Connettiti con noi

Storie dell'altro mondo

L’incredibile stagione dei fratelli McCollum. Dal ghetto ai parquet in Europa e NBA

Leonardo Ciccarelli

Published

on

L’Ohio, terra di wrestler e di cestisti, terra di lavoratori come i protagonisti della storia che stiamo raccontando. Errick e C.J. McCollum, due fratelli nati in un ospedale di Akron, che curiosamente da’ alla luce anche Steph Curry e LeBron James. Ospedale benedetto.
La famiglia McCollum è di quelle tipiche dei sobborghi americani: famiglia povera, di afroamericani, che fanno fatica a mantenere i due figli a scuola a causa dei costi spropositati dei beni e servizi primari che ogni Paese civile dovrebbe garantire e che gli Stati Uniti non garantiscono.
Il primo, Errick che porta il nome di papà e che quindi ha il “II” nel nome, è nato nel 1988, l’altro, il secondo, che si chiama C.J. (Christian James) è nato nel 1991 e come prevedibile crescono in assoluta simbiosi.
Errick è una promessa della pallacanestro fin dalla tenerissima età ed il piccolo di casa guarda il fratello maggiore con ammirazione, sperando di emulare le sue gesta mentre i loro genitori fanno più di un lavoro per mantenere i propri figli in una situazione di vita dignitosa e tranquilla e che soprattutto li tenga lontani dalle poco raccomandabili persone che girano per Canton, il luogo dove la famiglia vive.
Arrivato alla GlenOak High School, Errick McCollum che nel frattempo è cresciuto e diventato un ottimo play si mette in mostra in coppia con un altro ragazzino che avrebbe fatto tanta strada nel mondo del basket, Kosta Koufos.
Purtroppo per Errick II, non molti college credono in lui e deve accontentarsi del Goshen College in Indiana che lascerà come leader all time per punti. Non verrà draftato e continuerà la sua carriera in Israele.
Errick-McCollum
Contemporaneamente non ci siamo dimenticati del più piccolo dei McCollum che al liceo ci arriva e incanta tutti con le sue doti di palleggio. Solo che c’è un problema. Al primo anno C.J. McCollum è alto 157 centimetri e pesa solo 48 kg. Troppo poco.
Fortunatamente per lui cresce e per la fine del liceo arriva agli attuali 190cm ma i college, anche con C.J. sono poco clementi. Andrà nel minuscolo Lehigh e studierà giornalismo, anche perché la possibilità che non diventerà mai un pro deve cominciare a prenderla seriamente in considerazione.
Al college però C.J. illumina, nonostante sia nella poco competitiva Patriot League, e diventa giocatore dell’anno al suo primo anno portando addirittura Lehigh al tabellone NCAA. Negli anni successivi ci tornerà ed addirittura nel 2012 c’è il miracolo di Bethlehem (rileggete il nome della città, suona familiare) e il piccolo Lehigh della Patriot League batte la super favorita regina della Carolina del Nord: Duke. Allenata da Mike Krzyzewski, con in squadra Seth Curry, Austin Rivers e i fratelli Plumlee. Una corazzata.
Al terzo anno l’NBA bussa alla porta di C.J. ma il piccolo, divenuto grande, rifiuta. Resterà per il quarto anno, si laureerà in giornalismo alla Lehigh University.
Applausi alla scelta, ma nel gennaio 2013 McCollum si rompe il piede e salta il resto della stagione. La cosa non scalfisce i sogni NBA del ragazzo che diventa il primo giocatore della sua università a farcela, viene selezionato da Portland con la scelta numero 10.
usa-today-8918175.0
In Summer League si rompe di nuovo il piede che guarisce in 2 mesi.
L’esordio in NBA è del 2014, coach Scotts lo usa col contagocce e McCollum ripaga il suo allenatore con 33 punti in Gara 5 di Playoff contro i Memphis Grizzlies al primo turno.
Che faceva Errick in tutto questo trambusto? Girovagava per l’Europa. Errick non riusciva ad imporsi e non è riuscito ad imporsi fino all’anno appena citato di suo fratello C.J. dove al Panionios diventa il miglior marcatore del campionato greco e dell’EuroCup, prestazioni eccellenti che gli valgono un contratto milionario in Cina dove mantiene le attese diventando anche qui il top scorer del campionato e venendo convocato per l’All Star Game cinese.
Il ritorno in Europa in una big è cosa da fare e così i fratelli McCollum si presentano alla stagione 2015/2016 come giocatori titolari di Galatasaray e Portland Trail Blazers con non pochi dubbi da parte dei tifosi, soprattutto sul più piccolo, che è visto come un affidabile rincalzo di Damian Lillard ma nulla più. Così non è ed in coppia con la “cosa” più simile che si possa ammirare al Derrick Rose che vinse il premio di MVP, questa stagione ha formato quello che si può considerare il più forte duo di small guard di tutta la lega. Ha trascinato i Blazers ad un insperato quinto posto ad Ovest nell’anno di addio di 4/5 di quintetto, Aldridge, Batum, Lopez e Matthews.
Le prestazioni di C.J. gli sono valse il Most Improved Player del 2016, il giocatore rivelazione dell’anno. Contemporaneamente suo fratello Errick II diventava MVP dell’EuroCup col Galatasaray, portando la franchigia turca a vincere la suddetta competizione.
Tutto questo sotto gli occhi dei loro genitori, che sono stati ripagati di tutte quelle ore di lavoro extra che erano costretti a fare tutte i giorni.
This is USA baby.

Comments

comments

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcio

Santiago Ascacibar, un “russo” in Germania per la rinascita dell’Argentina

Massimiliano Guerra

Published

on

Uno  dei migliori centrocampisti della scorsa stagione, una delle possibili stella della prossima Bundesliga. Di chi parliamo? Del mediano dello Stoccarda Santiago Ascacíbar. Classe 1997 nato a La Plata, Ascacibar muove i suoi primi passi nell’Estudiantes, sua squadre del cuore. Mediano dal cuore d’acciaio Ascacibar arriva poi allo Stoccarda quasi a sorpresa la scorsa estate, perché tanti club europei avevano messo gli occhi su questo giovane argentino.

 

Ascacibar è diventato così la scorsa estate il 44esimo argentino a giocare nella Bundesliga. Un bel salto nel buio per un giocatore cosi giovane, arrivare in Europa in una realtà diametralmente opposta rispetto a quella in cui ha vissuto sempre. Eppure Ascacibar si è ambientato subito diventando un perno insostituibile del centrocampo dello Stoccarda con il quale ha collezionato 29 presenze (senza mai segnare) portando la sua squadra ad un tranquilla salvezza. El Ruso, per il suo colore di capelli molto chiaro, è il classico  volante argentino, il centrocampista che deve sia impostare che difendere ed è fondamentale nelle tattiche sudamericane. Ovviamente una volta arrivato in Germania ha dovuto adattare il suo gioco alla realtà europea. Un passaggio avvenuto velocemente senza grossi traumi. Ascacibar è un giocatore giovane ma dalla maturità impressionante. Quando lo si vede in campo sembra un veterano, non un giovane ragazzo argentino sbarcato in Europa da meno di un anno. Che il Ruso fosse comunque un giocatore diverso dagli altri lo si vedeva già dai primi passi calcistici: ”Già da bambino era un fanatico dell’allenamento, ossessionato sin da piccolo nel migliorare la sua tecnica e svolgere gli allenamenti giornalieri”, parla così di lui Omar Rulli, suo allenatore nelle giovanili dell’Estudiantes  (inoltre padre di Geronimo, futuro portiere di Estudiantes e Real Sociedad) che convinse la dirigenza del club a puntare su questo ragazzino  che a 9 anni aveva già la grinta e la tenacia dei grandi campioni.

Da quel momento Ascacibar non deluse mai le aspettative e scalò mano a mano tutte le squadre giovanili fino ad arrivare alla prima squadra dove strega letteralmente l’allenatore el pincha Nelson Vivas che lo definisce “Un giovane con la testa da vecchio”. Sì perché Ascacibar non pensa solo al calcio ma mentre arriva nel calcio dei grandi riesce anche a intraprendere gli studi di antropologia all’Università. Un segno questo che fa capire come sia diverso dalla maggior parte dei suoi coetanei che arrivano alle luci della ribalta. L’8 febbraio del 2016 contro il Lanus, Ascabibar fa il suo esordio tra i grandi e si conquista con grande rapidità la maglia da titolare: in tutto, sono 50 le presenze del Ruso in un anno e mezzo, senza neanche segnare un gol. Perchè segnare non è il compito del volante argentino, che è riuscito in 18 mesi a trasformarsi, da giovane delle filiales che era, in leader del centrocampo. La garra del Ruso, si fa notare sia nell’Olimpica argentina (3 presenze a Rio 2016, da giocatore tremendamente sottoetà in un torneo U23), sia nella Nazionale U20, della quale è diventato subito il capitano: nella piccola Albiceleste Ascacibar ha giocato 11 gare, segnando una rete e guidando i suoi compagni sia nel Sudamericano Sub-20 che nel  Mondiale di categoria.

Una crescita repentina che lo ha portato poi in Germania. Lo Stoccarda nella scorsa estate ha sborsato 8,5 milioni di euro per averlo, sfruttando l’indecisione dello Zenit, allora guidato da Roberto Mancini. Un affare per il club tedesco dato che ora il valore dell’argentino è praticamente raddoppiato e tutto fa pensare che nella prossima stagione possa aumentare ancora. A Stoccarda lo sperano tutti.

Comments

comments

Continua a leggere

Snooker

Con Maurizio Cavalli alle radici dello Snooker in Italia: dagli anni 70 alle fortune televisive su Tele+ (Prima Parte)

Henry The Touch

Published

on

Dello snooker si può dire tranquillamente che è una specialità del biliardo di cui si sa ormai quasi tutto. Proprio così, visto che è seguita con grande attenzione su Eurosport, con commento in italiano, già dalla metà degli anni ’90. Questo senza dimenticare che qualsiasi ulteriore informazione la si può trovare senza problemi sul web, dove abbondano i siti dedicati al classico gioco anglo-sassone con le 21 bilie colorate. Ciò che non è ancora chiaro, però, è come e quando lo snooker sia entrato in Italia. Abbiamo provato a chiedere in giro, ma con poco esito visto che sembra impossibile risalire oltre il 1988, quando all’ hotel Gallia di Milano si disputò un famoso torneo di esibizione con la partecipazione del grande Steve Davis e di altri noti campioni della Matchroom, lo squadrone creato dal boss Barry Hearn. A questo punto qualcuno ha suggerito di provare a sentire Maurizio Cavalli, voce storica dello snooker su Eurosport, che sicuramente può avere qualcosa da aggiungere, visto che è stato operativo sulla scena nazionale sin dagli anni ’70.

Partendo da un contatto telefonico andato a buon fine, ci mettiamo in macchina e procediamo spediti verso Due Carrare, nella zona termale di Padova, dove il maestro ci accoglie affabilmente nell’ abitazione in cui vive con la moglie Angela e i figli Andrea, Alberto e Alessandro. Tra l’altro, quest’ultimo già ben conosciuto nel mondo del biliardo per il titolo europeo juniores vinto nel 2010 e per essere considerato una delle più fulgide promesse del gioco ai birilli. Ci fermiamo a prendere un caffè nell’ elegante salone in stile veneziano che si trova al pian terreno. Arriva gradito anche un buon dolcetto, immancabile in casa Cavalli, a quanto pare. Il maestro ne è ghiotto. Dice di aver bisogno di zuccheri. Finiti i convenevoli, ringraziamo la gentilissima signora Angela – siciliana doc – e ci dirigiamo ai piani superiori, dove ad attenderci c’è una bella sorpresa, perchè a mano a mano che saliamo le scale abbiamo sempre più netta l’ impressione di trovarci davanti a un vero e proprio museo del biliardo. Vi figurano in bella mostra centinaia di libri  in tutte le lingue, persino in coreano e giapponese. Non si contano le riviste, le videocassette e i dvd. Poi stampe, foto e posters. Non mancano, come si può ben immaginare, stecche, bilie ed oggettistica varia. Ovviamente ci sono anche tutti gli album personali del Maestro, con appunti di gioco, grafici di tiro e quant’ altro raccolti con grande metodo e passione in circa mezzo secolo di studio del biliardo in tutte le sue forme.

COMPLIMENTI MAESTRO, UNO SPLENDIDO MUSEO. MAI VISTA UNA COSA DEL GENERE.

Non esageriamo, la mia è soltanto una collezione di un certo valore, ma mi creda che ha poco a che vedere con musei veri e propri come possono essere quello di Weingartner a Vienna, o di Clare a Liverpool. Comunque una collezione importante per la completezza del materiale raccolto e per il fatto che in Italia non esiste praticamente tradizione di un collezionismo di questo tipo. Certo, dietro c’è un bel lavoro che procede metodicamente da quasi mezzo secolo. Si opera per la posterità, in fin dei conti.

C’E’ QUALCOSA IN QUESTE STANZE CHE HA PER LEI UN SIGNIFICATO PARTICOLARE?

(Cavalli si alza e va a prendere da uno scaffale un vecchio libro inglese elegantemente rilegato,  n.d.r.) Vede, questo libro intitolato «Billiards» (1915), scritto da Tom Reece – il campione dell’ epoca – ai miei occhi ha un valore particolare perchè si tratta della prima pubblicazione in lingua inglese capitatami tra le mani, tanti anni fa. Ne trovai una copia identica alla Biblioteca Universitaria di Padova, perchè è da lì che sono iniziate le mie ricerche sui testi in lingua straniera. Era il 1971 e grande fu la mia sorpresa quando trovai questo splendido libro di tecnica e di storia del biliardo. Un testo, tra l’ altro, corredato da splendide foto che mettono in evidenza la maestosità del classico tavolo inglese da 6 per 12 piedi. Questo è stato il mio primo contatto virtuale con le specialità anglo-sassoni.

 POI COME SONO PROSEGUITE LE SUE RICERCHE SULLE SPECIALITA’ ANGLO-SASSONI?

L’aver messo le mani su quel primo testo inglese del 1915 mi ha dato la spinta per ampliare le mie ricerche. Ho cominciato a scrivere a varie federazioni straniere e ancora a biblioteche e musei di tutti il mondo per accedere alla più vasta bibliografia possibile, dato che in Italia si trovava ben poco.  Progressivamente sono entrato nel mondo dorato del collezionismo, dove ho potuto coronare le mie ricerche. Ricordo che verso la metà degli anni ’70, in uno scambio di riviste con un collezionista inglese, ho ricevuto una copia di Snooker Scene, da sempre la rivista di riferimento del settore.

Ho sottoscritto subito un abbonamento e mi viene da pensare che quello possa essere stato davvero il primo in Italia. Da quel momento ho avuto la possibilità di monitorare da vicino la crescita dello snooker in Inghilterra. Poi, in occasione dei tornei della Triplice Corona, compravo anche i quotidiani inglesi, soprattutto il Guardian, dove scriveva Clive Everton – guarda caso anche l’editore di Snooker Scene – che era sicuramente la firma più autorevole del settore. Fortunatamente lo resta a tutt’oggi, per il bene della specialità, nonostante il popolare giornalista e commentatore inglese sia ormai sull’ ottantina.

 LEI E’ STATO ANCHE UN BUON GIOCATORE, SOPRATTUTTO NEL CAMPO DEI CINQUE BIRILLI.

Devo premettere che sono sempre stato uno sportivo. Prima di approdare al biliardo ho avuto esperienze nel calcio, nel tennis e nel ping-pong. Le prime steccate le ho tirate attorno ai 19 anni, quando mi sono iscritto all’ università. Nel giro di una decina di stagioni ero già un giocatore di buona levatura nazionale. Il problema per me è stato forse quello di aver messo troppa carne al fuoco in quel periodo. Di pari passo con la mia carriera di giocatore si stava sviluppando anche quella di commentatore televisivo sulle  tv private, con la prima telecronaca fatta su Telenorba in occasione della finale del Trofeo Città di Pescara del 1977. Mi cimentavo con successo anche in campo organizzativo, curando le tournèe di grandi campioni come i fratelli Navarra, argentini, funamboli della carambola artistica.

Poi anche del mitico Emilio Biagini, un maestro indimenticato del gioco ai birilli. Ho messo in piedi pure due  fortunate edizioni del prestigioso TORNEO DEGLI ASSI, dove otto dei migliori giocatori italiani si affrontavano a eliminazione diretta, in incontri su lunga distanza, proprio come succede nel classico FORMAT dei tornei di snooker . Dello snooker e delle varie specialità del biliardo internazionale ne parlavo già sulla rivista mensile BILIARDO MATCH. Ne avrei trattato successivamente in un libro, nato dalla collaborazione con Vincenzo Testa, dal titolo «Il Biliardo, Le boccette, La goriziana, Le specialità anglo-sassoni» (Luigi Reverdito Editore, 1982). Il tutto mentre, settimanalmente, scrivevo anche per IL RESTO DEL CARLINO, sulla pagina di Padova, dove parlavo soprattutto del primo campionato provinciale a squadre, organizzato come Presidente del Comitato. Pensare che avevo solo 29 anni e quello era un ruolo che, di norma, si ricopriva attorno ai 50. Ricordo, in proposito, che un giorno mi si avvicinò un distinto signore di mezza età, chiedendomi se per caso fossi io quel Cavalli di cui si sentiva tanto parlare. «Le faccio i complimenti», mi disse, «anche perchè leggo sempre i suoi articoli su Biliardo Match. Le confesso, però, che resto alquanto sorpreso di vederla… così giovane. Mi ero fatto l’idea che avesse almeno 60 anni».

SI DICE CHE LEI ABBIA SEMPRE PRECORSO I TEMPI NEL PANORAMA NAZIONALE.

Probabilmente è dipeso dal fatto che fin dagli inizi ho guardato con interesse fuori dai ristretti confini del gioco nazionale dei 5 birilli. Per la mia passione per il collezionismo e il giornalismo ho seguito da subito l’ evoluzione di specialità più progredite come lo snooker, il pool e la carambola. A proposito, ho un gustoso aneddoto da raccontare. Nel 1977 mi capita di trovare in una rivista americana un interessante annuncio pubblicitario in cui si parla di una novità assoluta, cioè il guantino di nylon per migliorare la scorrevolezza della stecca sulla mano d’ appoggio. Non ho perso tempo. Ho fatto subito un vaglia internazionale e nel giro di circa tre mesi – quelli erano i tempi di attesa con la posta aerea dell’ epoca – ho avuto il mio bel guantino, di colore marrone, lo ricordo, da esibire sotto gli occhi sbalorditi dei miei avversari. Devo dire che mi sono trovato molto bene da subito e, infatti, i miei risultati in competizione sono migliorati decisamente da allora. Ho vinto il mio primo campionato triveneto e nel giro di pochi mesi sono salito due volte sul podio in campionato italiano. Certo che dal punto di vista psicologico avevo una bella pressione addosso. A dir poco mi fischiavano le orecchie, perchè nel mondo maschilista del biliardo da bar di allora il fatto di mettere un affare del genere sulla mano ti qualificava automaticamente come un fuori di testa, o magari… un gay, cosa che all’ epoca non era tanto raccomandabile. In proposito, l’amico Gastone Cavazzana, pluricampione italiano, mi ha ricordato recentemente che il grande «Paolino» Coppo, suo famoso compagno di coppia, la prima volta che mi ha visto all’ opera gli ha sussurrato all’ orecchio «CHEL LI’ L’E’ MAT!» («Quello lì è matto» n.d.r.). Successivamente mi è capitato di incrociare la stecca col campionissimo torinese in una sfida tra spacconi, al vecchio Club Quirinetta. Da allora Coppo è diventato un mio estimatore, anche come giocatore.

PERO’ LEI HA PRECORSO I TEMPI ANCHE PER COSE BEN PIU’ IMPORTANTI, COME AD ESEMPIO L’ INTRODUZIONE DEL SISTEMA DEL DIAMANTE NEL GIOCO DEI BIRILLI.

Effettivamente alla fine degli anni ’80 ho pensato di adattare il sistema del diamante – nato nel mondo della carambola alla fine dell’ ‘800 – al gioco dei birilli. L’ho fatto, prima con un fascicolo pubblicato su «Biliardo Match», e successivamente con un capitolo del libro «Scuola di biliardo illustrata», creato per la scuola nazionale di Torino con la collaborazione di due bicampioni del mondo come Nestor Gomez e Giampiero Rosanna, unitamente al pluricampione italiano Arturo Albrito. Un sistema destinato a segnare una svolta epocale nel gioco dei birilli, anche perchè da lì sono partiti poi tutti i sistemi moderni di coaching, in un contesto in cui il biliardo stava ormai cambiando pelle. Da gioco da bar di dubbia fama, a sport alla moda sempre più gettonato in tv. Il sistema del diamante è stato sviluppato poi in video nel «Manuale del Biliardo», realizzato assieme al mitico Marcello Lotti, lo Scuro del film. Alla regia c’era un certo Mario Canale, con un’ intera troupe cinematografica ai suoi ordini.

Opera ineguagliata, o quasi, visto che successivamente ho realizzato con la collaborazione in video dello stesso Lotti e di Alfio Liotta – i miei colleghi al commento del favoloso Mondiale Pro su Tele + 2 – un’ autentica enciclopedia delle grandi specialità del biliardo internazionale, dal titolo «L’ARTE DEL BILIARDO». Un lavoro nato da  una sinergia tra Tele + 2 e la Deagostini, casa editrice leader nel settore. Opera diffusa in edicola con una collana di 30 videocassette e  relativi fascicoli. Possiamo considerarla una sorta  di celebrazione del momento d’ oro del biliardo professionistico in Italia, anche se la festa non è durata a lungo, perché il movimento «pro» si è bloccato da noi all’ alba del nuovo millennio, e da lì non si è più mosso. L’ enfasi, ovviamente, in quella collana era sul gioco dei 5 birilli, ma abbiamo celebrato anche momenti importanti della storia dello snooker, come la famosa finale del Mondiale dell’ 85 tra Steve Davis e Dennis Taylor.

FINE PRIMA PUNTATA

Comments

comments

Continua a leggere

Calcio

Se non fosse ancora chiaro

Ettore zanca

Published

on

Bisogna essere precisi. Se si dicono le cose vanno dette con estrema chiarezza.
C’è per ora la querelle (giusto per restare in tema Francia) che i giocatori della nazionale francese che hanno vinto il mondiale siano in gran parte di origine africana.
A nulla è servito dire più volte che tutti i giocatori sono nati in Francia. Per cui sono francesi. A questo punto almeno, cerchiamo di essere dettagliati. Lo hanno vinto gli africani? No, non solo.

Hugo Lloris, portiere, ha origini catalane.
Olivier Giroud, attaccante è per parte italiano, la nonna è nata in Italia.
Alphonse Areola, portiere di riserva ha origini Filippine.
Raphael Varane è originario della Martinica.
E…udite udite, Antoine Griezmann non è francese purosangue. Il nonno, Amaro Lopes è portoghese. Ex calciatore anche lui.
Non vi basta?

Nel 1998, quando Facebook non c’era, la Francia vinse il mondiale con Zidane, origini algerine, Karembeu, Nuova Caledonia, Thuram, Guadalupa, e infine Djorkaeff. Armeno per parte di madre e russo di Calmucchia per parte di padre.
Dimenticavo. Tralasciamo i mondiali italiani vinti con gli oriundi, ovvero coloro che hanno avuto parenti in Italia ma non ci sono nati. 4 nel 1934, 1 nel 1938, altri 4 nel 1962 (dove abbiamo fatto pena) e uno determinante nel 2006.

Non parliamo di Svizzera, che conta tre kosovari e molto altro. Oppure Russia, che ha schierato un brasiliano.

Quindi le strade sono due. O non diciamo più che il mondiale lo ha vinto l’Africa, perché sono francesi e orgogliosi di esserlo, oppure, per la vis polemica che non smette mai, almeno aggiornate la cartina. Il mondiale lo hanno vinto: Africa, Catalogna, Portogallo, Filippine e anche un po’ d’Italia. E che diamine. Almeno siamo campioni del mondo grazie alla nonna di Giroud.

Comments

comments

Continua a leggere

Trending