Sono passati 4 anni dalla morte di Piermario Morosini, centrocampista del Livorno che si accasciò a terra nella partita tra la squadra toscana e il Pescara il 14 aprile 2012. Il tribunale monocratico abruzzese nella persona del giudice Laura D’Arcangelo ha condannato ad un anno di reclusione Vito Molfese, medico del 118 di Pescara, e 8 mesi ai medici sociali delle due squadre, Manlio Porcellini del Livorno e l’allora medico del Pescara Ernesto Sabatini. L’accusa è quella di omicidio colposo. Oltre ai medici, condannata anche la Asl di Pescara e la società abruzzese. Per i tre anche il pagamento provvisionale di 150 mila euro.

Il pm Gennaro Varrone aveva chiesto la condanna a due anni per Molfese e l’assoluzione di Porcellini e Sabatini in quanto il fatto non costituiva reato. Le motivazioni dell’accusa sono riconducibili alle carenze nelle procedure di soccorso, in particolare per il mancato utilizzo dei defibrillatori, tre in tutto, presenti sul terreno di gioco.

Si attendono ore le mosse degli avvocati difensori.

Close