Alan Pulido, uno dei punti cardine del favoloso Messico arrivato terzo al Mondiale U20 in Colombia nel 2011 (vinto dal Brasile di Oscar e Casemiro in finale col Portogallo di un giovanissimo Mario Rui) è stato rapito e poi liberato da una banda di criminali in Messico.

Il 25enne attaccante dell’Olympiakos fresco campione di Grecia è stato rapito a Ciudad Victoria, nel nord del Messico, da una banda, pare a scopi estorsivi ed è stato liberato grazie ad un’operazione delle autorità statali e federali del Messico. Pulido si trovava ad una festa con la fidanzata, anche lei rapita ma immediatamente liberata, in quella che è una delle zone più pericolose dello stato centro-americano, il Tamaulipas.

Pulido era rientrato in patria da circa una settimana dopo il campionato greco. Ora è in convalescenza in un ospedale di Ciudad Victoria con una mano fasciata, ma in buona salute.

Secondo Universal Online, un sito di informazione messicano, il calciatore sarebbe stato raggiunto da alcune auto mentre ritornava a casa dalla festa che, armati, avrebbero portato via la coppia, per poi rilasciare la fidanzata.

In ospedale è poi giunto anche Egidio Torre Cantù, governatore dello Stato di Tamaulipas, rassicurando i media sulla salute del giovane atleta messicano.

 

Close