Un gesto bellissimo, puro, che solo un bambino appassionato di calcio e innamorato della propria squadra poteva fare. Parliamo della lettera di Maxim, 6 anni, che ha addirittura rotto il suo salvadanaio, donando i pochi soldini accumulati al suo club via posta. “Da Maxim per Fc Twente”, questo si legge sulla lettera inviata dal bimbo. Un gesto di una semplicità quasi disarmante da parte di chi ama il calcio e la sua squadra del cuore e ignora tutto il marcio che lo porterà a soffrire come tifoso nei prossimi anni.  Intanto però il calcio olandese è alla ricerca di una soluzione per il caso Twente-Doyen Sports: Martedì il club di Enschede ha rifiutato la proposta degli altri club della lega di ritirare il ricorso contro la retrocessione. In cambio era stato offerto al Twente il mantenimento dei fondi sui diritti tv e dei media, consentendo al club di “attutire” la retrocessione in Jupiler League.

image-6032778

Come già ampiamente dichiarato subito dopo la decisione della Commissione Licenze della KNVB (la Federcalcio olandese), i Tukkers non hanno alcuna intenzione di mollare la presa e continueranno in tutte le sedi opportune a cercare la via per scongiurare la retrocessione. Un caos che ora può travolgere tutto il calcio olandese alla ricerca disperata di una soluzione. Nella riunione di martedì si è addirittura parlato di far giocare il prossimo campionato a 19 squadre, dato che se il Twente continuerà a fare ricorsi, fino a quando non ci sarà una sentenza definitiva non si potrà far giocare una ventesima squadra nella Eredivisie. Ventesima squadra che sarebbe il De Graafschap ma che a questo punto rimane in sospeso, in attesa di sapere in quale categoria giocherà la prossima stagione. I biancoblu speravano di avere una risposta definitiva martedì durante la riunione tra i club, ma la sorprendente presa di posizione del Twente ha rovinato i piani. “Speravamo in una maggior chiarezza, ma il caos è solo aumentato” così  Martine Colonna, direttore commerciale del De Graafschap. “I club di Eredivisie hanno chiesto al Twente di ritirare il ricorso Venerdì, ma il Twente non lo farà. Nel frattempo, non possiamo fare nulla in vista della prossima stagione, perché non si sa in quale divisione giocheremo. Spero che Venerdì qualcosa si risolva“. Non ha dovuto attendere Venerdì Colonna, perché proprio ieri la Commissione Licenze della Federcalcio, preso atto dell’atteggiamento tutt’altro di collaborazione che il Twente ha messo in atto nelle ultime ore, ha deciso di anticipare i tempi confermando la proposta della settimana scorsa settimana: Ritiro della licenza da professionisti e concessione di una nuova per giocare almeno nella Jupiler League la prossima stagione. Ora per i Tukkers l’ultima speranza risiede nel nel Tribunale di Utrecht, che si pronuncerà sullo spinoso caso questa mattina alle 10. Un quadro ben delineato che vede il Twente praticamente contro tutti i club d’Olanda. Una situazione che in questo modo lascia presagire che sarà per il calcio olandese una calda, caldissima estate.

bannertwente3

bannertwente

bannertpo

Close