“Disabilita i tuoi limiti” è la call to action della nuova piazza virtuale realizzata da Fondazione Vodafone per condividere informazioni, fare comunità, approfondire storie, cercare professionisti e tecnici. Il minimo comune denominatore è lo sport, pensato per le persone con disabilità. Si chiama Oso e l’acronimo sta per ‘Ogni sport oltre’: la prima piattaforma digitale, sviluppata con app per iOS e Android, unisce famiglie, istruttori e professionisti verso l’obiettivo della partecipazione sempre maggiore, non solo digitale. Mette in rete tutte le informazioni utili a chi vuole praticare sport in Italia e creare una comunità di utenti fra persone con disabilità, le famiglie, gli istruttori ed i professionisti sportivi e tutti coloro che sono appassionati di sport, veicolando un modello inclusivo di partecipazione, perché lo sport sia davvero un’opportunità per tutti.

La piattaforma digitale OSO è stata presentata oggi in una conferenza stampa presso la Sala delle Armi al Foro Italico che, con la partecipazione di Giovanni Malagò, Presidente del CONI, Luca Pancalli, Presidente del Comitato Italiano Paralimpico, Alex Zanardi e Bebe Vio, ha riunito tutte le realtà sportive dedicate alle persone con disabilità.

La Fondazione Vodafone ha selezionato in particolare quattro progetti che si sono distinti per il loro forte impatto di sensibilizzazione verso l’integrazione e la diffusione della pratica sportiva. Soprattutto verso il mondo dei giovani e delle scuole. Tra questi c’è Special Olympics Italia con il suo Progetto Scuola che propone percorsi educativi rivolti alle scuole di ogni ordine e grado che mettano al centro del percorso l’alunno con disabilità intellettiva.
Alessandra Palazzotti, Direttore Nazionale di Special Olympics, è intervenuta in conferenza stampa per presentare il progetto e per lanciare il pallone rosso, icona del Movimento e simbolo dello sport che mira all’inclusione.

Close