“Diciotto canzoni per diciotto squadre di calcio sono state presentate questa sera al teatro “Ariston”, affollato di tifosi, dirigenti sportivi e calciatori, da alcuni dei più noti cantanti italiani, con l’accompagnamento dell’orchestra De Martino. Era la finale del concorso “Una canzone per la vostra squadra”; lanciato dall’organizzatore degli ultimi festival sanremesi, Gianni Ravera, fra tutti gli sportivi italiani”. Così recita “La Stampa” del 24 marzo 1964, a pochi giorni dalla conclusione del più noto Festival della Canzone Italiana tenutosi, ovviamente, sempre a Sanremo. Pubblico quindi delle grandi occasioni per la rassegna canora della canzone sportiva, un pubblico appassionato come appassionato è Alessandro Lancellotti collezionista di questo tipo di vinili riguardanti gli “Inni” delle squadre di calcio.

Alessandro è di Vicenza ha trentacinque anni per 199 cm di altezza. Laureato in Scienze Storiche a Padova ora segue Demo Etno Antropologia a Venezia. Nel frattempo gestisce un Bed & Breakfast e collabora con “Radio Vicenza” dove cura una rubrica sulla storia del calcio e presenta gli avversari di turno del Lanerossi rifacendosi ai precedenti storici. Se tutto ciò non bastasse, è anche un grandissimo conoscitore della storia militare. Alessandro, da ragazzo, ha giocato “tra i pali” e questa passione per il calcio l’ha portato a studiare le sue storie, anche quelle più particolari e sconosciute ai più. Potremmo ascoltarlo per ore su tantissimi argomenti ma decidiamo di farci raccontare “solo” la sua passione per i vinili relativi alle squadre di calcio. Senza dimenticare che possiede anche oltre 1.000 libri con i quali ha ricostruito la storia delle sponsorizzazioni e dei fornitori sportivi nel mondo del calcio dal 1962 a oggi. Insomma siamo di fronte ad una “Enciclopedia del Calcio”.

Come nasce la passione per i vinili?Quando ero ragazzino utilizzavo il giradischi di mia nonna, un vecchio modello della Grundig. Ci ascoltavo i dischi di Goldrake e Jeeg Robot, ma anche Simon And Garfunkel e la famosa The Sound Of Silence, colonna sonora del Laureato. Sono sempre stato un appassionato della musica e del calcio, inevitabile quindi che i vinili relativi alle società calcistiche finissero per attirare la mia attenzione”. Alessandro è un fiume in piena quando racconta le sue passioni, la storia e la musica…e il suo Lanerossi Vicenza: “Nel 1964 ci fu un concorso, a Sanremo, dedicato alle canzoni per le squadre di calcio e a cantare quella dedicata al Vicenza, dal titolo Forza, Forza Lanerossi, fu il Quartetto Radar. Era un quartetto vocale con uno stile molto simile a quello del più famoso e conosciuto Quartetto Cetra. Al quartetto sul palco dell’Ariston si aggiunse una voce femminile vicentina: Flo Sandon’s, pseudonimo di Mammola Sandòn. La cantante ebbe una grandissima carriera, nota soprattutto per aver cantato per la prima volta nel 1952 “Non dimenticar” doppiando il canto di Silvana Mangano nel film “Anna” di Alberto Lattuada, dove recitarono anche Raf Vallone e Vittorio Gassman. Il disco superò il milione di copie vendute, un successo enorme. Flo Sandon’s vinse anche il festival di Sanremo nel 1953. A lei e al marito va anche il merito di aver scoperto Mina. Fu proprio Mammola Sandòn, tifosa del Lanerossi dell’epoca a convincere il Quartetto ad interpretare una canzone metà in dialetto e metà in italiano. Altro disco storico è quello relativo all’ulteriore inno del Vicenza, tra i più vecchi in assoluto risale infatti alla fine degli anni ’50, l’Inno Biancorosso cantato da Franco Barbieri con il complesso i Calabroni, molto bello…Noi siamo biancorossi tifosi del Vicenza, amiam’ la nostra squadra che ci darà speranza, se anche qualche volta fortuna non avrà, sempre nel nostro Cuore la squadra rimarrà”.

 .

“In collezione ora ho oltre 600 vinili, italiani ed esteri, tutti catalogati. Li tengo nella libreria, tra i libri” … storia e musica viaggiano di pari passo. “Oltre agli inni si possono trovare una serie di vinili che sono dei veri e propri documentari, per opera di mostri sacri come Ezio Luzzi e Sandro Ciotti. In queste raccolte, in formato 33 giri, si racconta la storia delle società di calcio e sono accompagnati da un vero e proprio libro denso di fotografie e dati statistici”. Opere d’arte aggiungiamo noi.

(Per gentile concessione di Fabrizio Schimdt)

.“Per recuperare i vinili scandaglio tutti i mercatini della zona e non solo, oltre a Ebay ovviamente. Ce ne sono alcuni molto difficili da trovare, in generale i più rari sono quelli delle squadre minori, prodotti con una tiratura più limitata. In particolare, secondo me, quelli del Latina, del Campobasso, ma anche quello del Casale sono davvero più unici che rari. Poi ci sono quelli che ancora non ho trovato, che sto cercando. Un aneddoto: sapevo dell’esistenza di due vinili uno della Roma e uno della Lazio, voci di Robertino e Aura D’Angelo. Ho contattato la casa discografica, la Carosello Records, per avere almeno delle foto di quei dischi. Sono stati gentilissimi e in un paio di giorni ho ricevuto le scannerizzazioni. Ora almeno so cosa devo cercare”.

.

E i prezzi?Non ho mai speso cifre folli, pur confessando che alcuni li ho pagati 100 euro. Sono davvero pochi quelli così rari che raggiungono queste cifre e comunque non sono mai andato oltre”.

Davvero una bellissima esperienza aver vissuto questi momenti con Alessandro. Ci ha portato indietro nel tempo parlandoci dall’alto della sua grandissima conoscenza, e dei suoi 199 cm, anche delle sigle di programmi come la Domenica Sportiva: Pop Corn dei La Strana Società colonna sonora della stagione 1972-73 o Winning the West dei Buddy Rich Big Band colonna sonora dal 1973 al 1976, passando per Taste of Honey di Herb Alpert & The Tijuana Brass utilizzato per la sigla della trasmissione Tutto il Calcio Minuto per Minuto per poi arrivare a Pancho di Jack Trombey sigla di 90° Minuto. Motivi che tutti conosciamo, che abbiamo fischiettato, ma di cui spesso non sappiamo nulla di più.

Proprio questa estate France Football ha stilato una classifica degli inni più belli delle squadre di calcio. In prima posizione “You’ll never walk alone”, Liverpool. Al secondo posto c’è “Roma Roma Roma”, il famosissimo inno della compagine giallorossa di Antonello Venditti. E all’ottavo posto una sorpresa: l’inno della Cavese, “Dale Cavese”. Chiediamo ad Alessandro: quali sono i tuoi inni preferiti oltre a quelli del Vicenza? “Sicuramente l’inno del Voghera in ambito nazionale, mentre all’estero direi Cardiff City Superstar”. Parola di Alessandro Lancellotti. Dove ascoltarli? Sulla sua pagina Facebook: Music e Football Records.

.

Close