Voglia di socialità e aggregazione, impegno civico e ribellione al calcio dei miliardi, forme diverse con cui quartieri e cittadine rispondono all’esigenza di ritrovare lo spirito di comunità nel proprio club di calcio dando vita a società sportive autogestite e partecipate.

In questo solco sono molteplici le piccole realtà che in questi anni hanno preso sempre più piede nel calcio dilettantistico italiano, su questo spazio in passato si è parlato di Atletico San Lorenzo, Ideale Bari, del Centro Storico Lebowsky, Cava United o dell’US Fasano ma sono molti altri i contesti dove sono emerse realtà che a loro modo hanno dato una risposta a questa esigenza di un calcio diverso, non mezzo per profitto ma strumento di partecipazione e aggregazione.

Piccole isole dove respirare un’aria diversa dove da questa estate si è aggiunta una nuova realtà di calcio popolare nel quartiere romano Prenestino, l’ASD Villa Gordiani. Un percorso che parte qualche anno fa, come ci raccontano i promotori del progetto nell’intervista, con la mobilitazione dei ragazzi della comunità locale per il recupero del Campo di Villa Gordiani per la sua restituzione al pubblico, fino al passo successivo della creazione di una realtà sportiva votata alla promozione della partecipazione e dei valori sociali del calcio.

La vostra nuova realtà arriva da un percorso che avete intrapreso da qualche tempo, potete illustrarci come siete giunti a questo passo?

Il tutto è cominciato dalla nostra volontà di recuperare il campo di quartiere, da tempo abbandonato, e di dimostrare che un altro modello di calcio e di società (solidale e non di speculazione) fosse possibile. Da qui le prime assemblee, in pochissimi, fino ad oggi: società costituita, giocatori presenti, iscrizione al campionato effettuata e, soprattutto, un interesse che cresce giorno dopo giorno.

Il tema del recupero del campo non è ancora giunto ad una soluzione definitiva, quale è lo stato della situazione? E quali le prossime iniziative per portare a compimento la restituzione alla vostra comunità?

Il campo risulta attualmente, secondo le diciture “ufficiali”, abusivo e di conseguenza non fruibile assolutamente per una società calcistica che si dà l’obiettivo di affrontare un campionato di qualsiasi categoria. L’impegno che abbiamo profuso nel campo è tantissimo e, soprattutto per chi conosce la situazione di un paio d’anni fa, siamo quasi in dirittura d’arrivo. Lì abbiamo già fatto proiezioni di film/partite, feste e quant’altro. La restituzione è in parte già avvenuta, visto che gli scarpini dei nostri giocatori, e non solo quelli, possono solcare il campo per allenarsi; quello che vogliamo davvero, e in cui ci impegneremo quest’anno, è la restituzione “ufficiale” dello spazio alla società (e di conseguenza al quartiere), in modo da renderlo omologabile per poter giocare lì il campionato. L’iniziativa più importante che stiamo costruendo consiste nella preparazione di un progetto, curato da architetti, da presentare al V Municipio, proprietario del Campo, per richiederne l’assegnazione.

Vi sentite un club ribelle dal ”calcio moderno”, fattore che spesso sta accompagnando il calcio popolare, o vi muove una precisa volontà di rivitalizzare il vostro quartiere?

Crediamo di essere ribelli del calcio moderno, certo, ma allo stesso tempo vogliamo restituire uno spazio al quartiere. Anzi siamo profondamente convinti che il calcio moderno sia devoto solo e soltanto alle leggi del profitto, e quindi sicuramente lontano da un quartiere, una borgata quale è Villa Gordiani. In questo senso essere ribelli nei confronti del calcio moderno ci permette anche di rivitalizzare il nostro quartiere (sicuramente, come tutti gli altri quartieri popolari, mai considerato dal calcio moderno, se non come possibilità di profitto).

Il ‘calcio popolare’ ha visto una rapida ascesa in questi ultimi anni, quale è la vostra ‘idea’ di sport? Quali saranno gli ideali che guideranno la vostra avventura?

L’idea che abbiamo di sport è semplice, anche se forse poco comune ormai: solidarietà, rispetto dell’altro e dell’altra, competizione e grinta ma sempre nell’ottica di non dover demonizzare od odiare l’avversario. E, come detto, siamo totalmente fuori dalle logiche del profitto, che ormai dominano qualsiasi ambito sportivo.

Il successo e la partecipazione ad iniziative come la vostra passano necessariamente dalla creazione di un’identità unica e attraverso la presa di coscienza sempre più ampia della vostra base che ”un altro calcio è possibile”. Avete in mente come procedere in questo senso, come far aumentare la consapevolezza?

Questo aspetto è importantissimo: prima di fondare la nostra società e di iscriverci al campionato abbiamo fatto tanto, dai volantinaggi, agli striscioni, ai banchetti in piazza, al semplice discutere con le persone, come anche alla pagina facebook (Asd Villa Gordiani), che invitiamo tutti-e a visitare. Fin dai nostri albori volevamo essere un progetto del quartiere (“dal quartiere, per il quartiere, con il quartiere” recita uno dei nostri slogan) e in questo senso ci siamo sempre impegnati per farci conoscere, comprendere e infine apprezzare. Di recente la consapevolezza sta aumentando, anche e soprattutto grazie alla presenza fisica di una squadra, di un mister e di una società, i quali, forse purtroppo, hanno molta più credibilità dell’idea di fare la squadra. Che un altro calcio sia possibile lo stiamo dimostrando.

C’è qualche realtà affine alla vostra che vi ha ispirato nel lanciarvi in questa avventura? Delle squadre in attività quale vi ha colpito di più e per quali aspetti?

Ovviamente sì: anche, e non solo, a causa delle innumerevoli difficoltà incontrate abbiamo costantemente guardato agli progetti di calcio popolare che conosciamo. Data la vicinanza, abbiamo guardato molto all’Atletico San Lorenzo, ma le realtà sono tante e tutte interessanti: lo Spartak Lecce, il Lebowsky a Firenze, il QuartoGrad di Quarto. Tra tutte, probabilmente quelle che ci colpiscono di più sono l’Atletico, perché sta riuscendo a costruire un’importante polisportiva, e il Lebowski: quest’ultima sta piano piano dimostrando un’efficienza che è sempre stato uno dei problemi posti rispetto al calcio popolare, e i risultati si vedono nella costituzione del settore giovanile, sul campo sportivo e nelle due sagre che recentemente hanno organizzato. Per sintetizzare in poche parole: ciò che ci colpisce è la capacità di tutte queste società di costruire una comunità attorno a una cosa molto semplice come il gioco del calcio.

Per quanto riguarda l’organizzazione come sarà condotta la nuova società? Come potrà il pubblico contribuire sia nel sostentamento sia nell’organizzazione delle attività condivise?

Ovviamente la creazione di una società comporta delle cariche, ma ci teniamo a precisare il fatto che la società è del tutto gestita in maniera orizzontale e trasparente. Difatti il nostro appuntamento settimanale in assemblea è stato condiviso pubblicamente svariate volte e l’invito a partecipare è sempre valido. Oltre che con un eventuale donazione, anche sulla campagna online di raccolta fondi, di cui parleremo dopo, si può sostenere la squadra partecipando all’azionariato popolare: con 10 euro (cifra ovviamente simbolica e di sostegno) si può diventare soci dell’Asd Villa Gordiani e si riceve la tessera della società.

Avete lanciato di recente una campagna di crowdfunding potete illustraci qualche dettaglio in più?

Come dicevamo prima è partita online una campagna di raccolta fondi a sostegno della società: questa necessità nasce dal dover affrontare innumerevoli spese per sostenere il campionato, le quali sono tutte presenti ed elencate nel sito della raccolta fondi. È bene precisare che anche per questa campagna abbiamo mantenuto una totale trasparenza, poiché crediamo che tutti i soci, i curiosi, tutti coloro che si interessano debbano avere la possibilità di conoscere ogni singolo aspetto della gestione della società, la certezza che i soldi con cui hanno contribuito vengano spesi per l’Associazione e per gli obiettivi che questa ha dichiarato.

Il dettaglio che più ci preme sottolineare è questo: abbiamo messo come obiettivo i 5mila euro, che sono necessari a farci svolgere con tranquillità questa prima stagione, ma non saranno sicuramente sufficienti per il ripristino del Campo comunale; stiamo cercando di andare per gradi e 5mila euro non è una quota facile da raggiungere, ma speriamo che con il contributo, anche piccolo, di tanti e tante riusciremo in questa sfida.(LINK alla campagna)

Quali squadre metterete in campo per questo primo anno di lancio? Sono previste selezioni giovanili, anche nel prossimo futuro?

Attualmente ci stiamo preparando per il campionato di Terza categoria, con una squadra che si è formata dopo alcune sedute di selezioni, che abbiamo reso pubbliche e alla quali abbiamo invitato chiunque volesse partecipare. Il nostro obiettivo è anche quello di rendere il calcio accessibile e questo vogliamo farlo creando anche una scuola calcio, in futuro, senza i prezzi esorbitanti delle società di calcio canoniche. Potremmo in futuro divenire una polisportiva, chissà, ma preferiamo non mettere il carro davanti ai buoi.

Calcio popolare vuole dire molto impegno della comunità nel sostenere le attività del club, avete in mente attività che andranno al di là degli eventi sportivi?

Certo: come già detto ci siamo impegnati in feste, proiezioni e non solo, al campo e fuori. La nostra idea è coinvolgere a pieno il quartiere e questo lo vogliamo fare anche con concerti, cene, aperitivi e feste popolari all’interno del Campo.

Per chiudere, quale è il vostro messaggio per la città e per i ‘ribelli’ che credono che il calcio possa tornare ad essere lo sport del popolo?

Crediamo fermamente che tutto possa essere del popolo, se il popolo stesso ha veramente intenzione di riprenderselo. Di conseguenza il nostro messaggio è che il calcio possa tornare a essere lo sport del popolo, fuori dalle logiche di profitto di quelle che ormai non sono più società calcistiche, ma multinazionali. Ai ribelli diciamo che tutto può essere riconquistato; noi, per ora, abbiamo scelto il calcio e un campo di quartiere abbandonato su cui far vivere il nostro modello di calcio.

Ci vediamo al campo!!!

Forza ASD Villa Gordiani!

Close