Campionati Europei di Londra. Una piscina che diventa un palco speciale. Una piscina che diventa soprattutto spettacolo ed emozione. Un bordo vasca che accoglie le fatiche delle atlete. Ed infine quella pedana da attraversare prima del tuffo. Prima della messinscena. Sincronia, determinazione, eleganza. Tutte caratteristiche presenti nelle nostre sincronette.

Occhi vivi, sorrisi accattivanti, un sogno olimpionico da portare avanti e una ennesima prova per dimostrare di meritare il successo. I risultati non si fanno attendere. Il terzo posto nella squadra tecnica con il punteggio di 88,90 è loro. Hanno scansato sia Canada che Spagna, raggiungendo un obiettivo che si erano poste. Il tutto sule note musicali di Michele Braga, “The Interstellar Synchro”.

Con la terza posizione sul podio, dietro alla fortissima Russia e l’Ucraina, il nuoto sincronizzato nostrano regala la prima gioia al medagliere italiano nella competizione continentale.

Questa grinta tante volte richiesta è finalmente uscita fuori con prepotenza. Non si può che sperare bene per il futuro.  Sarà l’allenamento adeguato di Patrizia Giallombardo, sarà la voglia di rivincita delle ragazze, fatto sta che tutto è possibile arrivati a questo punto. Ormai sono guerriere e non abbasseranno mai lo sguardo verso la loro tanto agognata meta.

Close