Qualcuno lo ama, qualcuno lo odia, molti pensano che l’Oscar sia stato immeritato ma il binomio con il Miglior film vinto ai Golden Globe ha confermato la bontà con cui la critica ha visto Moonlight.

Il film ha vinto 3 Premi Oscar, quello di Miglior Film, quello per la Miglior sceneggiatura non originale e quello per il Miglior attore non protagonista andato a Mahershala Ali divenuto celebre grazie ad Hunger Games e ad House of Cards.

Ali, californiano di Oakland, si è laureato in Scienze della Comunicazione al Saint Mary’s College of California dove è entrato grazie ad una borsa di studio ottenuta per la pallacanestro.

L’attore portò nel ‘90 la sua High School alla finale del titolo della Division III grazie ad una grande tecnica abbinata ad un’ottima fisicità ma la passione per la pallacanestro inizia a scemare e chiuderà i 4 anni universitari con magrissime consolazioni e con una passione dilagante per la recitazione che lo portò poi a diplomarsi anche alla New York University in recitazione.

Chi lo ha visto giocare assicura che Mahershala Ali, nato come Hershal Gilmore prima di convertirsi all’Islam, aveva talento per diventare un ottimo giocatore, si sacrificava per la squadra ed era davvero altruista. Un attore non protagonista sul parquet che grazie allo sport ha poi conosciuto la sua vera vocazione.

Close