un piano di promozione scolastica del cricket, che concede a qualsiasi scuola d’Italia che ne fa domanda un biennio di 48 ore totali da utilizzare per avvicinare i ragazzi a questo sport. Attualmente sono state incluse anche le prime classi della scuola media inferiore. A progetto concluso, tutte le scuole che hanno aderito partecipano al Cricket Festival, un torneo che vede due squadre, una femminile e una maschile, gareggiare fra loro. Sono coinvolte molte regioni, fra cui Sicilia, Calabria, Veneto, Emilia Romagna, Lombardia e Lazio.

Quali sono stati, negli anni, i risultati raggiunti grazie a questo progetto?

Innanzitutto uno, quello di riuscire a insegnare ai bambini l’inglese attraverso lo sport. I termini del cricket sono infatti intraducibili: utilizzandoli durante una lezione “pratica”, i piccoli riescono a formare una frase di senso compiuto usando i vocaboli che io insegno loro. Non è il classico metodo “scolastico”, quello per cui sei in classe e incominci dalla grammatica, ma partendo dallo sport arrivi alla lingua. I bambini assorbono l’inglese attraverso il gioco. Le lezioni si svolgono nei cortili o nelle palestre delle scuole: inizio con il chiedere ai piccoli di svolgere una serie di esercizi, come alzare le mani, metterle in avanti o portarle indietro, girare a destra o a sinistra, spiegando loro che ogni movimento che compiono ha un nome nell’inglese del cricket. All’inizio è difficile, ti guardano spaesati, ma imparano velocemente: dopo un po’, quando do il comando da svolgere in lingua, loro lo compiono automaticamente. Questo significa che hanno associato la parola inglese al movimento da compiere proprio attraverso il gioco che insegno loro. Col tempo, i piccoli incominciano a usare questi termini anche nel parlare comune.

In che modo il cricket contribuisce all’integrazione culturale fra persone di diverse nazionalità?

Oggi il cricket è diffusissimo in Asia, America, Africa e anche in Italia. Essendo un gioco universale, secondo solo al calcio, fra coloro che praticano questo sport l’unica possibilità di comunicare e interagire è proprio l’inglese. Il cricket poi è basato su una serie di regole non scritte, che si basano proprio sul rispetto di sé stessi, dei compagni e dell’avversario, oltre che dell’ambiente in cui si pratica. Chi gioca a cricket quindi impara ad applicare queste regole non scritte anche nella vita di tutti i giorni, imparando a rispettare il diverso, inteso non come “nemico” ma come compagno da cui poter imparare qualcosa di nuovo. Il veicolo ovviamente è sempre la lingua.

Cosa ha significato per te il cricket e cosa rappresenta oggi per i ragazzi che lo praticano?

Il cricket mi ha insegnato moltissimo, innanzitutto l’educazione e il rispetto nella vita di tutti i giorni. Poi, all’interno di una competizione sportiva, se tu sei un mio avversario e hai fatto qualcosa di buono io ti applaudo, non t’invidio mica. Anche ai ragazzi insegno questo, spiegando loro per esempio il ruolo fondamentale dell’arbitro in una gara, la cui decisione è insindacabile e incontestabile. Il cricket si basa sul principio anglosassone del fair play, il gioco leale. Questo sport insegna a rispettare le regole, gli avversari: insegna a giocare pulito, in gara così come nella vita.

Comments

comments

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcio

L’Orlando City e i seggiolini arcobaleno in memoria della strage del Pulse

Gianluca Pirovano

Published

on

Il nuovo stadio di Orlando, inaugurato il 24 Febbraio 2017 in tempo per la data della prima gara ufficiale, contro il New York City, del 5 Marzo dello stesso anno, è un piccolo gioiellino da 25mila posti a sedere, interamente dedicato al calcio.

Un impianto che lo scorso anno finì al centro della cronaca per una decisione presa dal Presidente della squadra  che ha emozionato e mostratogrande vicinanza verso la popolazione della città della Florida, squarciata dall’attacco omofobo avvenuto proprio il 12 Giugno del 2017.

La franchigia viola, in MLS dal 2015, ha deciso infatti di colorare 49 seggiolini del nuovo stadio con i colori dell’arcobaleno.

Il motivo? Orlando, come dicevamo, è stata teatro di una delle peggiori stragi nella storia degli Stati Uniti. 49 morti e più di 50 feriti in seguito ad una sparatoria all’interno del Pulse, locale notturno frequentato dalla comunità omosessuale cittadina.

 “Sono posti che saranno visti da tutto lo stadio, proprio dietro le panchine, e questo ci è sembrato un buon modo per ricordare quel giorno” ha raccontato Phil Rawlins, presidente dell’Orlando City.

I seggiolini sono stati posti nella tribuna Ovest, settore 12.

Non una scelta casuale.

“Il settore è il 12 perché la data della strage è il 12 giugno” ha aggiunto Rawlins.

Chiudendo la presentazione dell’iniziativa e ringraziando chi ha reso possibile realizzarla, Phil Rawlins ha ricordato come scelte di questo tipo rafforzino l’immagine del club ed il suo obiettivo di creare una comunità “inclusiva, variegata ed aperta a tutti”.

Comments

comments

Continua a leggere

Calcio

“Stiamo preparando i nostri giocatori al peggio”: l’Inghilterra e la paura di Russia 2018

Emanuele Sabatino

Published

on

Nel 2018, a meno di un mese dalla Coppa del mondo che in teoria dovrebbe essere una festa di sport, una federazione quella inglese deve preparare i propri giocatori a ricevere insulti razzisti e discriminatori durante tutta la manifestazione.

Il coach dei leoni d’oltremanica Gareth Southgate si è detto molto preoccupato per il viaggio dei suoi in Russia poiché lì in quel paese il razzismo sta diventando molto endemico e ramificato tant’è che la Federazione Russa è stata multata di 33.000 franchi svizzeri (25.000 euro) proprio per i canti razzisti dei suoi supporters durante l’amichevole contro la Francia dello scorso anno.

In quella partita Paul Pogba stella del Manchester United e Ousmane Dembele del Barcellona furono oggetto del disgustoso appellativo di scimmie con contorno di ululati razzisti durante la vittoria per 3-1 dei galletti a San Pietroburgo.

“Stiamo preparando i nostri giocatori al peggio”, ha spiegato Southgate, “in questi casi ci è stato affidato un protocollo da seguire ma speriamo di non doverlo mai utilizzare perché quella che deve essere una festa di sport resti tale. L’importante è che i nostri giocatori, qualora venissero bersagliati, sapranno perfettamente che tutto lo staff e tutti i compagni di squadra gli saranno vicino il più possibile. Ci sono alcuni incontri a cui stiamo partecipando per arrivare il più preparati possibile a qualsiasi evenienza. Tutti i giocatori sanno che avranno tutto il supporto possibile.”

Il razzismo nel calcio russo è diventato una piaga da dopo il collasso dell’Unione Sovietica nel 1991 è l’inizio dell’arrivo dei giocatori stranieri.

Il FARE (Football Against Racism) ha riportato 89 episodi di razzismo durante la stagione 2016-2017. I numeri sono gli stessi delle tre stagioni precedenti sintomo che la volontà di risolvere il problema da parte della federazione russa sembrerebbe non esistere.

Comments

comments

Continua a leggere

Calcio

La Scuola di Hans Dorfner e il calcio come divertimento per costruire i campioni di domani

Emanuele Sabatino

Published

on

La Scuola calcio Hans Dorfner è da oltre 20 anni  un nome familiare per giovani talenti e per gli appassionati di calcio. L’idea di Hans Dorfner è quella di trasmettere ai  piccoli talenti del calcio tedesco le sue conoscenze e abilità provenienti dalla sua lunghissima esperienza come giocatore del Bayern Monaco, Norimberga e della nazionale tedesca, da cui è emerso un concetto innovativo, rivoluzionario e secondo a nessuno.

La sua scuola calcio è diventata una delle più grandi in Germania. Qui i responsabili sono tutti insegnanti e allenatori sportivi e di calcio qualificati e addestrati. Ciò garantisce che questi ultimi siano pedagogicamente efficaci nell’insegnamento di questo sport.

Progettata e rivolta ai ragazzi dai 6 ai 14 anni, la scuola calcio propone sempre e ovunque un allenamento tecnologico e divertente. Nelle sessioni di allenamento del pomeriggio ciò che è stato appreso la mattina viene convertito in pratica sotto forma di gioco, competizione e torneo. Oltre alla formazione, ai bambini viene sempre offerto un’alimentazione equilibrata e variegata e vengono costantemente supervisionati per controllare che mangino tutto e apportino i giusti macronutrienti prima di tornare a giocare e divertirsi.

Travolta da un’ondata di entusiasmo dei piccoli calciatori ma anche dei genitori, la scuola calcio di Hans Dorfner ha dovuto ampliare costantemente la gamma di corsi e camp calcistici con l’obiettivo di soddisfare la sempre più crescente domanda.

Il successo della Germania calcistica parte dai più piccoli ed i suoi ingredienti segreti sono le scuole calcio meno tattiche ma tutto divertimento, nutrizione ed educazione, specialmente quando lo chef è d’eccezione come Hans Dorfner.

 

 

Comments

comments

Continua a leggere

Trending