Venerdì sera, tutto il mondo calcistico e non solo piangeva la prematura scomparsa del giocatore della Dinamo Bucarest Patrick Ekeng, accasciatosi al suolo durante la partita del campionato romeno contro il Vitorul Constanta. A distanza di sole 24 ore, dall’altra parte del mondo, in Brasile, un’altro giocatore è stato vittima di un attacco cardiaco durante una partita di calcio amatoriale. Bernardo Ribeiro in forza alla Friburguense, 26 anni, dopo aver accusato dolori al petto, tanto da richiedere il cambio, sul finire del primo tempo, è crollato in campo colpito, anch’egli, da un arresto cardiaco. A nulla sono valsi i soccorsi all’interno dell’impianto e la corsa in ospedale.

Ribeiro, dopo aver giocato in Albania e in Australia, passando anche per l’Italia nella primavera del Catania, era tornato in patria per continuare la sua carriera da calciatore. Oltre la tragedia anche la fatalità: già in vacanza, avendo terminato il campionato Carioca, Ribeiro non avrebbe dovuto partecipare alla partita a causa del compleanno del padre. Lo spostamento della celebrazione, ha portato il calciatore a prendere la decisione di prendere parte al match.

Close