Un velo hi-tech per una rivoluzione culturale delle sportive islamiche

Un velo hi-tech per una rivoluzione culturale delle sportive islamiche

“L’importante non è vincere ma partecipare” è la frase simbolo dei Giochi olimpici pronunciata dal suo fondatore Pierre De Coubertin, il quale però decise anche che la partecipazione delle donne alla competizione ateniese (parliamo del 1896) fosse “poco pratica, poco interessante, antiestetica se non addirittura scorretta”.

Per fortuna il tempo passa, le cose cambiano e nell’arco di due secoli molto è mutato: la partecipazione delle atlete alle competizioni sportive di ogni livello, è elevata se non superiore a quella maschile. Ma è per tutte e in tutti gli stati così, oggi nel 2017?

In realtà no: per le donne atlete islamiche che vogliono partecipare ai Giochi Olimpici, alcuni problemi continuano a sussistere se si pensa che fino a 10 anni fa Arabia Saudita, Brunei e Qatar non consentivano alle donne di partecipare alla gare olimpiche.

Solo a Londra 2012 per la prima volta ogni paese ebbe la sua delegazione femminile non privo di problemi e contestazioni soprattutto per l’Arabia Saudita, ultimo baluardo islamico a cedere con Wodjan Shaherkani.



Per la judoka infatti la Federazione Internazionale di judo si oppose alla partecipazione ai Giochi di Londra sostenendo che questo sport prevedesse particolari mosse di strangolamento in cui l’utilizzo dello hijab potesse essere pericoloso. Le contrattazioni con il Cio (Comitato internazionale olimpico) hanno portato al compromesso: Wodjan salì sul tatami con lo hijab; prima atleta dell’Arabia Saudita a partecipare a una Olimpiade. A Rio 2016, altro “muro”  abbattuto: Ibtihaj Muhammad è stata la prima schermista del team Usa a partecipare ai Giochi olimpici con il velo.

Un processo continuo e costante al quale si aggiunge un aspetto altrettanto importante: l’abbigliamento. Finora la scelta delle atlete musulmane cadeva sul cotone che, da un lato assorbiva l’acqua, dall’altro lasciava la testa bagnata quando si iniziava a sudare.

1030980_1_0308-nike-hijab_standard

In quest’ottica un salto di qualità l’ha fatto la Nike con la linea a loro dedicata dal nome Pro Hijab, il copricapo per le atlete musulmane in poliestere leggero e traspirante, realizzato seguendo le indicazioni di Amna Haddad (sollevamento pesi) e Zahra Lari (pattinatrice sul ghiaccio). Un prodotto che è in commercio da pochi giorni, in tempo per le imminenti Olimpiadi invernali del 2018 in Corea del Sud.

Una scelta importante per la casa di abbigliamento sportivo che vuole rendere ancora più chiaro il concetto di inclusione e partecipazione insito nello sport e, al contempo, garantire la reale parità di genere nelle pratiche sportive.

Siamo alle porte di una rivoluzione per lo sport e le donne?

Il futuro del Futsal è sempre più rosa: intervista a Giorgia Vianale, capitano dell’Italia Under 17

Il futuro del Futsal è sempre più rosa: intervista a Giorgia Vianale, capitano dell’Italia Under 17

Quando si dice essere al posto giusto nel momento giusto. E’ quello che è successo a fine giugno a Giorgia Vianale (classe 2001) dell’Asd Pescara Femminile calcio a 5: alla prima esperienza con la maglia azzurra dell’Under 17, fascia di capitano e trionfo nel torneo Uefa di Campobasso.

Pescara e l’Abruzzo hanno accolto con grande soddisfazione questo doppio risultato (convocazione/vittoria) non solo perché Giorgia è l’unica rappresentante abruzzese nel team azzurro ma soprattutto perché nel capoluogo adriatico il futsal è arrivato a livelli di visibilità molto elevati.

Abbiamo approfittato dell’occasione per chiedere a Giorgia Vianale qualcosa in più in merito a questo momento per lei davvero prezioso.

A quale età i primi calci a un pallone?

Ho iniziato scuola calcio ad 8 anni con il Pescara a 11 e dopo aver giocato insieme ai ragazzi per due anni sono passata al calcio a 5 femminile”.

Perché la scelta è caduta sul calcio a 5?

“Nel centro sportivo, dove mi allenavo con i maschi, c’era il mister Blasetti (che mi allena tutt’ora nell’Under 18 del Pescara) che allenava una squadra femminile e mi ha chiesto se volevo andare a giocare con la sua squadra. Così, all’età di 10 anni ho iniziato a giocare a 5”.

Ti accostano a Marco Verratti, altro talento made Abruzzo, quali doti calcistiche vi accomunano secondo te?

“È una bella cosa essere accostata a Marco Verratti anche perché e il mio idolo ma non penso di avere le sue capacità tecniche”.

La maglia azzurra e la fascia di capitano dell’Under 17. Raccontaci le tue emozioni.

“È stata una bellissima esperienza, si è creato un bellissimo gruppo che, secondo me, è stato la chiave per raggiungere la vittoria del torneo”.

Che futuro ha l’azzurro del Futsal femminile?

A Campobasso abbiamo avuto una grande cornice di pubblico che ci ha spinto partita dopo partita. Spero che sia cosi per tutti gli eventi che verranno anche perché è uno sport che sta acquisendo grande importanza”.

E Pescara invece è sempre più innamorata di questo sport

“Pescara, negli ultimi anni con il calcio a 5 ha cavalcato importanti palcoscenici ed è veramente emozionante vedere il palazzetto quasi pieno in ogni partita”.

Che stagione è stata quella della tua squadra, l’Asd Femminile Pescara?

“È stato un anno in cui ho avuto la fortuna di allenarmi con giocatrici di alto livello, dalle quali ho imparato molto nonostante abbia giocato solamente una partita. Con l’Under 18 siamo riuscite a raggiungere le Final eight ma purtroppo siamo state eliminate al primo turno”.

Da grande cosa sogna di fare e diventare Giorgia?

“Spero di arrivare più in alto possibile nel calcio ma sogno di avere successo anche nella mia vita privata”.

Ti aspettavi tutta questa popolarità dopo la gara con l’Under 17?

“Sinceramente no, ne sono lusingata”.

La Pedalata della Solidarietà: la nazionale paralimpica di ciclismo dona speranza nelle scuole

La Pedalata della Solidarietà: la nazionale paralimpica di ciclismo dona speranza nelle scuole

La Nazionale italiana di ciclismo paralimpico sarà in ritiro a Pescara dal 5 all’11 giugno. Un momento importante per il capoluogo adriatico vissuto all’interno del progetto “Solidarietà fa sport” avviato a gennaio per concludersi il prossimo dicembre.

“Si tratta di un progetto annuale – afferma l’assessore alle Politiche sociali del Comune di Pescara Antonella Allegrinofinalizzato a svolgere attività di sensibilizzazione verso le varie forme di disabilità. Con 19 associazioni siamo entrati nelle scuole e, ad ora, abbiamo coinvolto 2.500 alunni, 110 classi e svolto 50 giornate di interventi. L’11 giugno prossimo si concluderà il primo semestre di Solidarietà fa sport con la Pedalata della solidarietà che vedrà la partecipazione di alcuni campioni del ciclismo paralimpico tra cui il nostro Pierpaolo Addesi”.

Iogiocopulito_ciclismo_paralimpico_pescara

“Quello nelle scuole è stato un percorso davvero importante – afferma l’atleta paralimpico abruzzese Pierpaolo AddesiIo da piccolo non ho mai avuto l’opportunità di conoscere, in classe, personaggi che potessero aiutarmi ad andare avanti, ad avere uno spunto. Oggi invece, con tale progetto i ragazzi hanno visto che dalle difficoltà si può trarre qualcosa di positivo. E’ bello aver lasciato un esempio, un messaggio di speranza. Ci tengo a dire che, quella di Pescara sarà una settimana importante anche sotto il profilo sportivo perché il mister Mario Valentini avrà modo di provare nuove leve in vista della terza prova di Coppa del Mondo e dei Campionati in Sud Africa di fine agosto. Sarà dunque l’occasione per tanti di provare nuovi mezzi; in questo senso ricevo tanti messaggi, anche sui social, per conoscere e sapere e invito tutti a venire per valutare il mezzo più idoneo alla propria disabilità”.

“E’ un onore collaborare con il Comune di Pescara – le dichiarazioni del presidente regionale della Federazione ciclistica italiana Mauro Marrone Gli aspetti sociali sono molto importanti per questi ragazzi che, ogni volta che vengono in Abruzzo, entrano nelle scuole a portare messaggi che lasciano il segno. La Nazionale è ricca di atleti di un certo calibro agonistico che dimostrano come il lavoro e l’impegno pagano sempre”.

“E’ un onore avere Pierpaolo Addesi tra le file della Nazionale – dice Antonio Menicucci, responsabile regionale del ciclismo paralimpico – C’è un legame profondo tra questi atleti e la società civile perché donano speranza. Spero d vederli sempre più spesso nel nostro Abruzzo”.

Domenica 11 il ritiro si concluderà con la Pedalata, un percorso di circa 10 km lungo le arterie principali della città. Una giornata aperta a grandi e piccoli con la partecipazione straordinaria degli atleti azzurri del ciclismo paralimpico.

Simone Merli, Assessore allo Sport di Ferrara: “Vi racconto l’impresa della nostra Spal”

Simone Merli, Assessore allo Sport di Ferrara: “Vi racconto l’impresa della nostra Spal”

In occasione della storica promozione in Serie A della Spal, abbiamo intervistato l’Assessore allo Sport di Ferrara, Simone Merli, che ci ha raccontato l’impresa della squadra biancoazzurra.

Dopo 49 anni si torna in Serie A. Come ha vissuto la città questa avvincente stagione?

“La città sono due anni che vive una riscossa calcistica. prima la B dopo 23 anni, ora la A dopo 49. E’ da mesi una città in cui in ogni dialogo compare la voce ‘Spal’. C’è stato un crescendo continuo di pubblico, i locali in cui venivano trasmesse le partite, erano felicemente assaltati… Insomma, certamente una situazione di grande positività che ha contaminato anche diversi di coloro che mai si erano avvicinati al calcio e alla Spal. Un clima gioioso che ha aiutato e sta aiutando tutta la comunità”.

Di quella formazione che 49 anni fa arrivò nella massima serie, ne ha sentito parlare?

Ho 38 anni, non posso aver ricordi diretti se non quelli raccontati dai miei amici e famigliari più anziani. Ma non avendoli vissuti ammetto d’essere poco indicato nel raccontarli!”.

A livello di impiantistica, lo stadio Mazza è pronto?

“Il Paolo Mazza ha avuto un primo adeguamento in deroga lo scorso anno che ha portato la capienza ad 8.500 spettatori. Tra fine mese e i primissimi di giugno inizieranno i lavori per un ampliamento in deroga a 12.500 e in caso di permanenza in Serie A, il prossimo anno lo porteremo a 16mila spettatori”.

L’amministrazione comunale ha già deciso festeggiamenti e/o celebrazioni ufficiali?

“Le feste principali sono già state fatte… Nei prossimi giorni ci sarà il conferimento ufficiale in consiglio comunale di un riconoscimento da parte dell’amministrazione comunale”.

Con la Serie A Ferrara si appresta a ricevere squadre come Milan, Inter, Napoli, Roma, Juventus etc. Il suo assessorato avrà un gran lavoro di accoglienza da fare.

“Sarà un bell’impegno per tutti i settori della città, pubblici e privati ma sicuramente avvincenti e, sono certo, soddisfacenti”.

Secondo lei, a chi il merito di questa storica promozione?

“Va alla proprietà che ha investito, ci ha creduto senza però mai fare un passo più lungo della gamba; va al presidente che con determinazione non hai mollato su nulla, è stato ovunque, ha dato schiaffoni quando servivano e carezze se meritate; al Direttore sportivo che ha saputo scegliere giocatori e uomini con voglia di far bene e con grandi capacità tecniche e umane; al mister e i suoi collaboratori, che hanno guidato con competenza, tenacia, fiducia, passione un gruppo di atleti; ai giocatori che non hanno solo vinto in campo: hanno creato un gruppo meraviglioso, che sta bene assieme, che lotta, che si sostiene sempre e comunque, e che si è perfettamente inserito nel tessuto sociale ferrarese con semplicità e sensibilità; ai tifosi che hanno sostenuto sempre la squadra, in casa e in trasferta, sempre, senza far mai mancare il loro affetto; infine, un po’ anche a noi, all’amministrazione, che ci ha creduto da subito, dal 2013 quando il sindaco Tagliani chiamò la famiglia Colombarini chiedendo loro di prendere la Spal: mai scelta fu più azzeccata! Inoltre a quello che, con le fatiche dei bilanci pubblici di questi anni, stiamo cercando di fare per intervenire in modo sostanziale sul rifacimento dello stadio”.

Calcio Femminile: quando le ragazze ci insegnano a lottare

Calcio Femminile: quando le ragazze ci insegnano a lottare

Anche per il calcio femminile siamo quasi agli sgoccioli e già sono stati emanati i primi verdetti che vedono il Sassuolo salire in Serie A, il Chieti tornare in B e il Pescara guadagnare la salvezza nella serie cadetta. Di questo traguardo abbiamo parlato con una delle protagoniste: la centrocampista biancazzurra Melania Colantonio.

Melania, che sapore ha questa salvezza?

“La salvezza per me ha un sapore incredibile. Abbiamo lottato fino alla fine e ce l’abbiamo fatta. Svegliarsi questa mattina con il sapore della salvezza addosso è stato fantastico”.

La gara più difficile della stagione?

“La partita più difficile è stata quella con il Padova C.F. Venivo da un infortunio al piede e non ho potuto dare il mio contributo totalmente. Abbiamo perso 2-0 e creato numerose palle goal, troppe. Sono entrata nel secondo tempo, ho messo il cuore in tasca e pedalavo sulla fascia, ma non è bastato”.

Quali i punti di forza della squadra?

“I punti di forza della nostra squadra sono stati il gruppo unito, passionale, semplicemente fantastico. L’umiltà, il carattere, il fatto che non abbiamo mai mollato, il lavoro; allenarsi duramente per migliorarsi”.

Dove si può o si deve migliorare per il prossimo anno?

“Per il prossimo anno sicuramente avremo già dodici mesi di esperienza alle spalle nella serie B nazionale e ciò farà si che certi errori che abbiamo commesso non si ripeteranno. Cercheremo di impegnarci di più, continuando il lavoro che abbiamo fatto fino a qui”.

Perchè Melania ha scelto il calcio come sport?

“Ho scelto il calcio da quando ero una bambina. Avevo 6 anni, e il calcio mi ha sempre entusiasmata, emozionata. Quando ho un pallone tra i piedi il tempo passa in un secondo”.

Da grande Melania sarà…

“Da grande vorrei fare la calciatrice e portare sempre più in alto la maglia del Pescara che è la mia seconda pelle. In bocca al lupo a tutte noi”.

 

Close