Giacinto Festival: la terza edizione della rassegna per la cultura LGBT

Giacinto Festival: la terza edizione della rassegna per la cultura LGBT

Torna l’evento più atteso dell’estate, il “GIACINTO – NATURE LGBT”, festival di informazione sulla cultura omotransessuale, la cui Direzione artistica è affidata all’attore Luigi Tabita. Tra i protagonisti di questa edizione: la madrina dell’evento Eva Grimaldi, il giornalista Alessandro Cecchi Paone ed il comico di Colorado Daniele Gattano.

Dopo il grande successo delle scorse edizioni, ritorna, sabato 5 e domenica 6 agosto, nella splendida cornice di Noto, il festival di informazione e approfondimento culturale “Giacinto-nature lgbt”.

Il festival,  ideato e diretto dall’attore ed operatore culturale Luigi Tabita, da sempre in prima linea nelle lotte per i diritti civili e pari opportunità, prevede due giorni di lavori durante i quali, attraverso l’utilizzo di linguaggi differenti, si racconteranno le realtà e i nodi che più interessano la comunità LGBT (Lesbiche, Gay, Bisessuali, Transessuali).

Il festival è patrocinato dal Senato della Repubblica e dalla Camera dei Deputati  perché è stato riconosciuto “come evento culturale volto a valorizzare il rispetto delle differenze ed a contrastare le discriminazioni”.

«Tanti gli ospiti e i temi di questa terza edizione– afferma il Direttore artistico -. Cercheremo di raccontare uno degli orientamenti sessuali che ancora oggi appare difficile da comprendere e che rimane fortemente nell’ombra, imbrigliato tra pregiudizi e stereotipi socio-culturali, ovvero la bisessualità: affronteremo il tema della sessualità e disabilità, specialmente delle persone omo-bi-transessuali, che ancora scandalizza molti e che è materia di un disegno di legge, discuteremo – continua – sulla necessità di una legge contro l’omotransfobia in risposta agli episodi violenti che le cronache ogni giorno ci raccontano».

Madrina della manifestazione sarà Eva Grimaldi, attrice amata dal grande pubblico che, nel bel mezzo della sua carriera artistica, ha deciso di vivere pubblicamente un amore omosessuale sfidando pregiudizi e tabù.

Anche quest’anno il festival vivrà nel raffinato cortile dell’ex Convitto Ragusa, contaminando il centro storico di Noto con varie iniziative. Una terza edizione ricca di mostre, documentari ed incontri con ospiti di eccezione del mondo della cultura,  della politica e dello spettacolo.

Partner della manifestazione:  Gay Statale, Arcigay, Stonewall, Queers, TryChanging, Agedo, Lila, Amnesty International, Disability Pride, Mo.V.I.S.

Media partner GAY.it

 

PROGRAMMA

SABATO 5 AGOSTO

 H.18.30:  CERCANDO IL PARADISO PERDUTO – Quarant’anni (e passa) in movimento

Inaugurazione della preziosa mostra fotografica dell’artista Giovanni Rodella sul movimento

omosessuale italiano dagli anni ’70 ad oggi.

Sala Dante – Teatro Tina di Lorenzo

 H.19.00:  #ètempodilegge 

Un momento di confronto, con personalità del mondo delle Istituzioni e dell’attivismo LGBT, sull’urgenza di una legge contro l’omotransfobia.

Saranno presenti:

Sen.Giuseppe Lumia – Commissione Giustizia del Senato della Repubblica

Salvatore Ferro – Vicepresidente dell’Associazione AGEDO Catania

Armando Caravini – Presidente Arcigay Siracusa

Tiziana Biondi – Presidente Associazione Stonewall GLBT

Daniela Dominici – Insegnante

Teresa Manes – Presidente Associazione Italiana Prevenzione Bullismo, che per l’occasione presenterà il libro “Andrea, oltre il pantalone rosa”, dedicato al figlio che nel 2012 si tolse la vita perche vittima di bullismo

– Cortile ex Convitto Ragusa

 21:30 “HAPPY & GAY”

Corto di animazione canadese pluripremiato nel mondo, scritto e diretto da Lorelei Pepi. Rivisitando i fumetti musicali anni ‘30, Pepi muove una forte critica agli stereotipi  sociali e religiosi sulla diversità.

-Cortile ex Convitto Ragusa

H.22:00  B-STORY

La bisessualità è tra gli orientamenti sessuali quello che ancor oggi stenta ad avere il giusto riconoscimento.  Affronteremo il tema con il Prof. Giuseppe Burgio, professore associato di pedagogia generale e sociale Università “Kore” di Enna,Vicedirettore del CIRQUE e con l’attrice

Eva Grimaldi.

Cortile ex Convitto Ragusa

INCURSIONI curate dal Lab – Oratorio Teatrale Sacro Cuore

DOMENICA 6 AGOSTO

CERCANDO IL PARADISO PERDUTO – Quarant’anni (e passa) in movimento

Mostra fotografica dell’artista Giovanni Rodella sul movimento omosessuale italiano

dagli anni ’70 ad oggi.

Sala Dante – Teatro Tina di Lorenzo

18:00 IDENTITY

L’artista-designer di origine rumena Saul Steinberg in un’intervista del 1967 parla della maschera come un rivelatore del carattere, della funzione o della classe che una persona riveste nella società. La maschera cela la propria identità dall’altro, secondo il pensiero antropologico, ma è anche lo strumento in grado di mettere in contatto la propria identità con l’alterità che emerge grazie al suo utilizzo. In un percorso creativo, prima laboratoriale e poi performativo, l’artista Barbara Boiocchi, offrirà la possibilità di esplorare altri noi.

Cortile ex Convitto Ragusa

 H.20.00 GILBERT’S RAINBOW

Le associazioni lgbt invaderanno le strade principali della città con animazioni, flash-mob e con una travolgente onda rainbow per ricordare la recente scomparsa  di Gilbert Baker ideatore della bandiera arcobaleno, icona della comunità lgbt.

H.21.00 NON SIAMO ANGELI

Il comico Daniele Gattano,  volto di Colorado, ci racconterà con la sua mordace ironia il mondo omosessuale e presenterà il progetto video sul tema sesso e disabilità lgbt.

Interverrà Carmelo Comisi, ideatore e Presidente del Disability Pride Italia.

Cortile ex Convitto Ragusa

H.22.00 NE AVETE FINOCCHI IN CASA

Il collettivo studentesco Gay Statale dell’Università di Milano presenta un documentario sul modo in cui il cinema italiano degli anni ’70 ha raffigurato i gay e le lesbiche influenzando l’immaginario collettivo sino ai nostri giorni. Dopo la proiezione incontro con il regista Andrea Meroni e con il giornalista Alessandro Cecchi Paone

-Cortile ex Convitto Ragusa

 NOTIZIE UTILI

Mostra: da giorno 5 agosto al 6 agosto 10:00 – 13:00 e 17:00 – 24:00. Ingresso gratuito.

Mail at giacintofestival@gmail.com

TaoFilmFest e Fiumara d’Arte insieme per l’anteprima straordinaria delle Rocce di Capo Mazzarò

TaoFilmFest e Fiumara d’Arte insieme per l’anteprima straordinaria delle Rocce di Capo Mazzarò

Sabato 8 luglio l’articolato programma della Notte del Cinema prenderà avvio alle 18 nello splendido Villaggio Le Rocce con la rinnovata mostra Taormina Cinema a cura di Ninni Panzera. L’incontro tra Taormina Arte e la Fondazione Fiumara d’Arte – che da mesi sta lavorando per riportare alla vita questo paradiso perduto con il valore etico che caratterizza le scelte del mecenate messinese Antonio Presti – rappresenta un dono per l’intera cittadinanza taorminese, privata per oltre mezzo secolo della fruizione di uno dei luoghi più incantevoli della Sicilia. Un omaggio nel solco della “Devozione alla Bellezza”, mantra di Presti già concretizzato nelle esperienze di Librino e dei comuni della Valle dell’Halaesa, resi oramai un museo a cielo aperto ammirato da visitatori provenienti da tutta Europa. “L’apertura straordinaria delle Rocce può rappresentare il valore aggiunto ad un Festival allestito con abnegazione e grande spirito di sacrificio – afferma Presti – Volevo fortemente rievocare il rapporto tra questo luogo e la sua vocazione cinematografica: per tutti gli anni ‘60 le Rocce furono meta privilegiata di stelle del calibro di Liz Taylor o Cary Grant, il Villaggio di Capo Mazzarò era la punta di diamante dell’intero sistema turistico taorminese. La Notte del Cinema sarà tuttavia solo il preludio all’inaugurazione ufficiale già programmata per il prossimo 27 luglio: un nuovo percorso di Bellezza è pronto a coinvolgere Taormina e i comuni limitrofi in una rigenerazione che punta a far convergere sull’intero territorio le maggiori esperienze artistiche nazionali ed internazionali”.

Taormina Cinema, che ha già avuto un grande successo di pubblico nelle precedenti location, è una mostra fotografica dove ogni immagine, cimelio, premio o articolo di giornale rievoca i volti, gli eventi e la storia di un festival nel suo rapporto con la città che lo ha accolto e amato. Il percorso allestito all’interno delle Rocce guiderà il visitatore alla scoperta dell’evoluzione culturale e sociale di una rassegna nata nel 1955 a Messina. A Capo Mazzarò si potrà dunque ammirare la storia di quel set cinematografico naturale che è stato per anni Taormina,  incantevole scenario di film passati direttamente alla storia della cinematografia mondiale a firma di maestri come Michelangelo Antonioni, Woody Allen,  Luc Besson, Francis Ford Coppola e Roberto Benigni.

 

Al via l’edizione numero 63 del Taormina Film Festival. Grande attesa per Isabella Ragonese e per i registi di “Sicilian ghost”: Fabio Grassadonia e Antonio Piazza

Al via l’edizione numero 63 del Taormina Film Festival. Grande attesa per Isabella Ragonese e per i registi di “Sicilian ghost”: Fabio Grassadonia e Antonio Piazza

Il Taormina FilmFest spegne 63 candeline con una veste rinnovata, una maratona di cinema nazionale ed internazionale che punterà alla qualità e all’impegno sociale e culturale, con quattro importanti Master Class, sei film in anteprima nazionale, proiezioni di documentari patrimonio della cultura siciliana e presenze di grande spessore artistico. Tre le locations principali, Palazzo dei Congressi, Cinema Olimpia e Villa Comunale che diverranno ben dieci per la Notte del Cinema. Leitmotiv del festival 2017 contaminazioni tra le arti: cinema, musica, teatro, opera lirica, letteratura si incontrano, si intrecciano. Alla conferenza stampa sono presenti Anthony Barbagallo, Assessore al Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Siciliana, Eligio Giardina, Sindaco di Taormina, Renato Accorinti, Sindaco di Messina e della Città Metropolitana di Messina, Pietro Di Miceli Commissario della Fondazione Taormina Arte Sicilia, Alessandro Rais direttore dell’Ufficio Speciale per il Cinema e l’Audiovisivo della Regione Siciliana / Sicilia Film Commission, insieme al gruppo di lavoro composto da Ninni Panzera (coordinatore), Sino Caracappa e Paolo Signorelli, questi ultimi in rappresentanza dell’ANEC (Associazione Nazionale Esercenti Cinematografici).

Le Master class, fiore all’occhiello del festival, si svolgeranno al Palazzo dei Congressi (Sala A), precedute dalla proiezione di un film e dove protagonisti assoluti saranno i giovani. S’inaugura la sezione il 7 luglio Master Class dedicata a Fabio Grassadonia e Antonio Piazza registi di Sicilian Ghost Story, che ha inaugurato con grande successo la Semaine de la Critique del Festival di Cannes. La Master Class sarà preceduta dalla proiezione del film La morte corre sul fiume (The Night of the Hunter, 1955) diretto da Charles Laughton, un film drammatico, un “classico” che ha per sempre cambiato il volto della settima arte e che ha ispirato e influenzato i due grandi registi siciliani.  Il 9 luglio è la volta di Isabella Ragonese, vincitrice del Globo d’Oro come migliore attrice protagonista del film “Il padre d’Italia”.  La Masterclass sarà preceduta dalla proiezione di Il primo incarico di Giorgia Cecere, film intenso che racconta la storia di una maestra al suo primo incarico, Nena, che deve lasciare famiglia e fidanzato e trasferirsi in un paesino della Puglia. L’omaggio a Isabella Ragonese continuerà per tutte le giornate del festival alle ore 16.00, con altre quattro proiezioni di film indicati direttamente dall’attrice: Tutta la vita davanti di Paolo Virzì, Sole cuore amore di Daniele Vicari e Dieci inverni di Valerio Mieli e Il padre d’Italia di Fabio Mollo.

Sette i film stranieri in anteprima nazionale tutti provenienti da Cannes.  Rodin di Jacque Doillon, Hikari (Radiance) di Naomi Kawase, Becoming Gary Grant di Mark Kidel, Oh Lucy di Atsuko Hirayanagi, Patti Cakes di Jeremy Jasper, La Cordillera di Santiago Mitre e Le Phantomes d’Ismael di Arnaud Desplechin.

La cinematografia italiana sarà protagonista al Palazzo dei Congressi con alcune prime assolute: Totò e Vicè di Umberto De Paola e Marco Battaglia, un affettuoso omaggio a Franco Scaldati, Mario Soffia sulla cenere di Alberto Castiglione.

Completeranno il palinsesto Handy di Vincenzo Cosentino Alamar di Pedro Gonzales Rubio e Sette giorni di Rolando Colla.

Un nutrito gruppo di documentari: La luce di Pino Pinelli di Mimmo Calopresti e Macbeth di Daniele Campea in prima nazionale, nonché Prova contraria di Chiara Agnello, Saro di Enrico Artale, Mexico un cinema alla riscossa di Michele Rho, La prova di Ninni Bruschetta, La mia Battaglia di Franco Maresco e   Nessuno ci può giudicare di Steve Della Casa,

 

Il Taormina FilmFest 2017 organizzerà sabato 8 luglio insieme al Comune di Taormina La Notte  del Cinema con proiezioni di film, documentari, concerti e presentazioni di libri in angoli suggestivi di Taormina e con due film: “Arancia meccanica” di Stanley Kubrick e “Lezione 21” di Alessandro Baricco che indagheranno a fondo la IX Sinfonia di Beethoven, eseguita nella stessa sera al Teatro Antico dall’Orchestra e Coro del Massimo di Palermo, diretta da uno dei più grandi direttori d’orchestra del mondo, Zubin Mehta. Ed ancora due spettacoli dal vivo che incontreranno certamente il consenso del pubblico e dei tanti turisti presenti con note musiche da film nel cuore di Taormina. Alla fisarmonica a Piazza IX Aprile, Pietro Adragna che esegue musiche di Luis Bacalov tratte da Il Postino e al pianoforte a Casa Cuseni, Giovanni Renzo accompagna le immagini de Il Gabinetto del dottor Caligari. Una Notte all’insegna del cinema d’autore che spazierà dal genere horror, al sentimentale, dai corti ai documentari in un susseguirsi di eventi sino a tarda notte.

Sono inoltre previste presentazioni di libri a tema cinematografico. Il set delle meraviglie.di Luciano Mirone, Marco Tullio Giordana di Marco Oliveri e Anna Paparcone, Da Cassino a Hollywood di Ugo Di Tullio e Faccio cose, vedo gente di Giovanni Bogani. L’iniziativa è coordinata da Milena Romeo.

Come ormai tradizione la preapertura della manifestazione si svolgerà il 5 luglio a Messina al Monte di Pietà in collaborazione con la Città Metropolitana di Messina.

L’edizione numero sessantatré del festival di Taormina è organizzata direttamente da Taormina Arte e gode del cofinanziamento della Regione Siciliana, Assessorato Regionale al Turismo, Sport e Spettacolo, attraverso l’Ufficio Speciale per il  Cinema e l’Audiovisivo / Sicilia Film Commission, nell’ambito del programma Sensi Contemporanei e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Direzione Generale Cinema e del supporto dell’Anec, del Comitato di Coordinamento dei Festival Siciliani,  delle Università di Messina e Catania, del Cral della Città Metropolitana di Messina della Fondazione Albatros e dell’IISS Salvatore Pugliatti di Taormina.

Partner privati del festival sono: Jaguar, Coca Cola e Sibeg e Gerardo Sacco e la Fondazione Albatros, IISS Salvatore Pugliatti di Taormina.

Partener tecnici sono: Exposistem, Mollura arredamento.

Partner del settore Food: NonsoloCibus, Pasticceria Lillo Freni, Cannata la Boutique del pane, Caffè El Negrito, Vaja Beer and Food, Steccogelato, Siculo Divino.

20 mila biglietti venduti: la prima edizione di TaoMusica è già la rassegna musicale dell’anno in Sicilia

20 mila biglietti venduti: la prima edizione di TaoMusica è già la rassegna musicale dell’anno in Sicilia

Puntoeacapo Srl, con la direzione  artistica di Nuccio La Ferlita, presenta la prima edizione di “TaoMusica” nella splendida cornice del Teatro Antico di Taormina, rassegna dedicata alla musica popolare contemporanea italiana e straniera, che  ha inaugurato gli eventi dell’estate 2017 del Teatro Antico, subito dopo il G7, con i tre concerti, in esclusiva Siciliana, dei giovani tenori de Il Volo, coprodotti con F&P Group, la Fondazione Pavarotti e la partecipazione dell’orchestra del Taormina Opera Stars.

TaoMusica 2017 con i suoi 20 mila biglietti già venduti in prevendita si candida a consacrarsi come la rassegna più importante in termini di affluenza di pubblico pagante della Sicilia: si stima il raggiungimento di almeno 30 mila presenze.

I biglietti sono stati acquistati negli Stati Uniti, in Inghilterra, Germania, Russia, Spagna, Israele ecc mentre quelli acquistati in Italia quasi il 30% fuori dalla Sicilia e la quasi totalità venduta a pubblico non Taorminese.

Il pubblico della musica riempirà le strutture turistiche Siciliane e Taorminesi in particolare, frequentando ristoranti e gli esercizi commerciali, muovendo così l’economia del territorio e producendo un indotto economico importante stimato ben 7 volte superiore a quello dell’incasso generato dalla vendita dei biglietti.  TaoMusica incasserà all’incirca un milione e mezzo di euro che moltiplicato per 7 significa più di dieci milioni di euro di PIL per la Sicilia e questi sono numeri incontrovertibili.  La sola Regione Siciliana attraverso le casse del Parco Archeologico incasserà da TaoMusica intorno a sessantamila Euro.

Con orgoglio Puntoeacapo srl attività privata, ad oggi senza alcun sostegno pubblico e contro ogni difficoltà burocratica e persino complicanze nell’ottenimento delle date del Teatro Antico del quale ha sempre avuto il massimo rispetto ed ha ottemperato ogni misura possibile per la sicurezza del Teatro stesso e del suo utilizzo per gli spettacoli,

registra finalmente un piccolo grande segnale di apertura all’attività imprenditoriale grazie all’assessore Anthony Barbagallo, che parteciperà contribuendo a favorire l’attività legata alla promozione turistica e alla sicurezza di alcuni degli eventi presenti in rassegna.

La musica è terapia per il corpo e per l’anima, produce benessere fisico e contribuisce a spingere via le nuvole, quelle della routine e delle stress di tutti i giorni e migliora lo spirito.

Gli appuntamenti di TaoMusica 2017 ancora in prevendita sono: Nek 23 luglio, Alvaro Soler 17 agosto, Afterhours 22 agosto, Francesco Renga 23 agosto, Mario Biondi 24 agosto, Daniele Silvestri 25 agosto, Fiorella Mannoia 26 agosto e Massimo Ranieri 27 agosto.

Puntoeacapo srl è già al lavoro per l’edizione del 2018 grazie ad una maggior collaborazione con gli enti pubblici già avviata con l’Assessorato ai Beni Culturali, con il Parco Archeologico e in particolare con l’Assessorato regionale al Turismo, Sport e Spettacolo e alla sensibilità al territorio dimostrata dall’assessore Anthony Barbagallo.

Gianluca Russotti, il manager di tronisti e naufraghi torna single

Gianluca Russotti, il manager di tronisti e naufraghi torna single

L’avevamo lasciato così: innamoratissimo e pronto a convolare a nozze il 1 settembre. E invece, Gianluca Russotti, il manager di vip e tronisti è tornato single. La love story con la sua fidanzata catanese, con la quale convive da più di un anno, è finita. E pensare che era già tutto pronto: la cerimonia in una chiesa molto conosciuta nel centro storico di Catania, nei pressi di Piazza Duomo, e la cena di ringraziamento in una lussuosa villa di Biancavilla. E invece, i due innamorati, si sono lasciati. “Divergenze e incomprensioni” commenta Russotti senza entrare nei dettagli. E pare che già qualche mese fa i due avessero deciso di rinviare le nozze. Ma saranno state davvero le incomprensioni a far scoppiare la coppia? C’è chi dice di averlo già visto in dolce compagnia per i locali di Taormina.

Ma chi sarà la fortunata? Mentre ce lo domandiamo è già iniziata la calda estate da single per Gianluca, un’estate di lavoro ma anche tanto divertimento. Nascerà un nuovo amore? Chissà.  E intanto lui commenta così: «Nel mondo dello spettacolo non è facile avere relazioni serie e soprattutto durature perché spesso le ragazze farebbero di tutto per farsi vedere con me e il personaggio di turno. Per questo preferisco corteggiare che essere corteggiato».

Ad appena 38 anni, Gianluca Russotti ha nel suo team tanti personaggi di spicco della tv. Da Cecilia Rodriguez a Francesco Monte, passando per Nicole Mozzicato, Fabio Colloricchio, Tara Gabriletto, Alessio Lo Passo, Aldo Palmieri, Giulia De Lellis e tanti altri. Una carriera costruita lentamente che lo ha reso noto ormai come il manager di tronisti e naufraghi.