Connettiti con noi

Non solo sport

Non mi faccio “Capaci”…

Patrizia Angelozzi

Published

on

Mi si consenta il quasi gioco di parole, in una polemica arrivata come un uragano, paragonabile ad un attentato terroristico della legalità:
“La possibilità di ‘cure adeguate al proprio domicilio per Totò Riina, malato terminale.
Nella definizione PER NON DIMENTICARE facciamo riferimento alle vittime, in questo caso, è necessario NON DIMENTICARE chi è Totò Riina. E non c’è ‘pietas‘ che tenga…basterebbe anche solo il piccolo ‘Matteo’, il bambino sciolto nell’acido. Ma per chi ha la memoria corta o crede nel diritto per chi NON HA PIU’ DIRITTI, la voce strozzata di notizie come queste, possono far scrollare le ultime speranze di un Italia che voglia e possa restare garante della legalità.
Senza dimenticare TUTTI i detenuti, ai quali non è stato e non sarà riservato l’esercitare la stessa richiesta. (e anche qui l’elenco è lungo)

Chi è Totò Riina

Nel 1992 venne condannato in contumacia all’ergastolo insieme con il boss Francesco Madonia per l’omicidio del capitano Emanuele Basile. Nell’ottobre del 1993 subisce la seconda condanna all’ergastolo, come mandante dell’omicidio del boss Vincenzo Puccio. Nel 1994, altro ergastolo per l’omicidio di tre pentiti e quello di un cognato di Tommaso Buscetta. Nel 1995, nel processo per l’omicidio del tenente colonnello Giuseppe Russo, Riina venne condannato all’ergastolo insieme con Bernardo Provenzano, Michele Greco e Leoluca Bagarella; lo stesso anno, nel processo per gli omicidi dei commissari Beppe Montana e Ninni Cassarà, venne pure condannato all’ergastolo insieme con Michele Greco, Bernardo Brusca, Francesco Madonia e Bernardo Provenzano, a cui seguì il processo per gli omicidi di Piersanti Mattarella, Pio La Torre e Michele Reina, nel quale gli viene inflitto un ulteriore ergastolo insieme con Michele Greco, Bernardo Brusca, Bernardo Provenzano, Giuseppe Calò, Francesco Madonia e Nenè Geraci. Nel 1996 Riina venne nuovamente condannato all’ergastolo per l’omicidio del giudice Antonino Scopelliti insieme con i boss Giuseppe Calò, Francesco Madonia, Giuseppe Giacomo Gambino, Giuseppe Lucchese, Bernardo Brusca, Salvatore Montalto, Salvatore Buscemi, Nenè Geraci e Pietro Aglieri. Sempre nel 1995, nel processo per l’omicidio del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, del capo della mobile Boris Giuliano, e del professor Paolo Giaccone, Riina venne condannato all’ergastolo insieme con Bernardo Provenzano, Giuseppe Calò, Bernardo Brusca, Francesco Madonia, Nenè Geraci e Francesco Spadaro. Nel 1997, nel processo per la strage di Capaci in cui persero la vita il magistrato Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e la scorta (Antonio Montinaro, Vito Schifani, Rocco Dicillo), Riina venne condannato all’ergastolo insieme con i boss Pietro Aglieri, Bernardo Brusca, Giuseppe Calò, Raffaele Ganci, Nenè Geraci, Benedetto Spera, Nitto Santapaola, Bernardo Provenzano, Salvatore Montalto, Giuseppe Graviano e Matteo Motisi. Lo stesso anno, nel processo per l’omicidio del giudice Cesare Terranova, Riina ricevette un altro ergastolo insieme con Michele Greco, Bernardo Brusca, Giuseppe Calò, Nenè Geraci, Francesco Madonia e Bernardo Provenzano. Nel 1998 Riina venne condannato all’ergastolo insieme con il boss Mariano Agate per l’omicidio del giudice Giangiacomo Ciaccio Montalto. Nel 1999, viene condannato all’ergastolo come mandante per la strage di via D’Amelio, in cui persero la vita il giudice Paolo Borsellino e cinque dei suoi uomini di scorta (Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina). Insieme con lui vengono condannati alla stessa pena i boss Pietro Aglieri, Salvatore Biondino, Carlo Greco, Giuseppe Graviano, Gaetano Scotto e Francesco Tagliavia.

Nel 2000 subisce un’ulteriore condanna all’ergastolo insieme con Giuseppe Graviano, Leoluca Bagarella e Bernardo Provenzano per l’attentato in Via dei Georgofili, in cui persero la vita 5 persone e subirono enormi danni musei e chiese, oltre che per gli attentati di Milano e Roma. Nel 2002, per l’omicidio del giudice in pensione Alberto Giacomelli, Riina venne condannato all’ergastolo come mandante; lo stesso anno la Corte d’Assise di Caltanissetta condannò Riina all’ergastolo per l’omicidio del giudice Rocco Chinnici insieme con i boss Bernardo Provenzano, Raffaele Ganci, Antonino Madonia, Salvatore Buscemi, Nenè Geraci, Giuseppe Calò, Francesco Madonia, Salvatore e Giuseppe Montalto, Stefano Ganci e Vincenzo Galatolo; sempre lo stesso anno, Riina venne condannato nuovamente all’ergastolo insieme con il boss Vincenzo Virga per la strage di Pizzolungo, in cui persero la vita Barbara Rizzo e i suoi figli Salvatore e Giuseppe Asta, gemelli di 6 anni.

Nel 2009 Riina ricevette un altro ergastolo insieme con Bernardo Provenzano per la strage di viale Lazio. Nel febbraio 2010, ancora un ergastolo per Riina, che insieme con i boss Giuseppe Madonia, Gaetano Leonardo e Giacomo Sollami, decise nel 1983 l’omicidio di Giovanni Mungiovino, politico della DC che si era opposto alla mafia corleonese, Giuseppe Cammarata, scomparso nel 1989 e Salvatore Saitta, ucciso nel 1992. Il 10 giugno 2011 viene assolto, per “incompletezza della prova” (ex art. 530 c.p.p.), dalla Corte d’Assise di Palermo per l’omicidio il 16 settembre 1970 del giornalista Mauro De Mauro. Il 26 gennaio 2012 gli viene inflitta una condanna all’ergastolo da parte della Corte di Assise di Milano perché ritenuto il mandante dell’omicidio di Alfio Trovato del 2 maggio 1992 avvenuto in via Palmanova a Milano. Il 14 aprile 2015 viene assolto dalla Corte d’Assise di Firenze dall’accusa di essere stato il mandante della Strage del Rapido 904 del 23 dicembre 1984 per mancanza di prove; il pubblico ministero aveva richiesto l’ergastolo per Riina che era l’unico imputato. Nel 1992 erano stati condannati Pippo Calò, Guido Cercola, Franco Di Agostino e l’artificiere tedesco Friedrich Schaudinn.

Proprio mentre era sottoposto a regime di 41-bis, il 24 maggio 1994 durante una pausa del processo di primo grado a Reggio Calabria per l’uccisione del giudice Antonino Scopelliti fu raggiunto dal capo-redattore della Gazzetta del Sud Paolo Pollichieni, al quale rilasciò dichiarazioni minacciose contro il procuratore Giancarlo Caselli e altri rappresentanti delle istituzioni, lamentandosi delle severe condizioni imposte dal carcere duro. L’intervento di Riina causò l’apertura di un provvedimento disciplinare da parte del Consiglio Superiore della Magistratura contro il pubblico ministero Salvatore Boemi, accusato di non aver vigilato sul detenuto. Dopo pochi mesi dalle dichiarazioni del boss corleonese il regime di 41-bis (allora valido per soli tre anni, decorsi i quali decadeva la sua applicabilità) è stato rafforzato mediante vari interventi legislativi volti a renderlo prorogabile di anno in anno.

Nella primavera del 2003 subisce un intervento chirurgico per problemi cardiaci, e nel maggio dello stesso anno viene ricoverato nell’ospedale di Ascoli Piceno per un infarto. Sempre nel 2003, a settembre, viene nuovamente ricoverato per problemi cardiaci. Il 22 maggio 2004, nell’udienza del processo di Firenze per la strage di via dei Georgofili, accusa il coinvolgimento dei servizi segreti nelle stragi di Capaci e via d’Amelio, e riferisce dei contatti fra l’allora colonnello Mario Mori e Vito Ciancimino, attraverso il figlio di lui Massimo al tempo non convocato in dibattimento. Trasferito nel carcere milanese di Opera, viene nuovamente ricoverato nel 2006 all’ospedale San Paolo di Milano, sempre per problemi cardiaci. Nel novembre 2013 trapela la notizia di minacce da parte di Riina nei confronti del magistrato Antonino Di Matteo, il pm che aveva retto l’accusa in numerosi procedimenti penali a suo carico. Il 4 marzo 2014 viene nuovamente ricoverato. Il 31 agosto 2014 i giornali riferiscono che nel novembre dell’anno prima Riina avrebbe rivolto minacce anche nei confronti di Don Luigi Ciotti. (da allora sotto scorta per ben due ‘condanne a morte’ da parte di Totò Riina…

Le parole di  Don Luigi Ciotti
(sotto scorta da anni per essere stato ‘condannato a morte’ da Totò Riina…)

“Il diritto a morire dignitosamente vale per ogni persona detenuta, in accordo a quella più ampia umanizzazione della pena che contrassegna la civiltà di un Paese, come ci ricorda la Costituzione. Non fa eccezione Toto Riina, al quale è giusto assicurare tutte le cure necessarie in carcere e, se occorre, in ospedale, affinché la detenzione non aggravi le sue condizioni di salute. Sull’ipotesi , avanzata dalla Cassazione , di una mutazione della pena detentiva in arresti domiciliari, sono certo che il Tribunale di Bologna valuterà con saggezza e piena cognizione di causa, tenendo conto di tutti i fattori in gioco. Perché certo c’è una persona malata, al quale lo Stato deve riservare un adeguato trattamento terapeutico a prescindere dai crimini commessi e dalla presenza o meno,  che in questo caso non c’è stata, di una presa di coscienza, di un percorso di ravvedimento e di conversione.

Ma c’è anche una vicenda di violenza, di stragi e di sangue che ha causato tante vittime e il dolore insanabile dei loro famigliari. Molti di loro ho avuto la fortuna di conoscerli, e di apprezzarne il coraggio e la fermezza d’animo, la ricerca di verità e la speranza incrollabile nella giustizia, il rispetto per le istituzioni e la volontà di trasformare il dolore in impegno, in contributo alla costruzione di una società più giusta. C’è dunque un diritto del singolo, che va salvaguardato. Ma c’è anche una più ampia logica di giustizia di cui non si possono dimenticare le profonde e indiscutibili ragioni”. Luigi Ciotti

Una richiesta va allo Stato: la precisa applicazione di LEGGI a GARANTIRE tutele e per quanto sta accadendo in questi giorni, lasciare inciso nella nostra storia,  la parola GIUSTIZIA da abbinare ad  una COSA VERA che non ci faccia pensare mai più a ‘COSA NOSTRA’

Comments

comments

4 Commenti

4 Comments

  1. Massimo Laganà

    giugno 7, 2017 at 4:01 pm

    Complimenti, Patrizia!

    • Patrizia

      giugno 8, 2017 at 12:53 pm

      Grazie Massimo Laganà…
      (Il mio giornalista-scrittore preferito)

  2. Giuseppe Franco Pollutri

    giugno 7, 2017 at 9:04 pm

    Qual è la questione? Che, prima dei principi, leggi e sentimento comune, sono le parole (morte e vita, bene e male, dignità e civiltà, legalità e giustizia, pena e espiazione, carcere, ergastolo, …tutti uguali di fronte alla legge, memoria per e pietas per Abele…) che sempre più ha perduto l’ originale e intrinseco significato. Per cui, come recita una ben diseducativa fiction rai-popolare: tutto può succedere!

    • Patrizia

      giugno 8, 2017 at 12:55 pm

      La ‘questione’ è tutta dentro l’applicazione delle Leggi uguali per tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non solo sport

La Sicurezza sul Lavoro: perché occorre Giocare Pulito – Parte 3

Marco Fiocchi

Published

on

Terza ed ultima puntata dell’inchiesta su Formazione alla Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro. Ancora la parola all’Ing. Alfredo Simonetti. Andiamo ad affrontare le grandi novità tecnologiche sul tema.

INNOVAZIONE E DIGITAL TRANSFORMATION: IL CAMBIAMENTO DELL’EDILIZIA     

          Gestire e rendere efficienti:

  • produttività, marginalità, dimensioni delle aziende, riuso del patrimonio (e tutto ciò che ad esso si collega: qualità, sostenibilità, innovazione e design);
  • Il soddisfacimento della qualità, unito al rispetto dei tempi di consegna nonché del costo preventivato;

tutto questo è il compito richiesto dalla filiera delle costruzioni, passare dalla “parcellizzazione di compiti e responsabilità” ad un “governo della complessità del processo produttivo”.

Stiamo parlando di Edilizia 4.0, un cambiamento radicale del modello di filiera che abbandona l’individualismo tra i diversi soggetti, per passare a un nuovo rapporto basato sull’integrazione collaborativa di tutti gli attori del processo chiamati a progettare, costruire, fabbricare i materiali da costruzione, elevando lo standard delle competenze e la propensione alla soddisfazione del cliente attraverso prodotti sempre più “tailor-made”.

In questo contesto, le opportunità offerte dall’innovazione e dal progresso tecnologico permettono di gestire la complessità dei processi progettuali/realizzativi in maniera sempre più interoperabile, un ruolo importante in un settore che non ha mai ritenuto potesse essere investito dalla trasformazione digitale.

La digitalizzazione, deve essere messa anche al servizio della manutenzione dei servizi accessori agli edifici facility management e della sicurezza del patrimonio edilizio. Le moderne tecnologie possono, infatti, fornirci indicazioni dettagliate sullo stato di salute degli edifici e delle infrastrutture, per poter intervenire tempestivamente con un piano di manutenzione o agevolare, nonché incentivare, la ricostruzione a seguito di crolli.

BIM (BUILDING INFORMATION MODELLING)

La costruzione di un edificio produce un prezioso capitale di dati finora largamente smarrito all’interno dei processi tradizionali della manifattura edilizia.

Il metodo BIM – Building Information Modelling, consente l’informatizzazione delle fasi del processo edilizio e la rappresentazione digitale dell’opera lungo il suo intero ciclo di vita – dalla progettazione, alla realizzazione, alla manutenzione, alla dismissione.

L’adozione di tale strumento – che permette vari livelli di dettaglio a seconda delle diverse esigenze – consente di ottenere significativi benefici, ad esempio;

  • un minor tempo di realizzazione,
  • una maggior rispondenza dell’opera alle esigenze della committenza,
  • una più elevata probabilità di rispetto dei costi preventivati,

caratteristiche, queste, che vertono per una sola finalità: la qualità dell’opera.

Uno strumento che non si presta all’utilizzo dei soli progettisti, ma è di grande utilità per tutti gli operatori della filiera dell’edilizia, interessando ciascuno per la sua parte di competenza.

Un utilizzo coordinato – nell’ambito di un progetto/cantiere- condiviso da tutte le diverse figure tecniche che lavorano su una stessa opera, può portare un “dividendo” di benefici a livello generale, una vera ottimizzazione del processo, e di conseguenza è fondamentale, laddove possibile, eliminare le asimmetrie di utilizzo, facendo in modo che tanto dal lato della committenza, quanto da quello delle imprese, vi sia un linguaggio comune con il quale dialogare  in modo da poter raggiungere i vantaggi generali già citati.

Per questo è importante cercare di assicurare che l’impegno delle imprese a utilizzare il BIM si accompagni all’interesse e all’utilizzo anche e soprattutto da parte dei soggetti appaltanti, dei progettisti, dei fornitori di materiali, e in generale di tutti gli operatori che intervengono nel processo edile.

Una vera e propria trasformazione del settore in senso digitale che entro il 2022 diventerà obbligatoria per tutte le opere.

La Commissione chiamata a fornire le indicazioni per l’entrata in vigore del BIM nelle opere pubbliche, è stata istituita presso il MIT secondo quanto previsto dal nuovo codice appalti (D.lgs. 50/2016), art. 23 comma 13:

Con decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, da adottare entro il 31 luglio 2016, anche avvalendosi di una Commissione appositamente istituita presso il medesimo Ministero, senza oneri aggiuntivi a carico della finanza pubblica sono definiti le modalità e i tempi di progressiva introduzione dell’obbligatorietà dei suddetti metodi presso le stazioni appaltanti, le amministrazioni concedenti e gli operatori economici, valutata in relazione alla tipologia delle opere da affidare e della strategia di digitalizzazione delle amministrazioni pubbliche e del settore delle costruzioni.

REALTA’ AUMENTATA, DRONI, TELECAMERE SU GRU AL SERVIZIO DEI CANTIERI

In edilizia, e più in particolare nel mondo dei produttori e fornitori di materiali e componenti, la corretta e immediata comunicazione in merito alle informazioni tecniche è un tema che merita di poter essere sviluppato con approcci diversi dalla diffusione in sede, o -al più- via web, di brochure, schede di prodotto, schede tecniche di catalogo e schede di sicurezza cartacee.

La realtà aumentata, una tecnologia che sovrappone a ciò che si trova nell’ambiente reale, immagini che vengono aggiunte tramite software e percepite dagli utenti attraverso dispositivi indossabili (smart glasses) o altri più comuni come smartphone o tablet, permette di visualizzare tutte le informazioni necessarie per l’acquisto e la gestione del materiale, dalla fase di progettazione alla fase operativa, mostrando le modalità di approvvigionamento, movimentazione, stoccaggio, lavorazione e collocamento in opera, fino alla gestione dei rifiuti in cantiere, alle eventuali manutenzioni, alla gestione della sicurezza d’uso per garantire la salute per gli operatori.

Per il monitoraggio logistico delle operazioni, invece, sono di indubbio vantaggio i droni.

Le video ispezioni sono di sicuro l’impiego più immediato e rapido ed è comprovato il vantaggio legato al loro utilizzo per video- esaminare lo stato di conservazione di: tetti, grondaie, capannoni, tralicci, verifica amianto, una visione di insieme di un edificio da analizzare, da riprodurre, da raccontare attraverso immagini inedite che permettono una visione d’insieme.

Inoltre con l’aggiunta di una fotocamera ad infrarossi è possibile rilevare eventuali dispersioni di calore dagli edifici, infiltrazioni d’acqua dalle fondamenta, o oltre problematiche causate dalle intemperie. Quando quanto descritto non fosse possibile, si possono adottare sistemi di mappatura con telecamere installate su gru, un’alternativa che consente l’acquisizione automatizzata dei dati sul sito a costi minimi. Una telecamera montata su una gru (fissata all’estremità o lungo il braccio), rappresenta un’ottima alternativa alla mappatura dei droni e alle tecniche tradizionali; le gru sono già presenti nei cantieri e non è richiesta alcuna autorizzazione di volo, nei luoghi in cui i voli a drone sono a volte troppo difficili o addirittura impossibili.

La soluzione per telecamere per gru produce risultati di rilevamento simili a quelli dei droni, ma il sistema funziona senza intervento umano. Fornisce automaticamente aggiornamenti giornalieri dello stato di fatto, che sono disponibili sul cloud per essere analizzati e condivisi con chiunque abbia bisogno di rivedere lo stato attuale del sito, inoltre, i risultati possono essere esportati nei software di Information Modeling per ulteriori analisi.

Con la mappatura continua durante i lavori di costruzione, è più facile monitorare un sito e individuare tempestivamente errori o omissioni.

ROBOT MURATORI E STAMPA 3D, ALLEATI DELL’ARCHITETTURA E DELL’EDILIZIA

Grazie alla tecnologia i muratori potranno essere sostituiti in parte da robot, minuscoli muratori capaci di tirare su piccole piramidi, torri e castelli, mattone dopo mattone, senza seguire un progetto: i robot sono il primo passo verso una futura generazione di macchine capaci di costruire seguendo un progetto disegnato e pianificato dall’uomo.

In futuro, potrebbero essere utilizzati per costruire sbarramenti con sacchi di sabbia in caso di alluvioni, oppure, con un po’ di immaginazione, potrebbero diventare i primi alleati per costruire in zone impervie o in fasi di lavoro altamente rischiose. 

Al momento, però, sono incapaci di seguire un progetto; si spostano grazie a ruote con tre uncini che permettono loro di arrampicarsi e percepiscono l’ambiente in cui lavorano grazie a una serie di mini-sensori. Tutto quello che serve a ciascuno di essi per orientarsi sono i sensori che gli permettono di seguire quello che accade nell’ambiente che lo circonda e di coordinare le loro azioni.

Tale metodo di comunicazione è chiamato stigmergia, ed è caratteristico degli individui che, in un sistema decentrato, si scambiano informazioni per modificare l’ambiente circostante.

In natura, le termiti e le formiche sono gli esempi maggiormente azzeccati di questo tipo di comunicazione; si comportano così anche i minuscoli robot muratori, progettati traducendo la stigmergia in algoritmi che controllano movimenti molto semplici. Ogni robot conosce solo regole elementari, come appoggiare un mattone o salire di un gradino, ma presi tutti insieme mostrano un comportamento intelligente. Percepiscono l’ambiente in cui lavorano grazie a una serie di sensori e in questo modo riescono a edificare piramidi a gradoni oppure edifici a base rettangolare e con ampi ingressi, senza avere alcun progetto di riferimento. Funzionano come un unico sistema complesso, composto da elementi indipendenti che singolarmente compiono azioni molto elementari, ma che tutti insieme riescono a raggiungere obiettivi complessi.

In architettura, creare un modello in scala del proprio progetto è senz’altro la soluzione migliore per presentarlo, per descriverlo; costruirlo con una stampante 3D significa tramutare il proprio progetto in un plastico realistico, ricco di dettagli personalizzati e decorato a regola d’arte.

Con le stampanti 3D si può riprodurre rapidamente e a basso costo modellazioni di terreni, mappe urbane e del sottosuolo ad altissima precisione, a colori e senza limitazioni geometriche alcune.

La semplificazione dei metodi riproduttivi fa sì che non solo il tecnico sia in grado di leggere la tessitura urbana, ma anche uno spettatore non esperto possa veder rappresentato un progetto in modo comprensibile. Dall’altro lato, ciò consente la valutazione dei progetti con differenti attività: la produzione di modelli in diverse scale, la simulazione degli effetti morfologico-visivi, ambientali e urbanistici dei progetti urbani.

La stampa in 3D non rappresenta solo la possibilità di riprodurre, ma può e deve esser considerata come l’opportunità di caratterizzare ed evolvere un’immagine trasformandola secondo un processo di rielaborazione della realtà percettibile.

CONCLUSIONI

L’Edilizia deve e può innovarsi. È un settore strategico che non può auto-escludersi dal processo di trasformazione digitale in atto.

Occorre uno sforzo collaborativo, di filiera o di settore, volto alla condivisione di investimenti e del capitale umano, nell’ottica di un comune aumento della competitività e ampliamento di mercato. Alcune di queste tecnologie sembrano escludere il lavoro umano, ma in realtà necessitano di un percorso di qualificazione e integrazione professionale.

Edilizia 4.0 significa innovazione e crescita di un comparto che sta cercando di uscire da anni bui e travagliati con la necessità e volontà di porsi degli obiettivi da cui partire per poi compiere tutte le azioni mirate a raggiungerli nel migliore dei modi.

Comments

comments

Continua a leggere

Non solo sport

Gianni Morandi torna a Taormina con un live strepitoso

Angela Failla

Published

on

In rotazione radiofonica con il nuovo singolo “ULTRALEGGERO” – scritto da Ivano Fossati –  GIANNI MORANDI si prepara all’attesissimo spettacolo che lo vedrà esibirsi dal vivo al Teatro antico di TAORMINA IL 18 LUGLIO, dove tornerà a quattro anni dall’ultimo straordinario live, per l’unico concerto di questa estate in Sicilia, inserito nella rassegna TAOmusica 2018 al Teatro antico.

Uno show imperdibile, con una tracklist di oltre 40 brani per più di due ore di live: il Gianni Morandi Tour 2018 “d’amore d’autore” è un viaggio a “100 all’ora” tra i successi di Morandi che fanno parte della storia della canzone italiana e le hit di “d’amore d’autore”, un progetto unico, che ha visto il coinvolgimento di grandi autori della musica italiana, Elisa, Ivano Fossati, Levante, Luciano Ligabue, Ermal Meta, Tommaso Paradiso, Giuliano Sangiorgi, Paolo Simoni e che contiene Onda su onda, il brano di Paolo Conte nel quale duetta con Fiorella Mannoia.

Sullo sfondo di un design asimmetrico, Gianni Morandi si esibisce con la sua band che è composta da giovani musicisti provenienti dall’area emiliana: Alberto Paderni alla batteria, Mattia Bigi al basso, Lele Leonardi e Elia Garutti alla chitarra, Alessandro Magri alle tastiere, Simone D’Eusanio al violino, Francesco Montisano al sax, Lisa Manara, Augusta Trebeschi e Moris Pradella ai cori.

Il brano Ultraleggero è stato scritto da Ivano Fossati, tra i più grandi autori della musica italiana, che ha scelto di regalare le sue parole a Gianni Morandi nel segno della stima e dell’amicizia che li lega, componendo per lui una delle canzoni più romantiche e significative dell’album. Terzo estratto da “d’amore d’autore”, il nuovo singolo segue il successo di “DOBBIAMO FARE LUCE” e “UNA VITA CHE TI SOGNO”. Il testo della canzone è un inno all’amore e alle donne: parla di quanto sia meraviglioso farle sognare e farle sentire uniche, descrivendo le sensazioni che si provano quando arriva l’amore, quel sentimento che colpisce sempre in maniera inaspettata. “Ivano ha raccontato benissimo questo stato d’animo: in pochi esprimono in musica le emozioni della vita come lui sa fare” – racconta Gianni Morandi.

Info biglietti

Platea Vip € 80,50

Tribuna Numerata € 69,00

Cavea Numerata € 57,50

Cavea Non Numerata € 46,00

Info, prevendite: www.puntoeacapo.uno

Comments

comments

Continua a leggere

Non solo sport

Rome International School e Southlands, Nuovo Polo di Scuole Internazionali

Marco Fiocchi

Published

on

Studiare oggi, significa studiare nel mondo. Imparando attraverso lingue e culture diverse. Ecco perché ci piace raccontare di come proprio in questi giorni sia sorto il più importante polo dell’istruzione internazionale di Roma nonché uno dei principali in Italia, con 850 studenti dai 2 ai 18 anni provenienti da più di 60 paesi.

L’operatore globale leader nella gestione di scuole internazionali NACE Schools e i suoi partner italiani, hanno integrato due delle più prestigiose e storiche scuole internazionali della Capitale, la Rome International School e la Southlands International School.

Poli in tutti i sensi anche guardando Roma, perché la posizione unica e strategica delle due scuole, una nel quadrante centro-nord e l’altra nel quadrante sud di Roma, consentirà un presidio dell’intera città e faciliterà numerose possibilità di collaborazione. Inoltre, come membri della prima Associazione Italiana Scuole IB, la Rome International School e la Southlands International School rimarranno fortemente impegnate nel proporre un programma educativo d’eccellenza e nel perseguire i principi dell’International Baccalaureate.

In questo contesto, il nuovo gruppo ha altresì stretto un accordo istituzionale, unico nel suo genere in Italia, con l’Università LUISS Guido Carli creando uno dei più importanti progetti di collaborazione education in Italia. Grazie a ciò, gli studenti delle due scuole avranno in via esclusiva l’opportunità di accedere direttamente ai corsi di laurea triennale e a ciclo unico della LUISS, usufruire di borse di studio dedicate ai migliori studenti delle Rome International School e della Southlands International School, accedere ai programmi di orientamento universitario e di poter partecipare ad attività e lezioni tenute direttamente dai professori della LUISS presso le due scuole.

 

Il Direttore Generale della LUISS, Dott. Giovanni Lo Storto, ha dichiarato in proposito:

“Una collaborazione istituzionale locale ma di portata globale come quella con NACE Schools, porterà benefici non solo ai nostri studenti ma anche alla nostra città e al nostro paese nel suo complesso. La LUISS ha dimostrato ancora una volta il suo impegno nel raggiungimento dell’eccellenza in campo educativo e nella cooperazione internazionale, assicurando continuità di sviluppo alla Rome International School e Southlands International School”.  

Il nuovo gruppo vede come azionista di controllo Nace Schools e come partner dell’iniziativa Andrea Silvestroni e Daniele Denti, co-fondatori del gruppo con lunga esperienza nel settore Education in Italia e all’estero.

 

 

Comments

comments

Continua a leggere

Trending