Il progetto per il nuovo stadio della Roma a Tor di Valle sembra ormai diventato un qualcosa a metà tra un romanzo a puntate e uno di quei giochi da tavolo che non finiscono mai. Dove, proprio come succede nel gioco dell’oca, quando sembra di essere arrivati oramai alla fine si ritorna al punto di partenza. E dopo il no della Regione ad una nuova proroga della Conferenza dei Servizi, arrivano le ultime dichiarazioni della sindaca Virginia Raggi che annuncia ufficialmente la possibile revoca della delibera 132 approvata sotto la giunta di Ignazio Marino.

L’ormai famosa delibera con la quale nel dicembre del 2014 il Consiglio Comunale riconobbe la pubblica utilità al progetto che prevedeva oltre alla costruzione dello stadio, anche quella di 3 grattacieli e delle opere di pubblica utilità richieste della giunta Marino. Un atto che sin dalla campagna elettorale, l’allora candidata Virginia Raggi (che quando era consigliere comunale votò contro la sua approvazione) ha sempre detto di voler annullare. Senza mai, tuttavia, andare oltre le dichiarazioni ad effetto ma aggrappandosi all’esistenza di non meglio precisati vizi di legittimità. Che avrebbero reso la delibera annullabile ma soltanto qualora fossero stati accertati. E proprio sull’esistenza di questi vizi la sindaca avrebbe costruito parte della sua strategia per portare i proponenti a scendere a miti consigli. Accettando (come poi realmente avvenuto nell’accordo del 23 febbraio scorso) le condizioni poste dal Movimento 5 Stelle (taglio delle cubature del 50% al progetto iniziale) per concedere il via libera alla costruzione dello stadio.

Ma adesso come racconta Il Tempo, sembrerebbe che quel famoso parere che la Raggi avrebbe richiesto all’Avvocatura capitolina, e sulla base del quale sarebbe stata minacciata dalla sindaca la revoca della delibera 132 per l’accertata presenza di vizi di legittimità, in realtà non contenesse alcunché di tutto questo. Perché, come ha scritto Matteo Di Paolo Antonio sul Tempo di sabato 4 febbraio, nel documento firmato dal capo ufficio Carlo Sportelli e dell’avvocato Rodolfo Murra (che sarebbe arrivato sul tavolo di Virginia Raggi il 19 gennaio scorso e che la sindaca avrebbe tenuto appositamente nascosto) ci sarebbe stato scritto che in presenza di un atto di ritiro di detta manifestazione di interesse, qualificabile come “revoca” il proponente sarebbe teoricamente legittimato a richiedere un indennizzo economico. Facendo dunque intendere che la delibera approvata sotto la giunta Marino fosse in realtà del tutto legittima e priva di “vizi di legittimità” che altrimenti non avrebbero “legittimato” il proponente a chiedere un risarcimento. Il quale sarebbe stato possibile proprio perché, come scritto dall’Avvocatura, “la P.A. non può indiscriminatamente cambiare l’orientamento originariamente assunto in relazione ad una specifica opera pubblica perché tale scelta sarebbe libera solo fino al momento in cui la proposta non abbia ancora ricevuto il pubblico interesse”.

Ma non sarebbe questo il caso, perché come noto la “proposta” della Roma e di Eurnova (la società proprietaria dei terreni di Tor di Valle sui quali verrà costruito lo stadio), aveva ottenuto il riconoscimento del pubblico interesse sia da parte sia della Giunta Marino che del Consiglio comunale. E per questo, i proponenti avrebbero potuto chiedere, come peraltro già annunciato dal direttore generale della Roma Mauro Baldissioni, un risarcimento milionario. Il quale invece, sempre secondo quanto riporta il Tempo, sarebbe stato escluso da un nuovo parere richiesto ancora dalla Raggi e firmato questa volta dall’avvocato Sergio Manganelli (già  nell’ufficio legale del Comune ai tempi di Alemanno) che secondo  il quotidiano di piazza Colonna sarebbe stato  “ un parere su misura” costruito sulle richieste della sindaca. La quale, come poi realmente avvenuto, avrebbe utilizzato questo parere per raggiungere l’accordo annunciato il 23 febbraio. Che taglia le cubature e toglie i grattacieli (per far spazio a palazzine di 7 piani) ma probabilmente (anche se si aspettano i documenti ufficiali) anche alcune opere di pubblica utilità. Ma di fatto, fa ripartire daccapo l’intero procedimento. Perché nonostante la Raggi dica il contrario, la Regione Lazio guidata dal democratico Nicola Zingaretti, non sembra orientata a concedere il via libera definitivo al progetto 2.0.

Close