Connettiti con noi

Azzardo e piaghe sociali

Ludopatia – Parte 1: in Italia, mezzo milione di malati patologici

Daniele Poto

Published

on

Il gioco d’azzardo è una piaga devastante che coinvolge, sempre maggiormente, la popolazione italiana. Secondo le ultime statistiche, nel nostro Paese, il numero di malati patologici è tra le 300 e 600 mila unità.  Per movimentazione dell’azzardo siamo i primi in Europa e i terzi nel mondo dietro solo a Stati Uniti e Giappone. in un periodo di crisi economica, come quello attuale, è sempre maggiore il numero di persone che si affida alla sorte per ribaltare la propria condizione.

Pochi sanno, infatti, che se stendessimo una fila di “Gratta e Vinci” sulla distanza di 900 chilometri, tra Milano e Potenza, statisticamente, solo uno risulterebbe vincente.

Per analizzare meglio il fenomeno, abbiamo intervistato Daniele Poto, giornalista e massimo esperto di dipendenza da gioco d’azzardo.

VAI A LUDOPATIA – PARTE 2

FOTO: www.ilcolleinforma.com

Comments

comments

19 Commenti

19 Comments

  1. donato

    novembre 27, 2015 at 2:47 pm

    Sono il padre di un ludopatico che ha sperpetrato più di 50.000,00 Euro ho dovuto prodciugare tutti i risparmi di 40 anni di lavoro,e nopn bastano.Attualmente stiamo trattando una restante parte di un prestito AGOS di circa 17000,00 Euro più varie carte. Ci guadagnano tutti sulle spalle di questa malattia che è impossibile da scardinare,verrebbe voglia di far fuori il proprio figlio,perchè una disgrazia simile non si può sopportare a lungo. E’ questo il Paese che vuole dimostrare la voglia di RIPRESA? Quali mezzi mette il Governo a disposizione di chi entra in questo vortice? Quando si arriva al punto di non farcela più cosa rimane da fare a un genitore? Tutto questo da quando hanno liberalizzato il gioco delle SLOT-Video Poker ecc. tra l’altro viene anche pubblicizzato. Questo Paese è da dimenticare.

  2. Riccardo

    novembre 27, 2015 at 3:05 pm

    Mi piacerebbe che Renzi e chi lo ha preceduto leggessero il dolore devastante di Donato e provassero profonda vergogna! E poi, avessero almeno la decenza di non.parlare di Cultura a vanvera…..Papa Francesco forever!

  3. Domenico

    novembre 27, 2015 at 3:10 pm

    Continuate a votare i partiti di Renzi , Alfano , Berlusconi e Salvini se volete che le sale giochi diventino sempre più numerose ! Però poi non lamentatevi se crescono i malati di Ludopatia .

  4. gabriele

    novembre 27, 2015 at 3:25 pm

    sarebbe interessante un sondaggio che dicesse quante di tutte le macchinette diaboliche in circolazione sono allocate nei circoli ARCI dove i fedelissimi del Bimbominchia continuano imperterriti a cantare bella ciao senza rendersi condo che probabilmente gli si addice di piu’ faccetta nera

  5. Ivo Serenthà

    novembre 27, 2015 at 3:47 pm

    A chi obietta che bandendo le slot e bingo d’ogni genere salterebbero fuori i giochi clandestini,posso obiettare io che basterebbe regolamentare la prostituzione con dei locali simili a realtà europee,si legalizza il settore eliminando in buona percentuale la ludopatia,con aspetti positivi che vanno dalla maggiore protezione delle donne alle entrate fiscali.

    • Governo Laudrup

      novembre 27, 2015 at 8:19 pm

      Ma cosa c’entra il gioco d’azzardo con la fXXa ?!?!?!

  6. giovangelo37

    novembre 27, 2015 at 5:02 pm

    Il gioco è un vizio come il tabacco, l’alcool e la droga, se il gioco da assuefazione come le droghe l’alcool e il tabacco perchè lo Stato non limita i punti gioco che stanno spuntando come funghi in ogni dove? A questo punto c’è da credere che lo Stato ce l’ha con i più deboli.

  7. roberto 57

    novembre 27, 2015 at 5:45 pm

    il cercare a tutti i costi un colpevole per quello che ci succede e in questo caso addossare la colpa alla politica ,è un’altro segno di debolezza. Sono uno spaghetto-dipendente e mi dovrei incavolare con la Barilla???

    • LUCA6

      novembre 27, 2015 at 6:00 pm

      non mi risulta che gli spaghetti creino dipendenza e rovinino famiglie. mi risulta piuttosto che un altro si scriva senza apostrofo… cordiali saluti e buona spaghettata

      • Eugenio

        dicembre 18, 2015 at 2:42 pm

        un altro a differenza di un’altra si scrive senza apostrofo…

  8. Pingback: LUDOPATIA PARTE 3: la Legge di Stabilità conferma lo Stato biscazziere | Io Gioco Pulito

  9. Pingback: LUDOPATIA PARTE 3: LA LEGGE DI STABILITÀ CONFERMA LO STATO BISCAZZIERE | Triskel182

  10. Andrea

    dicembre 24, 2015 at 2:08 pm

    GIOCO D’AZZARDO
    “Ho iniziato ad indebitarmi giocando d’azzardo. Sono presto passato alle bische clandestine: c’era più gusto. Mi sono rovinato con videopoker e gratta e vinci e allora mio zio mi presenta Monekò, “…l’usuraio buono” diceva. Ogni giorno giravo per 10, 20 tabaccai. Compravo decine e decine di gratta e vinci. Sono arrivato a comprare un pacco di G&V. Lo so, a voi non vi dice niente, ma ve lo dico io: sono 200 gratta e vinci. Ho iniziato per smettere di fumare. Entravo dal tabaccaio e prendevo un solo pacchetto di camel, invece che due. Per consolarmi, per tirarmi su, iniziai a prendere uno o due gratta e vinci. Per diventare milionario? Nossignore! Per tirarmi su. Per un periodo ho fatto giocare mio figlio alle slot, tenendolo in braccio. Un po’ perché mi portava fortuna. Un po’ per fargli fare le abilità, come gioco per il cervello. Ma poi l’ho lasciato a casa: portava sfiga. Questa mia testimonianza è solo per dire che ci sta poco da spiegare. Un bel giorno ho detto: “Mi dovete aiutare! Sennò io ammazzo lo strozzino, tutti i tabaccai di Roma e provincia e poi ammazzo me!”. E i poliziotti della squadra mobile sono riusciti ad incastrare Monekò. Ho perso mia moglie e mio figlio Tommaso. Ora ha 8 anni. Ho perso quasi tutto ma ho ritrovato la mia libertà!!! Faccio a tutti un appello: Denunciate il vostro usuraio di fiducia, ma ricordate che il vero usuraio ha un solo nome: STATO!!!”. (Dal documentario di A. Battantier, Memorie di una dipendenza, 2007).

  11. Andrea

    dicembre 24, 2015 at 2:09 pm

    “Luis ha problemi di gioco e pure il fratello e la madre. Ma quanti sono? Cosa fare per loro! È tremendo esser compulsivi ed ossessivi. Finisci ridotto ad un povero schiavo. C’è chi dice che non si guarisce, che al massimo passi da una schiavitù ad un’altra. Non è giusto, non è giusto”. “Si può guarisce, ma serve una vera e propria riprogrammazione dell’Io, servono nuovi mantra, nuove consapevolezze. Iniziare ad uscire dalla via del Nulla, della Noia, soprattutto dal vicoletto-scorciatoia del Tutto e Subito. Nuove consapevolezze portano ad innalzarsi, a vedere la nostra vita scorrere in un determinato modo. La vita va vista allontanandosi da essa,  da un’altra prospettiva!”. (Memorie di una dipendenza, A. Battantier, 2015).

  12. Andrea

    dicembre 24, 2015 at 2:11 pm

    “Nonna preferisce i gratta e vinci, mamma il Bingo, io le scommesse sportive. Siamo una famiglia d’azzardo insomma, tranne papà che è solo alcolizzato. Papà mi ha fatto conoscere Monekò, l’unico usuraio che pure quando “presta” ti fa giocare d’azzardo, nel senso che quando vai all’ufficio suo ti fa vedere 3 buste e se scegli quella buona ti fa lo sconto del 10% sul 50% d’interessi. Io mi diverto a giocare, solo che non capisco che c’ho da divertirmi visto che perdo soldi su soldi. Il fatto è che mi diverto nel mentre, il dopo arriva dopo, insomma non ci penso e quando ci penso è troppo tardi. Ho aumentato nel tempo la mia posta in gioco e la cosa allucinante è che io mi sono sempre considerato padrone di niente e schiavo di nessuno, Invece con il gioco ho scoperto che sono padrone di niente e schiavo del gioco. Perché quando c’hai un vizio, sei schiavo del vizio. Altro che gioco responsabile. Tacci loro dello Stato e della pubblicità. È un vizio, una patologia, altro che gioco responsabile. Dietro al desiderio ci sta un bisogno e dietro al bisogno ci sta un vuoto. Un vuoto totale. Io mi illudevo ogni volta di controllare il gioco e invece bisogna urlarlo a quelli che ancora ci cascano alle facili illusioni di vittoria. Le sale bingo andrebbero fatte esplodere, anzi, meglio, espropriate e date alla povera gente che non c’ha una casa. Parliamone tra cittadini, apriamoci e raccontiamo la verità”. (Memorie di una dipendenza, A. Battantier, 2014).

  13. Andrea

    dicembre 24, 2015 at 2:12 pm

    GIOCO D’AZZARDO, IL BANCO VINCE SEMPRE E IL BANCO SI CHIAMA STATO. MA ALLE VOLTE SERVE IL CORAGGIO DI ABBANDONARE LA CERTEZZA DI ESSERE STRONZI. “Mio padre ha giocato sempre d’azzardo, specie con le macchinette. Ma io l’ho capito solo dopo. Quando avevo 7 anni mi diceva che lui di lavoro riparava le macchinette e doveva provarle. Io gli dicevo: ‘E allora perché ci metti i soldi?’. Ma lui rispondva che glieli ridavano con lo stipendio a fine mese. Ma intanto io giravo con lo zainetto bucato di mio fratello e con le scarpe estive pure d’inverno. Quando proprio mamma lavorava lui era costretto a portarmi alle bische. Per un periodo mi fatto giocare alle slot, tenendomi in braccio o in piedi su una sedia. Un po’ perché diceva che gli portavo fortuna. Un po’ perché, secondo lui, mi facevo le abilità, come gioco per il cervello. Ma poi mi ha lasciato a casa: diceva che gli portavo sfiga e che con me non riusciva a riparare bene le macchinette. Poi lo hanno allontanato di casa per qualche anno e ora sta meglio anche se sta mezzo rintronato da certi farmaci che prende. Quando esco da scuola vedo la mamma di un mio amico che sta sempre persa dentro a una tabaccheria coi gratta e vinci. Io provo una rabbia, ma una rabbia immensa. Con il figlio la stiamo aiutando, ma noi siamo solo ragazzini. Servirebbe la solidarietà dello Stato. Ma ricordate che il vero usuraio criminale ha un solo nome: STATO!!! Ma noi da soli, o aiutati dagli amici, dobbiamo trovare la CHIAVE per aprire il cervello. Per aprire la via del distacco sereno. Ma la via per il distacco sereno è lunga, passa sempre per un’altra via che si chiama consapevolezza. Ma alle volte serve il coraggio di abbandonate la certezza di essere stronzi. Vero papà? Ps: ti voglio bene papà, sei sempre il capoccione mio”. (Memorie di una dipendenza, A. Battantier, 2015, racconto di Tommaso).

  14. Andrea

    dicembre 24, 2015 at 2:13 pm

    “Sono calate le vendite dei gratta e vinci e allora, stranamente esce gente che vince. Vince, e intanto e vanno in malora intere famiglie. Gente che si spende tutto, facendosi imbrogliare. Vince uno su un milione. E l’italia va in rovina. Ci si lamenta, eppure, buttare i soldi ai gratta e vinci pare sia uno sport innocuo. Uno vince e non si pensa alle migliaia di persone che perdono soldi e dignità. Giochi che, ricordiamolo, sono truffe statali legalizzate. Quando ero ragazzino ero appassionato di film, e me ne restavo incantato a vedere gli attori che giocavano -che ne so- a poker o a carte di tutti i tipi, o alle slot. Nei film, fateci caso, gli attori, sono perfettamente  controllati, e vincono pure un botto. Mica sono sfigati come noi che pensiamo sempre di vincere e invece, ce ne torniamo a casa bastonati con la testa rincojonita dai miraggi. Vinci se non giochi, e il banco vince sempre”. (A. Battantier, Memorie di una dipendenza, 2014).

  15. Andrea

    dicembre 24, 2015 at 2:15 pm

    “Il non giocare mi dona la serenità che il gioco mi toglieva. La mia nuova adrenalina è il non giocare. E’ diventato  uno speciale gioco il
    non giocare. Lo dico a tutti i miei ex compagni di merende ludiche. Guardate che dà più adrenalina non giocare. E la mente alla sera ringrazia”. (A. Battantier, Memorie di una dipendenza, 2014).

  16. Pingback: Paradosso italiano: Vietato giocare, legale scommettere | Io Gioco Pulito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Azzardo e piaghe sociali

Decreto Dignità e Gioco d’Azzardo: Parola al Bookmaker

Emanuele Sabatino

Published

on

Il Decreto Dignità voluto dal Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio ha tra i suoi provvedimenti quello del divieto di pubblicità per quel che riguarda il gioco d’azzardo. Abbiamo intervistato Carmelo Mazza, amministratore delegato di Betaland, per capire le reazioni dei bookmakers alle decisioni del Governo. Ecco cosa ci ha detto.

Decreto Dignità quanto ci perdono in termini economici i bookmakers, calcolando il risparmio delle sponsorizzazioni e il mancato guadagno che questo potrebbe portare?

La risposta dipende molto dai diversi modelli di business legati alle scommesse (e sottolineo che non sto parlando degli altri comparti di gioco per i quali valgono altre considerazioni). Alcuni bookmakers hanno una presenza sulla rete retail che gli consente di assorbire la mancanza di pubblicità. In altri casi, e soprattutto per i nuovi entranti che hanno presentato richiesta di acquisire una concessione per il gioco telematico lo scorso marzo, non avere a disposizione la pubblicità rappresenta un limite molto consistente. Mi chiedo se questo non possa generare contenziosi.

Le persone, a prescindere dalle pubblicità sanno tutto su come scommettere: alla luce di questo, il decreto colpisce economicamente più le squadre o i bookmakers?

Sul bacino esistente di scommettitori, la pubblicità incide maggiormente nel rendere note promozioni specifiche. Circa il ruolo della pubblicità nell’attrarre chi non è ancora un giocatore, chiunque è nel settore sa quanto sia difficile. L’idea che la pubblicità convinca milioni di non giocatori a diventarlo è del tutto fantasiosa per quanto riguarda le scommesse sportive. Non voglio qui dare valutazioni non fondate, ma la mia sensazione è che nel breve il costo maggiore sarà per le squadre che dovranno sostituire il portafoglio degli investitori. Ma voglio sottolineare, ricordando esperienze passate con il tabacco, che le realtà più in vista facilmente troveranno rimedio mentre le seconde linee patiranno effetti negativi più a lungo. In questo senso interpreto la levata di scudi della Serie B di calcio e del basket.

Quali saranno le strategie pubblicitarie alternative visto il divieto su tv, radio, internet e giornali?

Bisognerà capire bene l’applicazione del decreto sul mondo digitale. Difficile adesso parlare di alternative tranne ipotizzare una maggiore rilevanza della rete retail di scommesse. 

Una postilla del decreto lascia vigenti gli accordi stipulati in precedenza: chi detiene questi contratti? vedremo accordi tutto d’un tratto molto lunghi? (come si fa nelle aziende che quando assumono fanno già firmare il foglio delle dimissioni lasciando la data in bianco)

E’ normale che, ad esempio, contratti di sponsorizzazione di squadre di calcio e di sport popolari possano avere durata pluriennale. Tuttavia non credo ad un’esplosione di contratti di lungo termine per attività pubblicitarie che normalmente sono pianificate trimestralmente. Semmai sarà curioso vedere una partita di calcio della Liga o della Premier dove i campi e le squadre sono fortemente sponsorizzate da bookmakers che sono anche concessionari in Italia, o partite di coppa tra squadre italiane e squadre estere sponsorizzate da bookmakers: sarà proibito loro mostrare il logo del bookmaker quando giocano in Italia? Avevo visto queste cose in passato, speravo di non vederle più; oggi in un mondo con copertura globale degli eventi sportivi mi sembra davvero voler tagliare il salame con il cucchiaino (per citare una vecchia clip del grandissimo Corrado Guzzanti) .

Avesse potuto scegliere, tra il divieto di pubblicità ed il rischio di un taglio netto all’offerta del palinsesto, cosa avrebbe scelto?

Come operatore legale preferisco il divieto di pubblicità; il taglio netto all’offerta del palinsesto renderebbe di nuovo felici gli operatori illegali. Basta chiedere all’Agenzia delle Dogane dei Monopoli per sapere di quanto si è limitato il fenomeno delle scommesse senza licenza italiana da quando il palinsesto è stato aperto. Ma, al di là della retorica imperante sul gioco, l’incidenza delle scommesse su avvenimenti minori è molto limitata e la gran parte delle scommesse sta sulle 4-5 tipologie principali. Pensare che si possa diventare ludopatici scommettendo sul numero di cartellini gialli in una partita di serie D è segno di una limitata conoscenza delle dinamiche del settore. Ma capisco che questo non è il tempo dell’approfondimento.

L’origine della Ludopatia è secondo lei dato dalla forte presenza della pubblicità o ha origine dal nucleo familiare ed amicale dell’individuo ludopatico?

Io credo che, come per tutte le addiction, la ludopatia sia l’effetto di una società più individualista ed alienante. Lo sviluppo delle addiction nasce da una tendenza a rinchiudersi e a non trovare supporto in reti di socializzazione (amicali o familiari) che fanno da paracadute rispetto a queste patologie, di fatto disinnescandole. E’ chiaro che in un contesto che sostiene meno chi è debole rispetto alle addiction, la presenza di pubblicità o di facili attrazioni ha un effetto maggiore. E questo merita una riflessione maggiore ed un’azione mirata per limitare l’accesso all’offerta di gioco. Io temo sempre le proibizioni a largo spettro perchè, non essendo mirate, finiscono per nascondere più che risolvere.

.
.Io mi auguro fortemente che non sia così. Io mi auguro di confrontarmi con chi ha una visione del settore diversa dalla mia per spiegare le mie ragioni ed avere una regolamentazione equilibrata, non importa quanto restrittiva. Di sicuro, situazioni in cui si fanno iniziative legislative e poi si trovano scorciatoie o, semplicemente, non vi sono controlli, sono le peggiori possibili per chi vuole operare seriamente. Se mi è possibile dare un giudizio in merito, io mi auguro che il cambiamento politico in atto possa mettere in cantina definitivamente vecchi approcci come “fatta la legge trovato l’inganno” che tanto hanno nuociuto complessivamente al paese.

 Secondo lei, sempre al fine del rischio ludopatia, gioca un ruolo più importante la pubblicità o il fatto che si può scommettere su ogni partita, anche amatoriale, e soprattutto su ogni tipo di evento, anche il numero di fuorigioco, rimesse laterale, cartellini?
.

Ho risposto in parte in precedenza. Voglio però sottolineare che a spingere verso la ludopatie sono l’istantaneità e la ripetitività. Le scommesse non sono giochi caratterizzati da questi elementi. Se osservo l’andamento delle giocate, è praticamente inesistente la scommessa ripetuta su quegli eventi e, soprattutto, non vi è mai l’istantaneità dell’esito. Inoltre, come ho già detto, l’ammontare raccolto su quelle tipologie di giocate è molto limitato e normalmente viene ulteriormente limitato dai bookmaker. Non sono quelle le scommesse sulle quali i bookmaker costruiscono il loro conto economico, quindi faccio fatica a pensare che possano avere alcun effetto sull’estensione del fenomeno della ludopatia.

Da persona esperta del settore: cosa si sarebbe dovuto fare per evitare in primis il numero sempre crescenti di ludopatici e soprattutto che lo Stato italiano optasse per una legge ad hoc contro i bookmakers?

Io vorrei per prima cosa avere un dato attendibile sul numero dei ludopatici. Leggo a volte delle analisi che denotano più conformismo ad una retorica prevalente che una reale conoscenza del fenomeno. E vorrei anche poter distinguere tra tipologie di giochi. Detto questo, che non è certo elemento secondario per comprendere il fenomeno, per onestà intellettuale devo riconoscere che si è trattato il gioco con meno cura di quanto fosse opportuno. E per cura intendo una strategia cauta e condivisa di introduzione di nuove tipologie di giochi. Per la verità, questo è accaduto in una prima fase di apertura regolata del settore, diciamo tra il 2000 ed il 2010. Successivamente, all’apertura regolata si è sostituita un’apertura tout court, in cui si è consentito tutto troppo rapidamente. Se in quella fase il settore fosse stato più compatto e lungimirante ed avesse proposto una maggiore gradualità nel lancio di nuove tipologie di prodotto, forse oggi saremmo in una situazione migliore. Vero è, però, che accelerare è anche servito per riuscire a contrastare il fenomeno del gioco illegale che non si è riusciti a reprimere efficacemente, oltre che (è sempre bene ricordarlo) per aumentare il gettito erariale in anni di pesante contrazione delle entrate per via della crisi economica. Allora forse diventa evidente che la partita che si è giocata sul settore è stata molto più complessa di quanto emerge dalla poco informata vulgata sulle lobby del gioco e la politica.

C’è un rischio di ritorno al toto-nero con questo decreto?

Il toto-nero, nella sua versione 2.0, già esiste come spiegato in diverse inchieste giornalistiche che ho apprezzato molto da cittadino prima ancora che da esperto del settore. Diciamo che questo decreto non lo tocca e non crea condizioni per ridurne la diffusione. E, per la mia esperienza, alla disperazione del ludopatico si associa la spregiudicatezza dell’offerta di gioco. Tanto più si è ludopatici tanto più si è vittime di soggetti operano al di fuori delle regole sull’offerta di gioco ma che consentono di giocare a credito (cosa vietata nel sistema legale), di regolare mensilmente l’esito delle giocate e non volta per volta (altra cosa vietata), etc. Dove mancano tutele e regole per il giocatore si crea il perfetto brodo di coltura della ludopatia e non solo: su questo il decreto non incide.

Lei hai detto che la ripetitività delle azioni porta alla ludopatia. I bookmakers offrono anche scommesse virtuali su ogni sport ogni tre minuti. Non sono queste uno strumento fertile per creare ludopatici visto che sono costanti nel tempo, con esito immediato, ripetitive ma in realtà senza nessun abilità o approccio statistico matematico?
.
E’ vero che solo una parte del fatturato del gambling italiano deriva dalle scommesse sportive. E’ altresì vero che le scommesse, con approccio scientifico/matematico/statistico sono anche un gioco di abilità. Sarà possibile secondo te assistere, come già accaduto per il poker, italiano illegale perchè puro azzardo Texas legale perchè considerato gioco di abilità con buy-in prestabiliti all’origine, vedere una regolamentazione aspra per le macchinette e video lottery (creano ludopatici e sono ripetitive e dall’esito immediato) ed invece molto più blanda, quasi nulla, per le scommesse sportive? E’ uno scenario plausibile e che potrebbe accontentare tutti? Lo stato che tutela i giocatori, i bookmakers, e le squadre dei massimi campionati. 

Comments

comments

Continua a leggere

Azzardo e piaghe sociali

L’ Ormone della Crescita e le Ombre del Doping sulla Russia

Emanuele Sabatino

Published

on

Battuta la Spagna ai rigori e ottenuto il pass per i quarti di finale dove se la vedranno oggi contro la Croazia, il massimo momento di euforia della nazionale russa è minato da un caso particolarmente spinoso che sta tenendo banco in queste ore.

Quando si parla di Russia e soprattutto di trionfi russi, ecco che arriva il sospetto di doping. Stavolta però sembrerebbe esserci di mezzo una confessione che potrebbe inguaiare la nazionale ospitante il Mondiale. Secondo i media locali ci sarebbe un virgolettato, attribuito al padre di Denis Cheryshev, Dmitri, anche lui ex calciatore russo, che affermerebbe che il figlio abbia fatto uso dell’Ormone della Crescita prima dell’inizio del Mondiale.

L’uso di questa sostanza senza prescrizione medica è proibito e si rischia fino a quattro anni di squalifica. Alla fine della gara contro la Spagna l’attaccante russo ha risposto stizzito alle domande incalzanti dei cronisti: “Non so dove i giornalisti abbiano preso quella frase. Forse non hanno capito cosa stesse dicendo mio padre. Non ho preso nessuna sostanza proibita”.

A far eco alle parole della stella russa anche il direttore generale dell’Agenzia Anti-doping  nazionale Margarita Pakhnotskaya che al Sunday Telegraph ha affermato che l’agenzia indagherà a fondo sulla questione e soprattutto sulla provenienza di queste parole attribuite a Dmitri Cheryshev.

Comments

comments

Continua a leggere

Azzardo e piaghe sociali

Decreto Dignità e Azzardo: lo strumento di tutela teorico che mette in ginocchio il calcio italiano

Emanuele Sabatino

Published

on

La parte gialla del governo giallo-verde batte il primo colpo. Il Consiglio dei Ministri su proposta del Premier Giuseppe Conte e sulla spinta del Ministro Luigi di Maio ha approvato il “Decreto Dignità” con l’intento di rivoluzionare il mondo del lavoro ma non solo. Tra i cambiamenti in programma, infatti, anche il divieto per il settore Gambling e giochi a premi, fatte salve le lotterie, di fare pubblicità su ogni mezzo di comunicazione (televisione, radio e internet) e nelle manifestazioni sportive (niente nome ai campionati e niente sponsor sulle maglie).

IL PARAGONE CON LA LEGGE N.165 del 1962 CONTRO IL FUMO

Il Governo attuale ritiene giustamente la ludopatia la degenerazione di un vizio nocivo, quello del gioco,  proprio come quello del fumo che già dal 1962 con la legge numero 165 ha visto il settore regolato impedendo alle aziende produttrici di tabacco di fare pubblicità e da sponsor.

IL MONDO DELLO SPORT PROTESTA

La tendenza degli ultimi anni vede un mercato completamente saturo di spot di società legate al gioco d’azzardo con addirittura le quote delle partite prima e durante i maggiori eventi sportivi. Addirittura allo stadio, mentre la partita è in corso, sui cartelloni compaiono le quote sul prossimo goal. Assurdo. D’altronde più i bookmakers diventano ricchi e più investono in pubblicità.

I presidenti delle squadre, calcio soprattutto, lasciano trapelare il loro malumore perché questo settore così ricco si era molto legato ad esse facendo respirare i bilanci di queste ultime. Con il Decreto Dignità che entrerà in vigore il 1° Gennaio 2019, le squadre di Serie A perderanno in tutto circa 120 mln di euro in sponsor. L’unica consolazione è che tutti gli accordi stipulati in precedenza saranno fatti salvi col rischio di vedere in futuro qualche “impiccio”. Vedremo accordi  stipulati prima dell’entrata in vigore che si scopriranno decennali?

 

COSA RISCHIA CHI TRASGREDISCE?

Un’ammenda del 5% del valore della sponsorizzazione e in ogni caso non inferiore, per ogni violazione, ad un importo minimo di 50.000 euro.

L’INGHILTERRA CI SEGUE?

L’Inghilterra è la patria delle scommesse e lì il binomio squadra-bookmakers è molto solido e molto remunerativo. La metà delle squadre di Premier League ha il nome di un book sulla maglia e i soldi delle sponsorizzazioni derivanti dal gambling sono parti al 17% del totale. Anche nella terra della Regina però le cose potrebbero cambiare.

E’ in programma infatti una riforma simile al Decreto Dignità tant’è che le grandi squadre inglesi stanno dando il mandato alle grandi aziende di marketing di procacciare sponsor di settori diversi per non farsi eventualmente trovare impreparate.

 

 

BASTA A COMBATTERE LA LUDOPATIA?

Molti hanno detto, forse in preda al panico, che questo decreto porterà di nuovo al “toto nero”. Sbagliato perché il palinsesto dei bookmakers non cambia affatto e si potrà continuare a giocare tranquillamente. Proprio questo però è il problema, la falla in una legge che dovrebbe essere a tutela del giocatore. Il fatto che non ci sarà più pubblicità basterà a combattere la ludopatia? Ad una persona già ludopatica, che quindi ha già un problema, fa differenza se c’è la pubblicità o meno delle quote, o va nell’agenzia sotto casa come sempre fatto? Questo decreto combatterà il nascere di nuovi ludopatici? Quanto l’iniziazione alla pratica dello scommettere che poi degenera in ludopatia è attribuibile agli spot e quanto invece al nucleo familiare o agli amici? Domande che dovrebbero far pensare il legislatore e riflettere sulla ratio legis di questo decreto.

A nostro avviso la pubblicità non è il primo male del gambling e principale causa della ludopatia. Secondo noi questa è attribuibile allo sconfinato palinsesto e agli infiniti mercati proposti dal bookmaker. Un esempio: con la schedina non si diventava ludopatici, con le scommesse si. Prima si poteva scommettere 1X2, Under/Over, Goal/No Goal, ora di tutto.

La reazione dello scommettitore medio davanti al bookmakers quando vede un nuovo tipo di scommessa è sempre lo stesso: “No, puoi giocare anche questo!”, “Che quota sballata, sono soldi regalati, ti pare che non fanno…”

E quando ti trovi poi a sperare che Messi finisca in fuorigioco perché hai scommesso che l’Argentina farà più di 2 offsides nella partita, sia se vinci sia se perdi, sia se giochi 2 euro sia se ne giochi 1000, sei già ludopatico e forse non è colpa della pubblicità ma del palinsesto che anche dopo il Decreto Dignità rimarrà lì, intatto, intonso, sempre pronto ad ammaliarti e soprattutto ammalarti.

 

Comments

comments

Continua a leggere

Trending