La decisione presa di recente da Nadal, ovvero saltare la stagione indoor europea, può chiudere definitivamente un’era. Due mondi e due stili che hanno unito e diviso milioni di appassionati.

Rafael Nadal, attualmente sesto del mondo, rinunciando al master perderà parecchi punti a discapito degli inseguitori che al contrario ne acquisteranno e lo scavalcheranno. Lo spagnolo molto probabilmente occuperà la decima posizione di qui a poco. A fargli compagnia ci sarà pure Roger Federer che, attualmente ottavo, scenderà intorno alla quindicesima posizione nelle prossime settimane.

Un insieme di passaggi che potrebbero mettere fine al duello stellare tra il tanto osannato “Re” Roger Federer e il maiorchino Rafa. L’uscita dei due dominatori del tennis professionistico degli ultimi anni dalla top 8 a fine stagione, spezzerà un record storico che durava da 14 anni: precisamente dal 7 ottobre 2002, quando nè Nadal nè Federer figuravano nei primi otto posti della classifica. Occorreva scorrere fino alla posizione numero tredici per incontrare il nome dello svizzero, mentre Nadal, data la giovane età che tutt’ora ha, si era appena accostato al palcoscenico professionistico. Il 21 novembre 2016, si assisterà a questo ritorno al passato, dove appunto nè Nadal nè Federer saranno a competere nel master di fine stagione.

Gli anni successivi al 2002 fecero esplodere entrambi i giocatori, con vittorie sempre più importanti e prestigiose (2003 primo slam di Federer a Wimbledon e nel 2004 prima vittoria di Nadal sullo svizzero). I prossimi anni invece, sembrano definire conclusa la carriera di entrambi. A sentire Nadal però non sarà così. Alla recente inaugurazione della sua accademia, dove era presente anche Federer, lo spagnolo ha dichiarato: “Torneremo al top sia io che Roger”. Una dichiarazione che gli sportivi ed il mondo del tennis approverebbe in pieno perché il vuoto che lasceranno nelle prossime settimane nei piani alti della classifica Atp, sarà incolmabile.

Close