Connettiti con noi

Azzardo e piaghe sociali

I verde oro al verde

Utente

Published

on

Correva l’estate 2004 e in Grecia il popolo era ancora per le strade a fare festa. Nella vecchia Ellade, si erano appena disputate le Olimpiadi ma soprattutto la nazionale di calcio greca aveva vinto, con merito ma con altrettanta sorpresa di tutti i commentatori sportivi, i campionati Europei di calcio.

Gli amanti del football in giro per l’Europa si chiedevano che cosa fosse successo.  Nessuno si chiedeva ancora che cosa potesse accadere. Il Paese economicamente cresceva ad un tasso (il 4%) che in Italia, i governanti di allora, potevano solo che guardare con invidia. Il clima che si respirava nelle città greche era  estivo ed estatico allo stesso tempo, dove l’allegria che accompagna l’arrivo dell’estate si moltiplicava fino al raggiungere un grado di estasi totale,  che contagiava tutti dai cittadini ai governanti.

L’allora premier Costas Karamanlis, di Nuova Democrazia parlava di “nuova era per la Grecia” e guardava al futuro del suo Paese con l’ottimismo di chi ha appena vinto le elezioni e vuole lasciare un solco importante nella storia del suo popolo. Per rendere la storia un po’ più attuale si potrebbe dire che la frase “faremo la fine della Grecia” non era ancora una paura ma un’aspirazione di coloro che non essendo greci, speravano di diventarlo presto, per potere anche costoro proprio come i greci, scendere in piazza a festeggiare. Undici anni dopo, la storia è drammaticamente cambiata. Dimenticata la sbornia di Europei e Olimpiadi, la Grecia, dopo quell’estate di bagordi si è ritrovata a fare i conti con i creditori internazionali che facevano la parte dell’oste che era arrabbiato con il cliente perchè aveva bevuto troppo e non voleva pagare il conto.

E’ finita male la storia tra la Grecia e i suoi creditori e più che i bicchieri sono volati gli stracci. E quando i creditori hanno chiesto di pagare il conto i governi greci, incapaci di farlo e indebitati fino al collo, sono stati costretti a prendere per il collo i cittadini che a quel punto, sono di nuovo scesiin piazza ma questa volta a protestare. E’ stata veramente una tragedia greca, nel vero senso della parola.  E oggi c’è allora qualcuno come Il Sole 24Ore che sostiene che i problemi della Grecia, siano arrivati proprio da li: da quelle Olimpiadi scellerate di cui la Grecia poteva fare a meno.

Numeri alla mano secondo il quotidiano di Confindustria il budget di 15 miliardi di euro per finanziare le Olimpiadi greche furono l’inizio della fine, un buco contabile da cui la Grecia non si risollevò più”.  Vennero avviati imponenti programmi di ristrutturazione e costruite opere nelle principali città del Paese.  Ad Atene, la capitale, venne costruito il mastodontico centro congressi nei pressi dell’aeroporto intercontinentale EleftheriosVenizelos. Cosa resta dell’opera? Si chiedono oggi quelli deIl Sole che spieganoinoltre, comeil villaggio olimpico che era il progetto più importante (per 240 milioni di euro di investimento) resta abbandonato a se stesso come triste monumento allo sperpero di denaro pubblico”. Il proverbio che prima esisteva oggi non è più attuale: ad Atene come a Sparta piangono tutti e non ride più nessuno.

Fare la fine della Grecia”  è diventata quindi la paura di tutti quei Paesi che per un motivo o per un altro possono ritrovarsi  a fare i conti con l’oste che batte cassa. E, tra quelli che sperano di non fare la fine della Grecia, ci sono certamente i brasiliani. I quali, con anticipo rispetto ai loro “colleghi” di cittadinanza greca, erano scesi in piazza prima che i Mondiali  in Brasile venissero disputati, dato che a parer loro, i campionati del mondo, sarebbero stati uno sperpero inutile di risorse pubbliche. Chiedevano i brasiliani, che quei soldi fossero destinati ad altro: ad ospedali, scuole, sussidi per meno abbienti, insomma ad aumentare la spesa sociale dei governi  per rendere migliore la vita dei cittadini. Avevano paura  i brasiliani, che tutto questo non potesse avvenire. Oggi a distanza di un anno, i numeri ci dicono che i brasiliani avevano ragione. Quanto meno a sostenere, anche urlando nelle piazze, che i Mondiali di calcio avrebbero portato solo debiti. Certamente così è stato per alcune importanti storiche società di calcio. Qualcuno come Stefano Fonsato di Eurosport.com è arrivato allora a definire il Mondiale come “ un blando anestetico, un oppiaceo distraente” per governo e società di calcio a tal punto da arrivare al paragone tra i Mondiali di calcio in Brasile e le allora Olimpiadi greche.

La spia che si accesa riguarda lo stato delle finanze del calcio verde-oro che a quanto pare sarebbe “al verde”.  Un livello di indebitamento, quello di società come il San Paolo, che avrebbe raggiunto livelli insostenibili a tal punto da rendere necessario un intervento del governo. Il quale, avrebbe così deciso per il varo di una legge che consenta alle società indebitate di  “spalmare” il proprio debito in 20 anni. Un po’ come è successo in Italia con la Lazio, ai tempi del “lodo Lotito”, quando il presidente della Lazio riuscì, non si sa come, a trovare un accordo con l’Agenzia delle Entrate, che spalmasse i debiti fiscali della società biancoazzurra in addirittura 23 anni.

Anche in Brasile adesso, il governo sarebbe sceso in campo per aiutare le società di calcio a sistemare i propri bilanci. Ma il debito pubblico verde-oro che attualmente si aggirerebbe intorno al 66% del Pil (il rapporto più elevato tra i Paesi Brics) rischia di aumentare ancora. E se il trend fosse quello degli ultimi 5 anni, con il debito che è cresciuto di circa 150 miliardi di dollari,(alla media di 30 miliardi l’anno), i governi in futuro potrebbero essere costretti, senza una drastica opera di riduzione, a dover spendere sempre di più per pagare gli interessi.  E il prossimo anno, ci saranno anche le Olimpiadi. Si proprio loro, i giochi sportivi, che si disputavano nella Grecia antica e che per qualcuno, sono stati il male della Grecia moderna.  Tra i brasiliani allora, ci potrebbe essere anche qualcuno che conoscendo la storia, potrebbe domandarsi: faremo la fine della Grecia?

social banner

Comments

comments

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Azzardo e piaghe sociali

Messi e gli altri: l’Ormone della crescita e il rischio del Doping legalizzato

Emanuele Sabatino

Published

on

Compie oggi 31 anni Lionel Messi, il fenomeno del Barcellona che con la sua Argentina sta trovando non pochi problemi ai mondiali di Russia 2018. Ma quando parliamo della Pulce, si tira in ballo sempre il suo passato e il suo uso consentito dell’ormone della crescita. Una sostanza dopante che, in molte situazioni, è facile ottenere anche se non si è realmente affetti da deficit clinicamente accertati come nel caso dell’argentino.

Leo Messi è il primo o il secondo giocatore più forte al mondo, in base ai titoli vinti dal proprio club ed al gusto personale. Oggi però non parleremo di un suo record né di una sua giocata sensazionale ma di una cosa che da sempre mette Messi sul banco degli imputati e lo rende il prototipo perfetto del giocatore 3.0.

Flash Back. – 1998 – Leo ha talento. Infinito. Madre Natura è stata, però, maligna. Perché Leo a 11 anni é un fenomeno coi piedi ma ha un problema: non cresce. I medici del Newell’s Old Boys emettono una diagnosi che ha il sapore della sentenza: ipopituitarismo (in inglese GHD – Growth Hormone Deficit) Deficit di produzione ormonale che rallenta o, nei casi più gravi, arresta la crescita. I sintomi delle persone affette da GHD sono: piccola statura, braccia più corte rispetto al giusto rapporto proporzionale, viso sempre più giovane rispetto all’età attuale. Si può guarire facendo una cura ormonale costosissima da 750 euro al mese che la famiglia non può permettersi ma il Barcellona ovviamente sì. A questo punto bisogna introdurre e specificare la differenza tra “Doping” e “Medicina applicata allo sport”.

Il Doping é un’ alterazione delle prestazioni di un atleta, che vede la somministrazione di farmaci quando quest’ultimo non ne ha bisogno, ed ha sempre accezione negativa, la medicina applicata allo sport, invece, serve per curare malattie diagnosticate precedentemente ma a volte, con la scusa, diventa un doping camuffato o giustificato. Diciamo che ha animus positivo ma spesso é una grande zona grigia dove all’interno medici “bravi” fanno arguti giri di valzer. Messi, quando arriva a Barcellona, misura 140 cm. Oggi è 1,69. Quindi dai tredici ai venti anni è cresciuto di 29 centimetri. L’ormone della crescità aumenta la massa magra, fa perdere quella grassa, fa crescere in statura e aumenta la forza. É ovviamente bandita dall’ Agenzia Anti-Doping Mondiale, Armstrong disse che lo usava come ingrediente principale nei suoi recuperi tra una tappa e l’altra oppure Marion Jones spogliata di cinque ori olimpici e bandita dalle Olimpiadi cinesi per la positività allo stesso sono solo alcuni casi.


La sezione 46 del regolamento Anti-Doping della Fifa permette a giocatori affetti da una malattia diagnosticata di utilizzare temporaneamente sostanze inserite nella lista delle dopanti. Ma ci sono 2 lati oscuri: Messi è stato sottoposto al trattamento col GH sicuramente in età dai 13 ai 17 anni, comunicati ufficiali dello staff del Barcellona, poi silenzio radio e nessuna risposta alle richieste. Ricordiamo che questo tipo di malattia va curata per sempre. Guarda caso il silenzio radio del club è coinciso con l’inizio dei test antidoping atti a scovare proprio il GH nel 2004. Ora noi siamo felici che abbia prevalso il buon senso e ci godiamo Messi e le sue giocate, ma se ci togliamo i panni per un attimo dell’appassionato di calcio e ci mettiamo i panni di un osservatore distaccato, ci rendiamo conto che un uomo che la natura non aveva fatto per giocare a pallone ed il mondo dello sport con le sue regole ferree non avrebbe mai potuto accettarlo nel farlo gareggiare, è ad oggi uno degli uomini più titolati, riconosciuto e popolari del pianeta.

Le domande sorgono spontanee: quanti potenziali Messi affetti da GHD che non hanno avuto la fortuna di vedersi pagate le cure ormonali il mondo del calcio si è visto sfuggire? Giocatori piccoli di statura, esempio Insigne o Giovinco, che fanno fatica a competere ad alti livelli, avessero avuto la possibilità di utilizzare il GH per qualche anno avrebbero l’esplosività ed i quadricipiti di Messi? Sarebbero forti come lui? Domande su cui potremmo discutere per giorni e giorni ma che non visualizzano il pericolo più grande e cioè che la riuscita del project Messi, sta portando sempre di più padri sconsiderati, allenatori idioti e medici folli a praticare iniezioni di GH a giovani atleti (neanche c’é il test anti-doping in età inferiore) per accrescerne statura e stazza fisica così da primeggiare contro i pari età ed avere più chance di emergere nel proprio sport.

Comments

comments

Continua a leggere

Azzardo e piaghe sociali

Stati Uniti D’Azzardo: la Legalizzazione (totale) del Betting è realtà

Emanuele Sabatino

Published

on

A due giorni dal Super Bowl dello scorso febbraio, dove il gettito di denaro proveniente dalla scommesse è stimato in circa 4,8 miliardi di dollari delle quali il 97% piazzate in modo illegale rispetto alla legge americana, negli Stati Uniti si aprì la discussione sulla possibilità di legalizzare il gambling visto il grandissimo guadagno per le casse dello Stato ma non solo.

Negli States le scommesse solo legali in pochissimi posti, i più importanti: Atlantic City, Las Vegas ed i casinò all’interno delle riserve indiane. Ergo tutto il resto del giocato è piazzato attraverso allibratori che reggono il famoso picchetto.

Ma dopo la decisione della Corte Suprema del Maggio scorso, di cui parleremo in seguito, il Delaware è diventato il primo Stato in cui sarà possibile scommettere anche se ha negato la possibilità di versare alle Leghe professionistiche (come la Nba) una percentuale delle somme incassate, come invece vorrebbero quest’ultime. Anche il Mississippi si sta attrezzando e con lui il New Jersey anche se, per adesso il betting è consentito solo all’interno degli ippodromi statali e nei casinò. Per gli altri posti (come le ricevitorie) e l’online bisognerà ancora aspettare 30 giorni dall’entrata in vigore del disegno di legge. Il gettito per lo stato sarà del 9.75% per il gioco fisico e del 13% per l’online. Ad ogni modo siamo di fronte ad una svolta epocale.

PASPA INCONSTITUZIONALE

La legge americana che regola e vieta nella maggior parte dei casi il gambling è quella federale del 1992 che prende il nome di Professional and Amateur Sports Protection Act che è stata al vaglio della Corte Suprema che ne ha deciso la incostituzionalità,  aprendo un varco per la legislazione autonoma di ogni singolo stato per legalizzare il gambling.

IL BLACK FRIDAY ED IL GIRO DI VITE

Il 15 aprile 2011 il Dipartimento di Giustizia Americano fece chiudere la più grande poker room d’America e del mondo, Full Tilt Poker, poiché i suoi proprietari, tra cui il famoso matematico e pokerista Chris “Jesus” Ferguson vennero accusati di aver sottratto soldi dai conti gioco dei pokeristi e di frode bancaria e riciclaggio. Venne coinvolta anche PokerStars.com ma che con un accordo con il Dipartimento di Giustizia riuscì a riottenere il dominio e tornare in affari restituendo ovviamente i soldi sottratti ai giocatori. Questo scandalo fece si che un ferreo giro di vite venne adottato nei confronti del gambling online.

Il GRANDE BUSINESS E LA PROPOSTA NBA

La nave Mayflower partita da Plymouth nel 1620 e sbarcata in America ci ricorda che gli Americani non sono altro che inglesi ed irlandesi, entrambi popoli molto dediti al gioco d’azzardo. Uno sguardo al di qua dell’oceano ed è subito evidente quanto sia grande il business delle scommesse e quanti soldi abbiano i bookmakers tanto da sponsorizzare tantissime squadre ed addirittura dare il nome alle competizioni.  Ecco che allora, la NBA, tramite il suo commissioner Adam Silver, sentito l’odore di cambiamento ha cercato di prendere la palla al balzo. Legalizzare le scommesse sulle partite NBA ma alla lega l’1% di tutte le scommesse piazzate. Ufficialmente questi soldi, che sono stati stimanti in 2 miliardi di dollari a stagione, sarebbero secondo Silver la franchigia dovuta alla NBA per il fatto di accollarsi i rischi che portano le scommesse e per investire in tecnologie all’avanguardia per contrastare il fenomeno di puntate anomale e del match fixing.

In realtà però la NBA queste tecnologie dedite al controllo già le ha e sembra difficile che i bookmakers possano accettare una richiesta del genere. Anche perché dovesse essere accettata anche le altre leghe, NFL, NHL, MLB e MLS, si farebbero sotto chiedendo le stesse condizioni. Più probabile, invece, l’adozione del modello europeo con sponsorizzazioni e pubblicità da parte dei bookmakers sui cartelloni e sulle divise da gioco. Vedremo chi la spunterà.

LA FINE PER GLI INDIANI?

Il quarto giovedì di Novembre ogni anno gli americani celebrano il giorno del ringraziamento che storicamente è il giorno in cui gli indiani di America offrirono il tacchino ai pellegrini e gli insegnarono a coltivare e ad allevare in terreni e condizioni meteorologiche completamente diverse da quelle in cui erano abituati. Gli americani ringraziarono sterminandoli prima e rilegandoli nelle riserve poi. Uno dei core business di queste riserve è proprio il gioco d’azzardo. Essendo i casinò indiani spesso vicino alle grandi città, sono tantissimi gli scommettitori americani che portano soldi nelle loro casse. Venisse legalizzato il gioco d’azzardo in America sarebbe un bruttissimo ed inevitabile colpo per questi casinò e quindi per la sopravvivenza delle riserve e tribù indiane. Dal tacchino fino alle scommesse, un altro giorno del ringraziamento in arrivo?

 

Comments

comments

Continua a leggere

Altri Sport

Caster Semenya, il Doping e lo “sfacciato razzismo”

Emanuele Sabatino

Published

on

La IAAF, la federazione internazionale dell’atletica leggera è stata accusata di “sfacciato razzismo” da parte del governo Sudafricano, precisamente il Congresso Nazionale, per le nuove regolazioni in merito ai livelli di testosterone decise proprio dalla federazione.

Questa nuova regolazione sui livelli di testosterone è intesa verso gli atleti che hanno grandi differenze nello sviluppo sessuale. La nuova regola metterà un limite dei livelli di testosterone nelle atlete femmine che competeranno nelle distanze tra i 400m e un miglio.

Questa regola avrà un impatto notevole su Caster Semenya, campionessa mondiale e Olimpica Sudafricana degli 800 m che adesso dovrà prendere dei farmaci per abbassare i suoi livelli di testosterone e continuare a correre su queste distanze. Semenya è stata al centro di un lunghissimo dibattito sulla sua sessualità con molti sospetti che fosse ermafrodita e proprio per questo venne prima sospesa dal gareggiare e poi, dopo un test della sessualità di cui i risultati sono tuttora segreti per motivi di privacy, riammessa. Il ministro dello sport Sudafricano, Tokozile Xasa, ha descritto l’introduzione di queste nuove regole come il “Semenya Caster Regulation” proprio per limitare il dominio fisico di questa atleta rendendogli la vita più difficile.

Mentre  in Sudafrica c’è chi già intravede un apartheid sportiva, sempre Xasa continua definendo queste nuove regole come “Un doloroso ricordo del nostro passato. Un tentativo di razzismo per compiacere quel mondo di razzisti perdenti che non possono proprio accettare di vedere una donna di colore dominare il mondo. Ci rivolgeremo alla Corte di arbitraggio sportiva per far togliere questa ingiustizia razzista di mezzo.”

Gli studi all’origine di questa nuova regola sono ad opera di molti esperti in statistica, due su tutti i dottori Stephane Bermon e Pierre-Yves Garnier, hanno “dimostrato” che in alcuni eventi di atletica femminile, le atlete con più testosterone avrebbero un vantaggio tra l’1.8 ed il 4,5 % in più rispetto a quelle con livelli inferiori. Studi che sono stati spesso quantomeno discussi visto che hanno preso ad esempio poche e mirate  gare e competizioni, afferma il British Journal of Medicine, ed il sospetto che questa “ricerca” sia stata sovvenzionata da qualcuno che ha tutto l’interesse a fermare la Semenya prende sempre più piede. La IAAF ha preso la palla al balzo per farne subito una regola senza aspettare altre conferme, che forse mai arriveranno,  dal punto di vista scientifico quasi come stesse aspettando un assist del genere.

 

 

 

Comments

comments

Continua a leggere

Trending