Connettiti con noi

Snooker

Le basi tecniche dello Snooker: un passo indietro per farne molti intorno al tavolo

Davide Coltro

Published

on

Due parole per rompere il ghiaccio.

Cari amici nello snooker, eccoci nuovamente con l’appuntamento mensile delle rubrica TIPS che, a discapito del titolo in inglese, nutre l’ambizione di offrire qualcosa in più di semplici consigli. Con una buona dose di timore reverenziale nei confronti dei miei maestri e del pubblico di lettori, vorrei affrontare l’impresa di abbozzare, in una decina di puntate, la struttura di un corso di base per neofiti. Il compito è stimolante ed è soprattutto una risposta alle sempre più pressanti richieste di cominciare a dar corpo ad una letteratura tecnica nella nostra lingua su meccanismi e misteri di questo bellissimo gioco. Proverò a dare il mio modesto ma sincero contributo a questa fase embrionale della nostra letteratura specializzata pescando dall’esperienza di questi quattro anni di intensa attività come COACH EBSA formato dal maestro PJ Nolan presso l’Ambrosian Snooker Academy di Milano.

Il gioco del biliardo ed il cielo stellato

Il biliardo è un gioco affascinante perché si deve imparare a vedere l’invisibile. Stimola le nostre facoltà intellettuali ed immaginative a vedere geometrie che non hanno evidenza, a leggere correttamente dei rapporti spaziali tra oggetti, le bilie, posti all’interno di un perimetro o campo di gioco. Facciamo un esempio: tutti siamo affascinati dal cielo stellato e, quando siamo così fortunati da contare su un amico astrofilo che possa indicare con un dito le varie costellazioni, possiamo iniziare a collegare i punti luminosi fino ad accendere nella nostra mente le figure che prima non riuscivamo a concepire. Un meccanismo analogo si attiva quando il giocatore inizia ad osservare con giusta predisposizione il campo da gioco, sempre uguale e sempre nuovo e in grado di affascinare offrendo nuovi quesiti.

Passeggiando intorno al tavolo

Sin dagli albori della tecnica biliardistica, prima nel “Billiard”, progenitore tutt’ora molto giocato, poi nello snooker stesso, si è sempre posta molta attenzione alla cosiddetta “STANCE” o posizione di partenza per l’efficacia di ogni tiro. Anche in molti manuali moderni, è consuetudine trattare questo argomento al primo posto come pilastro della buona tecnica, primo passo di ogni “RUOTINE PRE-SHOT” o serie di azioni consecutive e sempre uguali che aiutano la concentrazione del giocatore per il tiro perfetto. Certamente è il punto di partenza corretto ma ad un più attento esame, in un corso che voglia appunto aiutare anche i neofiti, non possiamo dare nulla per scontato, quindi facciamo un passo indietro per farne molti di più in avanti. Serviamoci  delle premesse appena fatte e cerchiamo di spiegare quanto siano importanti le passeggiate esplorative intorno al tavolo. Ciò che è importante capire è che prima di ogni tiro e quindi dell’abbassamento del corpo sul tavolo, esiste una fase di studio dall’alto che non si può saltare. Solo quando siamo in piedi possiamo catturare più punti di vista e possiamo individuare le geometrie fondamentali, scegliere quella giusta e passare poi alla fase successiva modellando la posizione o “STANCE” per ottenere la stecca “ON LINE” cioè coincidente con la linea di mira. In pratica: ciò che deve essere percepito stando in piedi non potrà più essere afferrato quando si entra nella fase di “indirizzamento” per il tiro abbassandosi sul tavolo e viceversa, quando siamo in piedi non possiamo percepire il perfetto  allineamento della stecca con la porzione di palla cioè il punto di mira dove spingeremo la “CUE BALL” o palla battente per ottenere gli angoli di uscita desiderati.

IGP17TIP03C

La vista è un senso cardine

Tutto quanto avviene sul tavolo da snooker è basato su un bersaglio che misura 26,2 millimetri, cioè il raggio di una bilia. Suddividendo questo spazio in porzioni possiamo avere un’idea del grado di precisione richiesto, senza contare che ad una distanza che supera i 120 cm tra la “CUE BALL” e la “OBJECT BALL” la curva delle difficoltà si impenna imbizzarita. Per questo ed altri motivi, un senso che va molto allenato è la vista, cercando di aumentare la precisione nel percepire le distanze e gli angoli come le differenze di millimetri nel giudicare una porzione di palla. In questo gioco non si deve leggere qualcosa di minuscolo e quindi non è propriamente una questione di diottrie, piuttosto di percezione delle proporzioni e allineamento dell’occhio alla stecca e alla famossisima  “LINE OF AIM” o linea di mira, da individuare sempre mentre siamo ancora in piedi, scusate l’insistenza …

IGP17TIP03D

Leggere correttamente il layout

Per leggere correttamente la situazione sul tavolo, è necessario catturare viste da molti angoli, ma è un po’ più complesso di quando siamo sotto la volta del cielo stellato dove abbiamo un solo punto di osservazione. Il compito di visualizzare le geometrie invisibili che collegano bilie e buche ci spinge a percorrere i quattro lati del rettangolo verde,  spesso molte volte, per smentire o confermare una percezione che forse non è così nitida e inappellabile. Esistono anche situazioni intermedie dove è necessario confrontare nella nostra mente, in pochi secondi, due panorami dal medesimo angolo di osservazione. In questi casi possiamo osservare i nostri campioni in pose strane, con la testa abbassata sul piano di gioco oppure in altre divertenti posizioni.


IGP17TIP03E

 Un motto che cerco di trasferire ai miei studenti recita così: “Pensa a ciò che puoi fare e fai quello che hai pensato”. Sembra una dichiarazione banale ma è alla base della concezione di gioco dall’esordio del neofita all’impegno del professionista. Imparando a leggere correttamente il “LAY OUT” ossia la disposizione delle bilie sul tavolo, potremo prima di tutto capire se conviene attaccare per iniziare un “BREAK BUILDING” cioè la costruzione di una serie per guadagnare punti o difendere ed in quale modo più efficace per noi a danno dell’avversario. Solo dopo avere effettuato questa lettura possiamo scegliere il tiro più conveniente, analizzarne l’iniziale geometria invisibile per visualizzare anche la nuova disposizione delle bilie che il nostro tiro dovrà causare. A questo punto, siamo pronti per apprendere la basi della tecnica di tiro, seguendo la progressione di argomenti che tutti i manuali propongono e che ci porteranno alle soddisfazioni balistiche tante sognate.

IGP17TIP03F

Verso i prossimi argomenti

Per un’azione semplice come imbucare una bilia, esistono come minimo tre oggetti da considerare: il primo o “TARGET” che può essere una buca ma anche un’altra bilia, il secondo chiamato “OBJECT BALL” o “bilia-obiettivo” che è normalmente quella da colpire,  la “CUE BALL”, letteralmente “palla-stecca”, che è la bilia bianca o battente ed infine l’ultimo punto di questa geometria lineare che il “GRIP” cioè l’impugnatura della stecca. Dal “TARGET” dovremo tracciare idealmente una linea che attraverso il centro della OBJECT BALL attraversi la CUE BALL per terminare al “GRIP”. Il compito delle successive azioni tecniche, tornando alla stessa “STANCE”, sarà quello di allineare la stecca a due di queste linee e farla muovere con regolarità, precisione e velocità adeguate al tiro che avremo deciso di eseguire. Così abbiamo anticipato degli argomenti del prossimo appuntamento ma per ora, come dicono i saggi orientali, sotto le stelle o intorno al biliardo, camminiamo di più e nel mentre respiriamo profondamente che aiuta la concentrazione … buone passeggiate a tutti !

 

Comments

comments

2 Commenti

2 Comments

  1. Fabian

    aprile 24, 2017 at 3:45 pm

    Grande Davide! molto utile davvero!

  2. Orazio

    aprile 24, 2017 at 5:27 pm

    Bellissimo ed istruttivo articolo. Meditate gente meditate. Bravo Coach.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Snooker

Con Maurizio Cavalli alle radici dello Snooker in Italia: dagli anni 70 alle fortune televisive su Tele+ (Prima Parte)

Henry The Touch

Published

on

Dello snooker si può dire tranquillamente che è una specialità del biliardo di cui si sa ormai quasi tutto. Proprio così, visto che è seguita con grande attenzione su Eurosport, con commento in italiano, già dalla metà degli anni ’90. Questo senza dimenticare che qualsiasi ulteriore informazione la si può trovare senza problemi sul web, dove abbondano i siti dedicati al classico gioco anglo-sassone con le 21 bilie colorate. Ciò che non è ancora chiaro, però, è come e quando lo snooker sia entrato in Italia. Abbiamo provato a chiedere in giro, ma con poco esito visto che sembra impossibile risalire oltre il 1988, quando all’ hotel Gallia di Milano si disputò un famoso torneo di esibizione con la partecipazione del grande Steve Davis e di altri noti campioni della Matchroom, lo squadrone creato dal boss Barry Hearn. A questo punto qualcuno ha suggerito di provare a sentire Maurizio Cavalli, voce storica dello snooker su Eurosport, che sicuramente può avere qualcosa da aggiungere, visto che è stato operativo sulla scena nazionale sin dagli anni ’70.

Partendo da un contatto telefonico andato a buon fine, ci mettiamo in macchina e procediamo spediti verso Due Carrare, nella zona termale di Padova, dove il maestro ci accoglie affabilmente nell’ abitazione in cui vive con la moglie Angela e i figli Andrea, Alberto e Alessandro. Tra l’altro, quest’ultimo già ben conosciuto nel mondo del biliardo per il titolo europeo juniores vinto nel 2010 e per essere considerato una delle più fulgide promesse del gioco ai birilli. Ci fermiamo a prendere un caffè nell’ elegante salone in stile veneziano che si trova al pian terreno. Arriva gradito anche un buon dolcetto, immancabile in casa Cavalli, a quanto pare. Il maestro ne è ghiotto. Dice di aver bisogno di zuccheri. Finiti i convenevoli, ringraziamo la gentilissima signora Angela – siciliana doc – e ci dirigiamo ai piani superiori, dove ad attenderci c’è una bella sorpresa, perchè a mano a mano che saliamo le scale abbiamo sempre più netta l’ impressione di trovarci davanti a un vero e proprio museo del biliardo. Vi figurano in bella mostra centinaia di libri  in tutte le lingue, persino in coreano e giapponese. Non si contano le riviste, le videocassette e i dvd. Poi stampe, foto e posters. Non mancano, come si può ben immaginare, stecche, bilie ed oggettistica varia. Ovviamente ci sono anche tutti gli album personali del Maestro, con appunti di gioco, grafici di tiro e quant’ altro raccolti con grande metodo e passione in circa mezzo secolo di studio del biliardo in tutte le sue forme.

COMPLIMENTI MAESTRO, UNO SPLENDIDO MUSEO. MAI VISTA UNA COSA DEL GENERE.

Non esageriamo, la mia è soltanto una collezione di un certo valore, ma mi creda che ha poco a che vedere con musei veri e propri come possono essere quello di Weingartner a Vienna, o di Clare a Liverpool. Comunque una collezione importante per la completezza del materiale raccolto e per il fatto che in Italia non esiste praticamente tradizione di un collezionismo di questo tipo. Certo, dietro c’è un bel lavoro che procede metodicamente da quasi mezzo secolo. Si opera per la posterità, in fin dei conti.

C’E’ QUALCOSA IN QUESTE STANZE CHE HA PER LEI UN SIGNIFICATO PARTICOLARE?

(Cavalli si alza e va a prendere da uno scaffale un vecchio libro inglese elegantemente rilegato,  n.d.r.) Vede, questo libro intitolato «Billiards» (1915), scritto da Tom Reece – il campione dell’ epoca – ai miei occhi ha un valore particolare perchè si tratta della prima pubblicazione in lingua inglese capitatami tra le mani, tanti anni fa. Ne trovai una copia identica alla Biblioteca Universitaria di Padova, perchè è da lì che sono iniziate le mie ricerche sui testi in lingua straniera. Era il 1971 e grande fu la mia sorpresa quando trovai questo splendido libro di tecnica e di storia del biliardo. Un testo, tra l’ altro, corredato da splendide foto che mettono in evidenza la maestosità del classico tavolo inglese da 6 per 12 piedi. Questo è stato il mio primo contatto virtuale con le specialità anglo-sassoni.

 POI COME SONO PROSEGUITE LE SUE RICERCHE SULLE SPECIALITA’ ANGLO-SASSONI?

L’aver messo le mani su quel primo testo inglese del 1915 mi ha dato la spinta per ampliare le mie ricerche. Ho cominciato a scrivere a varie federazioni straniere e ancora a biblioteche e musei di tutti il mondo per accedere alla più vasta bibliografia possibile, dato che in Italia si trovava ben poco.  Progressivamente sono entrato nel mondo dorato del collezionismo, dove ho potuto coronare le mie ricerche. Ricordo che verso la metà degli anni ’70, in uno scambio di riviste con un collezionista inglese, ho ricevuto una copia di Snooker Scene, da sempre la rivista di riferimento del settore.

Ho sottoscritto subito un abbonamento e mi viene da pensare che quello possa essere stato davvero il primo in Italia. Da quel momento ho avuto la possibilità di monitorare da vicino la crescita dello snooker in Inghilterra. Poi, in occasione dei tornei della Triplice Corona, compravo anche i quotidiani inglesi, soprattutto il Guardian, dove scriveva Clive Everton – guarda caso anche l’editore di Snooker Scene – che era sicuramente la firma più autorevole del settore. Fortunatamente lo resta a tutt’oggi, per il bene della specialità, nonostante il popolare giornalista e commentatore inglese sia ormai sull’ ottantina.

 LEI E’ STATO ANCHE UN BUON GIOCATORE, SOPRATTUTTO NEL CAMPO DEI CINQUE BIRILLI.

Devo premettere che sono sempre stato uno sportivo. Prima di approdare al biliardo ho avuto esperienze nel calcio, nel tennis e nel ping-pong. Le prime steccate le ho tirate attorno ai 19 anni, quando mi sono iscritto all’ università. Nel giro di una decina di stagioni ero già un giocatore di buona levatura nazionale. Il problema per me è stato forse quello di aver messo troppa carne al fuoco in quel periodo. Di pari passo con la mia carriera di giocatore si stava sviluppando anche quella di commentatore televisivo sulle  tv private, con la prima telecronaca fatta su Telenorba in occasione della finale del Trofeo Città di Pescara del 1977. Mi cimentavo con successo anche in campo organizzativo, curando le tournèe di grandi campioni come i fratelli Navarra, argentini, funamboli della carambola artistica.

Poi anche del mitico Emilio Biagini, un maestro indimenticato del gioco ai birilli. Ho messo in piedi pure due  fortunate edizioni del prestigioso TORNEO DEGLI ASSI, dove otto dei migliori giocatori italiani si affrontavano a eliminazione diretta, in incontri su lunga distanza, proprio come succede nel classico FORMAT dei tornei di snooker . Dello snooker e delle varie specialità del biliardo internazionale ne parlavo già sulla rivista mensile BILIARDO MATCH. Ne avrei trattato successivamente in un libro, nato dalla collaborazione con Vincenzo Testa, dal titolo «Il Biliardo, Le boccette, La goriziana, Le specialità anglo-sassoni» (Luigi Reverdito Editore, 1982). Il tutto mentre, settimanalmente, scrivevo anche per IL RESTO DEL CARLINO, sulla pagina di Padova, dove parlavo soprattutto del primo campionato provinciale a squadre, organizzato come Presidente del Comitato. Pensare che avevo solo 29 anni e quello era un ruolo che, di norma, si ricopriva attorno ai 50. Ricordo, in proposito, che un giorno mi si avvicinò un distinto signore di mezza età, chiedendomi se per caso fossi io quel Cavalli di cui si sentiva tanto parlare. «Le faccio i complimenti», mi disse, «anche perchè leggo sempre i suoi articoli su Biliardo Match. Le confesso, però, che resto alquanto sorpreso di vederla… così giovane. Mi ero fatto l’idea che avesse almeno 60 anni».

SI DICE CHE LEI ABBIA SEMPRE PRECORSO I TEMPI NEL PANORAMA NAZIONALE.

Probabilmente è dipeso dal fatto che fin dagli inizi ho guardato con interesse fuori dai ristretti confini del gioco nazionale dei 5 birilli. Per la mia passione per il collezionismo e il giornalismo ho seguito da subito l’ evoluzione di specialità più progredite come lo snooker, il pool e la carambola. A proposito, ho un gustoso aneddoto da raccontare. Nel 1977 mi capita di trovare in una rivista americana un interessante annuncio pubblicitario in cui si parla di una novità assoluta, cioè il guantino di nylon per migliorare la scorrevolezza della stecca sulla mano d’ appoggio. Non ho perso tempo. Ho fatto subito un vaglia internazionale e nel giro di circa tre mesi – quelli erano i tempi di attesa con la posta aerea dell’ epoca – ho avuto il mio bel guantino, di colore marrone, lo ricordo, da esibire sotto gli occhi sbalorditi dei miei avversari. Devo dire che mi sono trovato molto bene da subito e, infatti, i miei risultati in competizione sono migliorati decisamente da allora. Ho vinto il mio primo campionato triveneto e nel giro di pochi mesi sono salito due volte sul podio in campionato italiano. Certo che dal punto di vista psicologico avevo una bella pressione addosso. A dir poco mi fischiavano le orecchie, perchè nel mondo maschilista del biliardo da bar di allora il fatto di mettere un affare del genere sulla mano ti qualificava automaticamente come un fuori di testa, o magari… un gay, cosa che all’ epoca non era tanto raccomandabile. In proposito, l’amico Gastone Cavazzana, pluricampione italiano, mi ha ricordato recentemente che il grande «Paolino» Coppo, suo famoso compagno di coppia, la prima volta che mi ha visto all’ opera gli ha sussurrato all’ orecchio «CHEL LI’ L’E’ MAT!» («Quello lì è matto» n.d.r.). Successivamente mi è capitato di incrociare la stecca col campionissimo torinese in una sfida tra spacconi, al vecchio Club Quirinetta. Da allora Coppo è diventato un mio estimatore, anche come giocatore.

PERO’ LEI HA PRECORSO I TEMPI ANCHE PER COSE BEN PIU’ IMPORTANTI, COME AD ESEMPIO L’ INTRODUZIONE DEL SISTEMA DEL DIAMANTE NEL GIOCO DEI BIRILLI.

Effettivamente alla fine degli anni ’80 ho pensato di adattare il sistema del diamante – nato nel mondo della carambola alla fine dell’ ‘800 – al gioco dei birilli. L’ho fatto, prima con un fascicolo pubblicato su «Biliardo Match», e successivamente con un capitolo del libro «Scuola di biliardo illustrata», creato per la scuola nazionale di Torino con la collaborazione di due bicampioni del mondo come Nestor Gomez e Giampiero Rosanna, unitamente al pluricampione italiano Arturo Albrito. Un sistema destinato a segnare una svolta epocale nel gioco dei birilli, anche perchè da lì sono partiti poi tutti i sistemi moderni di coaching, in un contesto in cui il biliardo stava ormai cambiando pelle. Da gioco da bar di dubbia fama, a sport alla moda sempre più gettonato in tv. Il sistema del diamante è stato sviluppato poi in video nel «Manuale del Biliardo», realizzato assieme al mitico Marcello Lotti, lo Scuro del film. Alla regia c’era un certo Mario Canale, con un’ intera troupe cinematografica ai suoi ordini.

Opera ineguagliata, o quasi, visto che successivamente ho realizzato con la collaborazione in video dello stesso Lotti e di Alfio Liotta – i miei colleghi al commento del favoloso Mondiale Pro su Tele + 2 – un’ autentica enciclopedia delle grandi specialità del biliardo internazionale, dal titolo «L’ARTE DEL BILIARDO». Un lavoro nato da  una sinergia tra Tele + 2 e la Deagostini, casa editrice leader nel settore. Opera diffusa in edicola con una collana di 30 videocassette e  relativi fascicoli. Possiamo considerarla una sorta  di celebrazione del momento d’ oro del biliardo professionistico in Italia, anche se la festa non è durata a lungo, perché il movimento «pro» si è bloccato da noi all’ alba del nuovo millennio, e da lì non si è più mosso. L’ enfasi, ovviamente, in quella collana era sul gioco dei 5 birilli, ma abbiamo celebrato anche momenti importanti della storia dello snooker, come la famosa finale del Mondiale dell’ 85 tra Steve Davis e Dennis Taylor.

FINE PRIMA PUNTATA

Comments

comments

Continua a leggere

Snooker

Campionato Nazionale Snooker 2018, F.I.BI.S.: Agòne ellenico e sport moderno

Davide Coltro

Published

on

A volte, prima di raccontare un’esperienza, si rende necessario fare qualche precisazione, proprio per evitare il rischio di fraintendimenti, soprattutto se gli viene attribuito un valore simbolico, che rimandi ad altro oltre i semplici fatti. A partire dall’antichità, l’uomo ha sentito il bisogno di legare il proprio destino di singolo a quello di altri, facendo nascere le prime comunità, femmina e maschio uniti, come nuclei umani primordiali, soluzione naturale e pragmatica per proliferare e conservare la specie, un esempio lampante di questa necessità. In forme sempre più evolute, il bipede eretto e ragionante, ha proseguito la sua “avventura di prossimità” creando strutture articolate fino ad arrivare al gioiello concettuale della “democrazia” nelle sue innumerevoli sfaccettature e derivazioni. Proseguiamo con un’altra precisazione riguardo le attività umane: in buon ordine con quelle del pensiero e dello spirito, esistono le espressioni del corpo che cercano di superare i propri limiti di velocità, forza e coordinazione in rapporto alle forze naturali per la sopravvivenza e rispetto ad altri individui per nuove forma di socializzazione Si arriva al concetto di agòne, gara, confronto, tenzone, con vincitori e vinti ma senza l’orrore della violenza e della guerra, nell’età moderna giunge e conquista il mondo la parola anglosassone: sport, sintetica e facile a ricordarsi.

Nell’acronimo F.I.Bi.S., questi concetti sono entrambi contenuti in quanto per federazione si intende il proposito che unisce gruppi di individui già strutturati e con proprie regole interne per raggiungere scopi più elevati unendo le forze. Proseguendo a decifrare, dopo la definizione del nobilissimo biliardo, a chiudere la sigla abbiamo proprio la qualifica di tutto ciò che attiene a questa esperienza come specificamente sportiva. Si parla apertamente di “biliardo sportivo”. Il campionato nazionale indetto da una federazione sportiva è quindi espressione civile di un popolo che, in accordo su determinati punti di riferimento, decide di confrontarsi in gare legittime per eleggere dei rappresentanti che possano figurare in competizioni ancora più allargate per  intere nazioni o continenti. In poche parole un campionato nazionale è sempre una cosa seria che veicola messaggi educativi in termini etici e morali, il senso dell’aggregazione e l’ammirazione per la prestazione altrui e assoluto rispetto per gli altri. Chi partecipa con piena adesione matura un’esperienza positiva e aumenta il proprio tesoro di umanità che molto spesso gli sarà utile nella vita. Con questo spirito è stato progettato per la quarta volta il Campionato Nazionale Snooker 2018, proposta di esperienza sportiva portatrice di questi valori. Chiariti questi punti importanti, passiamo in rassegna le speciali novità di questa edizione, ritornata a Trezzano sul Naviglio, che l’aveva già ospitata con successo nel 2016. Patrocinato per la seconda volta dal Comune trezzanese, in questa edizione nella prestigiosa cornice dell’Hotel Goldenmile, ha visto l’assegnazione dei tre titoli in palio per le rispettive categorie A, B e C.

La formula del torneo conclusivo e più importante della stagione si è svolta in due tempi:  una prima fase con gironi all’italiana e la successiva fase ad eliminazione per determinare con l’ultimo scontro diretto il vincitore assoluto. Oltre 45 atleti a rappresentare i migliori Club (BetStar-Modena, NumberOne-Bagheria, Billiard Saloon-L’Aquila etc. ), dalla Sicilia alla Lombardia, si sono dati battaglia per quattro giorni. Non sono mancati i colpi di scena con pretendenti al titolo eliminati in anticipo ed esordienti così agguerriti da dirottare il corso della competizione.

Sulla cattedra della direzione di gara il veneziano Fabian Tagliapietra con abilitazione internazionale EBSA e WSF, affiancato da Lorenzo Costantini ugualmente arbitro internazionale licenziato EBSA. In esame per il conseguimento dell’abilitazione nazionale e tutti con esito positivo, si sono adoperati senza sosta Claudio Iuculano e Piergiorgio Romanò oltre all’energica siciliana Clara Panebianco, nostro primo arbitro in quota rosa. Il corpo arbitrale ha garantito all’evento la compostezza, serietà e stile tipiche di questa specialità del biliardo.

In serie C ha trionfato Marco “The Eagle” Giuliano che ha piegato con indiscutibile superiorità tattica il pakistano naturalizzato milanese Zeshan Shabbir, ottimo colpitore con propensione prevalente all’attacco. Il miglior Break della stagione per questa categoria porta la firma di Dario Di Pietro con 30.

Nella serie intermedia, a partecipazione quasi completamente ambrosiana, si sono scontrati in finale due giocatori con esperienza in diverse discipline del biliardo ma ora rapiti definitivamente dallo snooker. Paolo “Zeus” Valentinuzzi non è riuscito a contenere gli assalti del pavese Leonard Quimari che si è aggiudicato il titolo nazionale della categoria B oltre al relativo miglior Break con 38 punti messi a segno durante un match del campionato provinciale di Milano e rimasti insuperati.

La manifestazione si è conclusa con la finale della massima divisione, dominata senza troppe concessioni dal potente imbucatore napoletano Pierfrancesco Garzia a danno del veterano Stefano Battelli con il cuore allo snooker ma il braccio ancora calibrato sulla sua storica stecca da pool americano. In serie A il maggior punteggio in una sola steccata resta appannaggio del Campione Nazionale uscente Massimiliano Sabetta con 54, purtroppo assente per inconciliabilità di tempo con impegni professionali.

Importanti gli ospiti intervenuti in questi giorni: Allan Taylor, inglese 33enne attualmente numero 100 nel circuito professionistico World Snooker e Maurizio Cavalli, da sempre primo commentatore dello snooker su Eurosport Italia.

Il loro contributo è stato fondamentale per rendere indimenticabile l’evento con Cavalli, gran narratore di storie e creatore di interviste in pillole con giocatori ed ospiti e Taylor con le sue illuminanti sedute di coaching che ha galvanizzato tutti con esibizioni estemporanee di grande valore tecnico.

Presente durante i giorni di gara ed immancabile protagonista alle premiazioni Valerio Grassi, Assessore allo Sport e Cultura di Trezzano sul Naviglio. Concedendo per la seconda volta il Patrocinio, ha ripetuto e sottolineato la prima apparizione del 2016 (secondo campionato nazionale) auspicando continuità ad ospitare l’evento in quella che è stata nominata da subito “la piccola Sheffield italiana”. A conclusione della cerimonia è stato assegnato ad Enrico Bassini il premio “Snooker & Project”, riconoscimento che mette in evidenza appassionati divenuti protagonisti per l’impegno di tempo e le competenze messe a disposizione del movimento locale e nazionale.

Lo snooker è l’ultima disciplina arrivata nella grande famiglia F.I.Bi.S. ma non ultima per importanza mediatica e interesse generale. La federazione ha sempre fornito il suo sostegno alla sezione nascente e quest’anno ha reso possibile l’edizione del quarto campionato nazionale che ha siglato un capitolo importante nello sviluppo del biliardo nel nostro paese. L’evento si è svolto con ingresso libero, tutti gli incontri sono stati trasmessi gratuitamente in streaming grazie alla piattaforma Snooker.Network  ed ora sono permanentemente registrati sull’apposito canale Youtube (Snooker Network).

Quattro giorni intensi, resi possibili dal lavoro di persone (purtroppo poche) che si sono dedicate alla paziente tessitura di questo arazzo collettivo, per renderlo fruibile alle persone invitate e per aggiungere una pietra miliare nel percorso del biliardo italiano. Percorso che si snoda sempre all’interno di quanto è stato premesso nelle prime righe di questo resoconto, necessariamente. E lasciatemi dire che, vedendo alcune foto e captando gli stati d’animo dei partecipanti attraverso i loro sguardi, volti e sorrisi, il riferimento all’antica Grecia è sempre tremendamente azzeccato.

 

Comments

comments

Continua a leggere

Snooker

Ronnie O’Sullivan: il profeta dello Snooker che tra vizi e guai vi ha portato il biliardo dentro casa

Lorenzo Siggillino

Published

on

Di campioni ogni sport ne ha tanti, ma sono pochi quelli in grado di farti innamorare di quello che fanno. Portare una disciplina ad un altro livello è impresa difficile, ma quando questa non è conosciuta e non è adatta allo spettacolo c’è bisogno di un vero e proprio profeta che vada a portare il verbo casa per casa: Ronnie O’Sullivan lo ha fatto per lo Snooker. Cinque volte campione del mondo, sul tavolo verde ha fatto vedere di tutto: far saltare le biglie, cambiare mano, tirare usando un braccio solo, parlare con il pubblico durante il gioco, fermare una partita per chiedere quale fosse il premio. Lo Snooker lo ha tenuto fuori dai guai e il campione inglese ha ricambiato la sua fede diffondendola in ogni angolo della Terra a suon di spettacoli. Quando scorrendo i canali sportivi delle Pay Tv trovate tanti tornei di biliardo, sempre di più, forse vi chiedete di chi è il merito (o la colpa). Bene, non abbiate dubbi: Ronald Antonio O’Sullivan, detto Ronnie.

Ronnie “The Rocket” O’Sullivan sarebbe potuto essere tranquillamente uno di quei personaggi paradossali di un film di Guy Ritchie sulla malavita inglese. Il Razzo, questo il suo soprannome, in una pellicola come The Snatch, o Lock & Stock- Pazzi scatenati- avrebbe fatto la sua figura. La faccia e l’espressività da attore ci sono, in più la sua storia nelle ambientazioni di Ritchie avrebbe fatto da padrona di casa. O’Sullivan cresce nell’Essex e suo padre Ronald ha già deciso per lui cosa sarà da grande: un fenomeno dello Snooker. Ronnie viene al mondo letteralmente con la stecca già in mano e resta ore ed ore chiuso in casa per imparare a conoscere ogni angolo del tavolo e ogni aspetto del gioco. L’inglese pochi anni fa ha rivelato: “Sono dannatamente timido! E grazie…quando avevo 10 anni stavo tutto il giorno a giocare a biliardo da solo”. L’allenamento comunque paga perché lui diventa rapidamente un prodigio: a 15 anni è già capace di siglare la sua prima serie perfetta da 147 punti (se non avete mai visto lo Snooker fidatevi: non è facile per niente). A 17 anni, però, suo padre Ronald finisce in galera per omicidio, sua madre Maria viene arrestata per evasione. Il diciottenne Ronnie è chiamato a badare alla sorellina piccola e a mandare avanti gli affari di famiglia: ovviamente non si poteva trattare di un forno o una farmacia, i signori O’Sullivan gestivano una catena di sexy shop a Soho. Il campioncino inglese era già un ragazzo molto ribelle, ma sostanzialmente lo Snooker lo teneva abbastanza fuori dai guai. L’incarcerazione della signora Maria è il colpo di grazia, tutte le responsabilità sono sulle sue spalle e lui si perde in un giro di vizi. Prima la dipendenza da alcol, poi l’abuso di droghe, alla fine l’ossessione per il cibo e il giovane O’Sullivan finisce in depressione costretto a seguire delle terapie.

I problemi di Ronnie non passano ma il suo talento è trasparente come il vetro: a 18 anni, vince il suo primo torneo, gli UK Championships, diventando così il più giovane ad aver mai vinto un torneo professionistico di questo sport. Nel 1997 infila la serie perfetta più veloce della storia, 5 minuti e 20 secondi per fare 147 punti, colleghi e pubblico sono assolutamente increduli (ora capite perché “The Rocket”). Ronnie gioca divinamente e rompe anche tanti tabù: la sua personalità vulcanica e impertinente modella poco a poco uno sport così elegante da essere inavvicinabile. Esce piano piano dalle sabbie mobili con qualche piccola ricaduta che è parte del personaggio, ma comunque il suo talento è talmente grande che la sua carriera non ne risente. Campione del mondo per cinque volte, il biliardo inglese non lo deve ringraziare per questo: se questa specialità è diventata spettacolare, appetibile per televisioni e sponsor, se è diventata praticata dai giovani, tanto è merito suo. Ha rotto tutti gli schemi possibili, ha giocato non per la gloria ma per amore di questo sport e del suo pubblico. Che ve ne siate accorti o meno, che se ne sia accorto o meno, è come se O’Sullivan avesso messo il biliardo inglese nella valigetta e fosse venuto a bussarvi mentre siete in pantofole: “Salve sono Ronnie, conoscete lo Snooker?


Comments

comments

Continua a leggere

Trending