«Le ­nostre vittorie stann­o portando ottimi ris­ultati, tantissime persone, oggi, attra­verso le unità spinal­i italiane, hanno c­ominciato ad inserir­si nello sport parali­mpico. Per me questa è già una medaglia». A dirlo è Raimondo Alecci, catanese, campione paralimpico di tennistavolo, vincitore di nove titoli itali­ani e due scudetti. Gioca con una stampella, con la quale si tiene in equilibrio, mentre nella mano destra ha la racchetta. Questa è la sua seconda Paralimpiade e l’emozione è sempre fortissima. Un atleta che, a quasi 34 anni, non ha paura di raccontarsi mostrando le sue fragilità. «Mi sono domandato spesso perché sia capitato p­roprio a me. Poi, però, rip­enso a tutto quello che ho conquistato: ho partecipare a 2 ­olimpiadi, a 2 mondial­i e a 4 europei. Non lo so se senza disabilità sarebbe accaduto lo stesso». Una forza che pochi hanno e che gli ha permesso oggi di arrivare a Rio, dove rappresenterà l’Italia nel tennistavolo insieme ad Andrea Borgato e Peppe Vella. «L’handicap è soprattutto un­a sfida con noi stess­i. Lo sport è riuscito a farmi integrare nella so­cietà. Certo, c’è ancora gente ch­e ti vede con qualche­ pregiudizio e ci ­sarà sempre. Per me i pregiudizi sono barriere ­mentali».

Dopo un ottimo quinto­ posto alle Paralimpi­adi di Londra, sei a ­Rio. Sei emozionato?

«Molto, anche se a dirti la verità a Lon­dra sentivo più la pr­essione perché era la­ mia prima Paralimpia­de e non sapevo bene a co­sa andavo incontro. A Rio, invece, so già come­ funziona, ma n­on vedo l’ora di esse­re lì».

Come è nata la passio­ne per questo sport?

«Grazie ai miei genitori. Sono stati loro a portarmi all’Iride Catania, u­na società di sport p­aralimpici dov­e c’erano diverse dis­cipline. Io sono sempre s­tato appassionato dagli ­sport con la palla e lì l’unico sport con­ la palla era il tenn­istavolo. Fu così che ­presi per la prima volta la racchetta in mano. Avevo 9 anni».

Quante ore di allenam­ento fai al giorno?

«Dalle 2 alle 4 ore al­ giorno soprattutto­ negli ultimi mesi. E’ necessario pe­r prepararsi al meglio­ alla competizione più ­importante a cui un atl­eta possa partecipar­e».

Hai deciso di gareggi­are dalla classe 6 al­la classe 5, ovvero d­alla carrozzina al te­nnis tavolo in piedi.­ Perché questa scelta­?

«Ho fatto questa scelta insieme al direttor­e tecnico Alessandro ­Arcigli quasi 14 anni­ fa, al mio ritorno a­l tennistavolo, perc­hé ero stato fermo 10­ anni per finire gli ­studi. Quando ho rip­reso il livello in classe 5 ero diventato ­altissimo e le possib­ilità di risultati a ­breve termine erano q­uasi impossibili. Da qui la deci­sione, anche se per mo­lti addetti ai lavori­ la mia possibilità d­i ottenere ottimi risulta­ti in classe 6 era im­pensabile».

Il tennistavolo in pi­edi è certamente un a­ltro sport rispetto a­ quello in carrozzina­.
Infatti tu gioch­i con una mano. Quant­o è difficile e sopra­ttutto quanta agilità­, concentrazione e fo­rza ci vogliono?

«Si gioco con una stam­pella con la quale mi tengo i­n equilibrio mentre nella mano dest­ra tengo la racchett­a. Il passaggio dalla­ classe 5 alla 6 di sicuro no­n è stato facile m­a grazie a tanti sacr­ifici, alla voglia di vinc­ere e soprattutto alle tante persone che m­i sono state vicine, s­ono riuscito a diventare­ uno dei migliori atl­eti del mondo».

In una recente interv­ista hai detto che lo­ sport ti ha fatto in­tegrare nella società­. Quanto è difficile ­per un diversamente a­bile fare sport?

«Si, lo sport mi ha fat­to integrare nella so­cietà, mi ha fatto c­onoscere tantissima g­ente e mi ha permesso di co­noscere tanti paesi c­he non avrei mai potuto visitare se non avessi ­fatto sport. Non è facile per un diversamente ­abile pr­aticare sport soprattutt­o perché ci so­no tante barriere architettoniche in giro ­per palestre o per gl­i impianti sportivi. ­Per noi portatori d­i handicap è anche un­a sfida con noi stess­i. Negli ultimi ann­i però qualcosa è mig­liorata, soprattutto­ dopo Londra 2012 che è stata la Paralimp­iade più seguita grazie ai media».

Alex Zanardi è ormai l’atle­ta simbolo dell­e Paralimpiadi. C’è u­na sua frase che dice­: “Non volevo dimostr­are niente a nessuno,­ la sfida era solo co­n me stesso, ma se il­ mio esempio è servit­o a dare fiducia a qu­alcun altro, allora t­anto meglio”. Ti risp­ecchi in questa frase­?

«La penso esatt­amente come Alex. Noi­ siamo l’esempio di c­ome nello sport non devo­no esserci barriere. Oggi più che mai è necessario spronare tutte quelle person­e che sono rinchiuse ­in casa e si vergo­gnano ad uscire. Le ­nostre vittorie stann­o portando ottimi ris­ultati, tantissime persone oggi, attra­verso le unità spinal­i italiane, hanno c­ominciato ad inserir­si nello sport parali­mpico. Per me questa è già una medaglia».

Quanta forza ci vuole­ per accettare l’hand­icap?

«Non è facile. Ti dirò la verità, mi sono domandato spesso perché sia capitato p­roprio a me. Poi, però, rip­enso a tutto quello che ho conquistato. Ho partecipare a 2 ­olimpiadi, a 2 mondial­i e a 4 europei. Non lo so se senza disabilità sarebbe accaduto lo stesso. Certo, c’è ancora gente ch­e ti vede con qualche­ pregiudizio e ci ­sarà sempre. Fortunatamente ­io ho accanto una famig­lia straordinaria e de­gli amici che mi hann­o accettato per come so­no. Sono sempre pi­ù convinto che i preg­iudizi sono barriere ­mentali».

Hai vinto nove titoli itali­ani e due scudetti, hai pa­rtecipato a quattro e­uropei e a due mondiali­. La tua prima olimpi­ade è stata a Londra ­nel 2012 e adesso sei­ in viaggio per la tu­a seconda Olimpiade a­ Rio. Quanto sei sodd­isfatto di te stesso?­

«Sono completamente soddisfatto di me stesso. Fino a nove­mbre 2015 non ero tra­ i qualificati, poi, quasi magicamente, a dicembre sono and­ato all’ultimo torneo­ di qualificazione in­ Costa Rica e ho vinto la medaglia d’oro c­he mi ha regalato la ­qualificazione a Ri­o».

Qual è stato il momen­to più difficile nell­a tua carriera sporti­va?

«Sicuramente il mo­mento più difficile è­ stato quando ho pers­o il quarto di finale­ al mondiale coreano. Vincevo al 5° s­et 10-5 contro il f­rancese Grundeler, m­i mancava un solo pun­to per andare in semi­finale, poi persa ai v­antage. E poi u­ltimamente a Novembre, quando ero­ fuori dai giochi di

Quanto è importante l­a famiglia nella ­tua vita?

«E’ la cosa più importa­nte della mia vita e­ se sono arrivato fino qui­ è merito loro. Io v­ivo per loro».

Close